Immagini

Prossimi Concerti

Necessito HC

Tanto Di Cappello Records

IoPogo - Headbang Yourself

Gang Green

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front

Top 100 Joomla

Clicca qui per votare
www.joomla.it
Anarchismo In Divenire (di A Rivista Anarchica) Stampa
Anarchia
Scritto da Joel   
Venerdì 19 Dicembre 2014 10:00
Anarchismo In Divenire
Anarchismo In Divenire (di A Rivista Anarchica)

http://www.arivista.org/?nr=394&pag=57.htm

A Rivista Anarchica

Smettiamola di rappresentarci come fossimo in guerra permanente contro immagini/fantoccio, che ormai servono solo come spauracchio del potere per tenerci impegnati in "faccende" destinate all'annichilimento. Per un nuovo anarchismo costruttivo e sperimentale. Il dibattito e' aperto.

Per moltissimi il mondo attuale e' poco attraente e per tantissimi altri sta diventando addirittura invivibile. Una condizione diffusa che di per se' dovrebbe essere sufficiente a spingere masse umane insoddisfatte verso un'alternativa di liberazione sociale. Il palese fallimento storico del bolscevismo inoltre avrebbe in teoria dovuto favorire adesioni ai movimenti anarchici, che dovrebbero pullulare di adepti e simpatizzanti irresistibilmente attratti.
 
Pregi E Contraddizioni Di Un Mercato: La Situazione Del Vinile (di Sentireascoltare) Stampa
Varie
Scritto da Joel   
Giovedì 18 Dicembre 2014 10:00
Pregi E Contraddizioni Di Un Mercato: La Situazione Del Vinile
Pregi E Contraddizioni Di Un Mercato: La Situazione Del Vinile (di Sentireascoltare)

http://sentireascoltare.com/news/pregi-contraddizioni-mercato-dischi-vinile/

Sentireascoltare

Nel 2014 sono stati venduti quasi 8 milioni di dischi in vinile negli USA (un milione di copie in Inghilterra), con una crescita del 49% rispetto all'anno precedente. Eppure le macchine che li producono, come sottolinea il Wall Street Journal, non vengono piu' costruite su larga scala da decenni, tanto che pare che una sola compagnia sopperisca al 90% del fabbisogno di produzione di dischi in vinile di tutti gli Stati Uniti. Ovvio come questa situazione porti a conseguenze negative sulla disponibilita' del formato sul mercato e, probabilmente, anche sui prezzi, una situazione che nasce dal fatto che le grosse compagnie non credono ancora che la vendita di vinile (per quanto buona, rimane comunque una nicchia) giustifichi un investimento per produrre nuovi macchinari per la stampa dei dischi.

Nel frattempo, sembra aperta la caccia agli impianti di produzione. The Vinyl Factory riporta che RIP-V, una struttura di Montreal per la stampa dei dischi, e' stata acquisita da un gruppo di "veterani dell'industria musicale" americani, dopo che i proprietari si sono resi conto di non poter fisicamente soddisfare tutte le richieste che arrivavano loro. Lo stesso The Vinyl Factory ha diffuso una mappa dei principali impianti di produzione di album in vinile a livello mondiale. Sarebbero in tutto 40.
 
"La Metti Una Firma Contro La Droga?": Il Caso Della Cooperativa Lautari. (di Wild Italy) Stampa
Varie
Scritto da sberla54   
Mercoledì 17 Dicembre 2014 10:00
"La Metti Una Firma Contro La Droga?": Il Caso Della Cooperativa Lautari. (di Wild Italy)

http://www.wilditaly.net/la-metti-una-firma-contro-la-droga-il-caso-della-cooperativa-lautari-19810/

Wild Italy

E' Dicembre, cammini per le strade della tua citta' in cerca di qualche idea non banale per i regali di Natale quando ad un certo punto un ragazzo sbuca dal nulla e ti domanda a bruciapelo: "Ciao! La metti una firma contro la droga?". Li' per li' pensi: "ma si' dai, una raccolta firme per una legislazione seria sul tema merita di essere supportata". Non si tratta pero' di questo. Si firma, usando le parole di alcuni di questi ragazzi, "per solidarieta'" (quale solidarieta'?). Una volta firmato poi ecco la richiesta: "stiamo chiedendo a tutti di lasciare un contributo economico. Di solito piu' di 5 euro". Se il ragazzo ti convince, firmi e mentre lo fai ti viene sciorinata la storia di come da tossicodipendente e' riuscito a farcela, ad uscire dal tunnel.

