Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Racconti Mass Veneri - La Mafia Del Natale (Tratto da Storie E Scorie)
Mass Veneri - La Mafia Del Natale (Tratto da Storie E Scorie) Stampa
Racconti
Scritto da Joel   
Martedì 14 Giugno 2011 05:00
Mass Veneri - Storie E Scorie
La Mafia Del Natale (di Mass Veneri)

Tratto dal libro "Storie E Scorie"

"Natale sta arrivando arriva CocaCola"
Noto spot pubblicitario

Qualche sprovveduto crede ancora che a Korvatunturi, una minuscola frazione della citta' di Rovaniemi, risieda Babbo Natale.
La verita', cari lettori, e' che il panciuto signor San Nicola lavora soltanto in suddetta localita' ma risiede sull'isola di Lankayan in Malesia, un atollo tropicale nel Mar di Sulu.
Quest'oggi, primo giorno di Dicembre di un anno qualsiasi, Babbo Natale si incontra con le sue socie in affari Santa Lucia e La Befana.
"Accomodatevi signore" dice alle donne, poi diretto a Piergiorgio - il suo folletto di fiducia - ordina un giro di negroni.
"Preferirei un americano" lo corregge La Befana.
Piergiorgio fa cenno di aver capito e saltella veloce verso il bar.
"Americano?" domanda Babbo Natale ed aggiunge: "A cosa dobbiamo questo cambiamento?"
"Ho scoperto di preferire il gin abbinato al rhum piuttosto che al Martini" risponde La Befana.
Santa Lucia si sistema sulla sdraio e rivolta a San Nicola chiede: "Come procedono i lavori a Korvantunturi?"
Nel frattempo arriva Piergiorgio e distribuisce i cocktails.
"Grazie Pier" gli dice Babbo Natale, poi diretto a Santa Lucia fa: "I lavori procedono bene anche se i folletti diventano di anno in anno meno efficienti"
"Dovresti assumerne qualcuno in piu'" interloquisce La Befana.
"Bevi il tuo americano e stai zitta! Sono finiti i tempi dei contratti a tempo determinato... O lavori - e duro! - o te ne torni nella foresta" taglia corto San Nicola.
I tre si concentrano sui loro cocktails e si godono il sole per un po'.
"I legali della Fata dei Dentini mi hanno mandato un'altra lettera" dice Babbo Natale mollando per un attimo la cannuccia.
Le donne sobbalzano come se la notizia le avesse punte sul sedere.
"Ancora per quella storia?!" sbotta Santa Lucia indispettita.
"Esattamente" conferma il pancione.
"Quanto ci costera' corrompere i giudici?" chiede La Befana.
Babbo Natale fa una faccia indispettita, ordina a Piergiorgio un secondo giro e dice: "Sei sempre la solita! Chissenefrega di quello che puo' costare"
"Visto che siamo in tema: si e' piu' saputo niente dal Coniglietto Pasquale?" domanda Santa Lucia.
"No. L'ultima protesta risale a cinque pasque fa" risponde San Nicola.
Santa Lucia scoppia in una fragorosa risata. "La famosa Pasqua che gli abbiamo fatto sequestrare la moglie per costringerlo a ritrattare!" esclama tutta divertita.
"Esattamente. Quel povero coniglio, senza moglie, non e' nemmeno capace di farsi un uovo al tegamino" aggiunge La Befana sghignazzando.
I tre se la ridono beatamente e tracannano il secondo cocktail prendendo in giro il Coniglietto.
"Quei deficienti lo capiranno prima o poi che il racket dei regali e' nostro e nostro soltanto" borbotta Babbo Natale alzandosi dalla sdraio.
"Che ne dite di fare un bel bagno?" domanda poi alle donne dirigendosi verso il bagnasciuga.
Santa Lucia si alza e lo segue.
"E tu?" domanda rivolta alla Befana.
"Me ne sto qua a prendere il sole...Guarda come sono bianca" le risponde lei mostrando le braccia.
"Se fai il bagno ti abbronzi di piu'" la informa Babbo Natale, dopodiche' tasta l'acqua col piede e ritraendolo fa: "Brrrrrrrr"
La Befana lo guarda con espressione svogliata.
"E poi e' troppo fredda" sancisce.
San Nicola le mostra i palmi come a dire "fai quello che vuoi" e si tuffa.
"Vieni! E' una favola!" dice diretto a Santa Lucia.
