Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Libri Carlo Cannella - La Citta' E' Quieta...Ombre Parlano, Una Storia Punk
Carlo Cannella - La Citta' E' Quieta...Ombre Parlano, Una Storia Punk Stampa
Libri
Scritto da Pierkna   
Giovedì 23 Aprile 2009 13:00
Carlo Cannella - La Citta' E' Quieta...Ombre Parlano, Una Storia Punk
Carlo Cannella - La Citta' E' Quieta...Ombre Parlano, Una Storia Punk

"Un ritmo terroristico mi colpi' al cervello. Non avevo mai sentito roba del genere. Trasudava disprezzo. Sembrava che il mondo non riuscisse a sopportarlo e stesse uscendo dalla stanza come impazzito, correndo a perdifiato per respirare aria pulita, [...] I musicisti saltavano come ossessi, avevano un'espressione di eccitazione volgare che fuoriusciva dai loro occhi come una ferita, e sembravano animati da una meschinita' e una durezza di modi decisamente sgradevoli. Il rumore che usciva dai loro amplificatori riempiva la stanza e aggrediva il pubblico. Sembrava la grande bocca di un rettile che se lo mangiava, il pubblico. Mi piaceva".

Come molte storie d'amore che trasformano la persona e ne scavano profondamente l'animo, quella di Carlo Cannella con il punk incomincia con un colpo di fulmine.
Folgorante e' infatti la scoperta ad una festa di compleanno nell'immobile Ascoli dei primi anni ottanta, di questa innovativa e genuina forma espressiva che strega il giovane Carlo, alimentando la sua naturale attitudine contraria, facendogli scoprire un efficace mezzo per esteriorizzare la propria rabbia e frustrazione, portandolo a vivere e conoscere nuove realta' umane.
La Citta' E' Quieta...Ombre Parlano, Una Storia Punk (il titolo e' tratto da un album dei Peggio Punx) raccoglie l'esperienza di vita diretta dell'ex cantante degli Affluente, quasi un'autobiografia, nel tetativo insieme ad altri singoli di creare una realta' marchigiana; l'intenzione specifica, che contraddistingue questo libro da altri simili, e' quella di raccontare appunto la diversa, piu' difficile situazione che risultava evidente in una citta' di provincia come Ascoli non di certo incline a cambiamenti o stimoli provenienti dall'esterno.
Lo scrittore, spesso protagonista, propone fotogrammi di eperienze intrise di vita quotidiana, crude, alternando descrizioni prospetticamente incentrate sulla realta' a lui vicina ad altre nazionali e internazionali trasmettendo una visione generale sufficiente del fenomeno che stava esplodendo; i personaggi che compaiono come ombre, fantasmi nella foschia generale omogenea sono fulgidi lampi di luce, anti-eroi primitivi rivestiti da un alone magico, spesso al margine della societa': i primi disagiati brutti, sporchi e marci animati da una forte passione interiore, radicale spesso negli eccessi.
Lo stile, per quanto possa dirvi io, non usufruisce di particolari rivoluzioni o stravolgimenti in senso letterario, ma basa la sua forza e aggressivita' sul contenuto trattato, sulla proposta di esperienze vissute, magari in parte identificatorie, ma semplicemente descrizione del reale, senza la necessita' di rivestirle con abiti concilianti o snaturarle, rendendole epiche.
Il racconto segue principalmente le diverse esperienze musicali di Carlo in ordine cronologico, con tutto cio' che vi ruota intorno, dalla prima prova con risultati scarsi e confusi, passando per gruppi tutt'ora fondamentali per l'Hc italico quali Dictatrista, figuranti tra le migliori realta' internazionali dell'epoca e recensiti con ammirazione da Tim Yohannan sulle pagine di Maximum Rock'n'Roll; agli Stige di Uniti Nell'Abbraccio (1988), pietra miliare e ancora generoso di emozioni, concentrato di rabbia; agli Affluente gruppo dall'innarrivabile proposta di contenuti, iconoclasta nel midollo, adrenalinico come pochi.
Tutto questo intervallato dai racconti di occupazioni lavorative, a volte inusuali (venditore di bibbie); dall'apparizione di figure particolari, fortemente conflittuali interiormente e affascinanti come Shino (R.I.P.); all'esperienza genuina del Virus, alla produzione di dischi con la propria etichetta indipendente, la Goddam Church quali People Of The Pit e Attitudine Mentale Positiva; alle prime storie sentimentali e concerti di band internazionali.
Concludendo, il libro in questione, prima esperienza da scrittore per Cannella, a me personalmente e' piaciuto molto tanto da, nonostante la versione in pdf, leggerlo praticamente d'un fiato, a tratti ironico, tragico, mistico e' soprattutto un bel calcio nelle palle con tanto di compiacimento finale.
Scelta particolare, ma quasi naturale per l'autore e' stata quella dell'autoproduzione, continuando a suo dire, la vecchia e perfortuna tutt'ora radicata, necessita' del D.I.Y. tanto cara specialmente ai primi hardcore punk: "l'autogestione della nostra vita e delle nostre attivita', la rinuncia alla mercificazione della produzione e dell'ingegno, il rifiuto del copyright".
Si ringrazia Carlo per la disponibilita'.
Pierkna

.SCARICA IL LIBRO.

.VIDEOCLIP.
Intervista A Carlo Cannella (Parte 1)
Intervista A Carlo Cannella (Parte 2)

.LINKS.
Blog Carlo Cannella: http://tuttodevecrollare.splinder.com/
E-mail Carlo Cannella: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Home Page Affluente: http://affluente.altervista.org/
MySpace Affluente: http://www.myspace.com/affluentehc
Wikipedia Affluente: http://it.wikipedia.org/wiki/Affluente_(gruppo_musicale)
Ottieni Il Libro: http://tuttodevecrollare.splinder.com/post/20260502/UN+REGALO

.CONDIVIDI.