Nulla da eccepire, ci mancherebbe altro. Se non fosse che molto spesso c'e' di piu' dietro cio' che appare ai nostri occhi.
 
Intervista Ai Raw Power Stampa
Interviste
Scritto da Punx666   
Martedì 16 Dicembre 2014 10:00
Raw Power
Intervista a Mauro Codeluppi, voce degli storici Raw Power, in occasione dell'uscita del nuovo disco della band dal titolo Tired And Furious. Una breve chiaccherata alla scoperta di uno dei pochi gruppi punk hardcore italiani famosi anche oltre oceano.

Punx666: Ciao Mauro, come ti va la vita? Dunque...Tired And Furious e' il vostro 12° album in studio (se non ho fatto male i calcoli) in 33 anni di carriera. La prima domanda un po' scontata e' quindi: perche' oggi ti senti stanco e furioso.

Mauro: Va bene diciamo...come vedi vista la velocita' con cui ho risposto alla tua mail, sto invecchiando e rallentando...purtroppo prima o poi doveva capitare...per il numero degli album mi fido di te...non li ho mai contati (alcuni nemmeno ascoltati!!!). Perche' stanco e furioso?...be' diciamo che dopo piu' di 30 a suonare, scrivere testi, mi trovo ancora a dover parlare delle stesse cose di cui parlavo agli inizi e cio' puo' solo voler dire che in tutto questo tempo non e' cambiato un cazzo e anzi se possibile le cose sono peggiorate. Penso ci sia un abbondanza di motivi per essere stanchi e incazzati, specialmente in questo paese di merda. Se ci guardiamo in giro non e' che gli altri paesi facciano salti di gioia, ma qui in Italia oltre che essere i pagliacci d'Europa, succedono cose oltre al limite della decenza, cose che sono difficili da credere, che succedano ancora nel 2014, il problema e' che come sempre noi italiani ci siamo abituti da sempre a questo andazzo e non facciamo mai niente per cambiare le cose, brontoliamo un po' ma poi alla fine, mandiamo giu' l'ennesimo scandalo, ci facciamo inculare dal nuovo politicante di turno e alla fine essere stanchi e furiosi non cambia e non conta una benemerita sega.
 
Raw Power - [2014] Tired And Furious Stampa
Recensioni
Scritto da Punx666   
Lunedì 15 Dicembre 2014 10:00
Raw Power - [2014] Tired And Furious
Raw Power - [2014] Tired And Furious
01 - We're Moving
02 - Don't You Dare Blame Us
03 - Time To Remember
04 - S.L.S.
05 - Things Are Bad
06 - Tired And Furious
07 - Reunions
08 - Sin With Me
09 - Stabbed In The Back
10 - I Won't Let You
11 - What Would You Say
12 - Cancer
13 - You're The Man
14 - Bitch
15 - Falling Down
16 - Enough Is Enough

I Raw Power sono per me il gruppo italiano più importante.
 
Rancid - "...Honor Is All We Know" Drive Along Album Stream Stampa
PuNk4Tube
Scritto da sberla54   
Domenica 14 Dicembre 2014 10:00


 
Tony Hawk Prova Un Vero Hoverboard Stampa
Video
Scritto da sberla54   
Domenica 14 Dicembre 2014 10:00


 
Mia Moglie Illesa Dopo Un Ictus. Modena, Quando La Sanita' Funziona Davvero. (di Te L'Ho Chiesto?) Stampa
Varie
Scritto da sberla54   
Sabato 13 Dicembre 2014 10:00
Mia Moglie Illesa Dopo Un Ictus. Modena, Quando La Sanita' Funziona Davvero.
Mia Moglie Illesa Dopo Un Ictus. Modena, Quando La Sanita' Funziona Davvero. (di Te L'Ho Chiesto?)

http://telhochiesto.blogspot.it/2014/11/mia-moglie-illesa-dopo-un-ictus-modena.html

Te L'Ho Chiesto?