La donna non ci pensa su due volte e si tuffa seguendo l'esempio dell'omone con la barba bianca.
La Befana si spruzza l'abbronzante e si corica. "Raggi UV a me!" invoca diretta al sole.
Cosi', mentre La Befana dichiara guerra al suo pallore, Babbo Natale e Santa Lucia si allontanano dalla riva nuotando.
Quando sono abbastanza in la, la donna protesta: "Quella strega mi ha rotto le scatole per tutto il viaggio!"
Babbo Natale osserva Santa Lucia amorevolmente, dritta negli occhi. "Non preoccuparti. Questo e' il suo ultimo viaggio" la rassicura.
"Finalmente" dice lei.
Nel frattempo La Befana tiene il suo i-phone premuto sull'orecchio e parla concitatamente.
"Fai presto! Ti voglio qui in un minuto!" ordina al suo interlocutore.
Babbo Natale e Santa Lucia continuano la loro conversazione nuotando beatamente.
"Quando l'avremo fatta fuori, tutta l'energia positiva emanata dalle persone che hanno ricevuto un regalo sara' solo per noi e vivremo felici in questo paradiso tropicale" illustra Babbo Natale.
Santa Lucia si avvicina e lo bacia. "Certo amore mio" gli dice cingendolo con le braccia poi sfila un pugnale dal costume e lo colpisce in pieno petto.
Babbo Natale strabuzza gli occhi.
"L'energia ce la terremo solo io e La Befana. Ci amiamo, non lo sai?" gli rivela lei.
Cosi' dicendo gli sfila il pugnale dal petto, lo pulisce dal sangue e a rapide bracciate si dirige verso la riva.
Una volta raggiunto il bagnasciuga, Santa Lucia annuncia alla Befana: "Il bastardo e' morto"
La Befana le sorride e dice: "Vieni pure fuori Sam"
"Come?!" domanda Santa Lucia credendo di aver frainteso la frase.
Sam sbuca fuori da una palma ed impugna una pistola di grosso calibro. "Salve signora Lucia, io sono Sam" si presenta lo sconosciuto.
Santa Lucia non capisce e palleggia lo sguardo tra l'uomo e La Befana.
Sam non ci pensa troppo su: mira la donna alla fronte ed apre il fuoco.
Il proiettile si conficca in mezzo al volto della donna facendole saltare la testa.
"Grazie mille signora Befana, senza di lei non sarebbe mai stato possibile portare a termine la mia missione" dice Sam abbassando l'arma.
La Befana gli fa ok con la mano. "Ora voglio quello che mi spetta" dice.
Sam fa si' con la testa.
"Ovviamente. Il contratto parla chiaro: lei fa trovare a noi di CocaCola Company Babbo Natale e Santa Lucia e noi di CocaCola Company diamo a lei quello che le spetta"
Cosi' dicendo alza nuovamente la pistola ed esplode un colpo in direzione della Befana. "Un bel proiettile in bocca" urla sadicamente l'uomo.
La Befana cade a terra morta stecchita.
Sam si fa avanti verso il cadavere e dice: "Il vero contratto era diverso: lei fa trovare a noi di CocaCola Company Babbo Natale e Santa Lucia e noi di CocaCola Company facciamo fuori anche lei" e con tono epico aggiunge: "Ora siamo noi i re incontrastati delle feste! Ora solo noi ci nutriremo dell'energia positiva emanata dalle persone che hanno ricevuto un regalo!"
L'uomo sta per riporre l'arma nella fondina quando un pesante colpo di mazza da baseball gli piove sulla nuca. Si tratta del folletto Piergiorgio.
L'ex prediletto di Babbo Natale getta sulla sabbia la mazza e chiama a raccolta gli altri folletti.
"Leghiamolo ben stretto" poi, rivolto verso i suoi simili: "Abbiamo filmato l'accaduto e pure le parole di questo cretino, sia resa grazia ai cellulari di nuova tecnologia. CocaCola Company ci riempira' di quattrini e in breve i folletti conquisteranno la terra"
Mass Veneri

.SCARICA L'EBOOK.

.NOTA.
Il racconto e' tratto dal libro autoprodotto Storie E Scorie, di Mass Veneri.

.LINKS.
Home Page: http://massveneri.blogspot.com/
YouTube: http://www.youtube.com/ndmtv
Facebook: http://it-it.facebook.com/pages/Mass-Veneri/147827398618927
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.