Mi dici cosi', mentre mi baci e sposti indietro i capelli in un gesto che ti ho vista fare tante volte. Sei bellissima Ilaria, lo penso tutte le volte che ti vedo, anche se siamo sposati da 17 anni e ci conosciamo dai tempi dell'universita'.

Sono le cinque e mezzo del pomeriggio e a Bologna e' buio. D'altro canto e' il 14 Gennaio, siamo nel cuore dell'inverno, le giornate sono ancora cortissime. L'aria e' secca, ma non c'e' il freddo che ti aspetteresti.
Mi avevi telefonato da Modena un paio d'ore prima: "Ho il pomeriggio libero, quasi quasi prendo il treno, vengo a Bologna, guardo qualche vetrina e poi torniamo insieme a Modena quando finisci di lavorare. Ok?".
"Ok", ti avevo risposto. "Alle cinque devo intervistare uno. Finisco di fare l'intervista e poi ci vediamo in via San Carlo".
 
Gian Maria Volonte', 20 Anni Fa Moriva Un Attore Totale E Mimetico (di Il Fatto Quotidiano) Stampa
Varie
Scritto da sberla54   
Venerdì 12 Dicembre 2014 10:00
Gian Maria Volonte'
Gian Maria Volonte', 20 Anni Fa Moriva Un Attore Totale E Mimetico (di Il Fatto Quotidiano)

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/12/05/gian-maria-volonte-luciano-moro-20-anni-fa-moriva-attore-totale-mimetico/1251713/

Il Fatto Quotidiano

Il regista Montaldo al Fatto.it: "Ogni personaggio una cadenza, una camminata, una postura differente. E poi bastava uno suo sguardo o un suo silenzio. Aveva una potenza espressiva enorme... Che incanto"

L'operaio Lulu' Massa e il bandito Cavallero, Enrico Mattei e Lucky Luciano, Aldo Moro versione Todo Modo o Il Caso Moro e l'anarchico Bartolomeo Vanzetti, il conservatore capo della Omicidi di "Indagine..." e il pacifista tenente Ottolenghi di "Uomini contro". Questi sono solo alcuni tra i 57 personaggi apparentemente agli antipodi interpretati in appena 23 anni di carriera da Gian Maria Volonte', l'attore milanese che il 6 Dicembre del 1994 mori' a Florina per un infarto durante le riprese de Lo sguardo di Ulisse di Theo Angelopulos a soli 61 anni.
 
Clima, La Carne Incide Piu' Dei Trasporti (di Focus) Stampa
Varie
Scritto da sberla54   
Giovedì 11 Dicembre 2014 10:00
Clima, La Carne Incide Piu' Dei Trasporti
Clima, La Carne Incide Piu' Dei Trasporti (di Focus)

http://www.focus.it/ambiente/ecologia/cambiamenti-climatici-la-carne-incide-piu-dei-trasporti

Focus

L'industria del bestiame responsabile, da sola, di una quantita' di gas serra maggiore di quella emessa dai trasporti. Ridurre il consumo di carne e latticini e' necessario, per non vanificare gli sforzi fatti nel contrastare il global warming.

Ridurre il consumo di carne e prodotti caseari contribuirebbe a ridurre le emissioni di gas serra all'origine del riscaldamento globale. Gia', ma di quanto? Un nuovo rapporto di Chatham House, un'organizzazione non governativa britannica che promuove analisi e riflessioni sulle questioni di maggiore attualita' internazionale, l'industria del bestiame e' responsabile, da sola, di piu' emissioni dannose di quelle prodotte dal settore trasporti.

Senza una decisa riduzione dei consumi di carne e latticini, ogni sforzo di contenere il riscaldamento globale entro un limite accettabile sfumerebbe, anche se si decarbonizzassero interi settori come quello energetico o dei trasporti (uno scenario comunque impossibile).
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 301