Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Film I Predatori Di Atlantide - [1983] Ruggero Deodato
I Predatori Di Atlantide - [1983] Ruggero Deodato Stampa
Film
Scritto da sberla54   
Martedì 27 Gennaio 2015 09:00
I Predatori Di Atlantide - [1983] Ruggero Deodato
I Predatori di Atlantide (di FilmBrutti.com)

http://www.filmbrutti.com/reviews.php?ShowReview=197

FilmBrutti.com - B-movie E Disastri Cinematografici

Tre anni dopo aver stupito il mondo con "Cannibal Holocaust", Deodato regala la sua migliore perla filmbruttesca.
Ne "I Predatori di Atlantide", infatti, il buon Ruggero riesce a miscelare alla perfezione molti dei leit-motiv tipici del cinema di genere dando sfogo a tutta la sua vitalita' fracassona, senza mai cedere alla tentazione di far prendere al lungometraggio una piega semiseria.
Alla coppia di scavezzacollo bianco-nero che fara' la fortuna del ciclo Arma Letale, Deodato affianca la classica troupe di scienziati in cerca di civilta' scomparse e contrappone una banda di coloratissimi e pittoreschi bikers post-atomici generando uno scontro epocale che terra' col fiato sospeso lo spettatore fino alla fine del film. Il pretesto ideato per dare vita a questa effervescente sequela di combattimenti e' semplicemente geniale: gli scienziati stanno tentando di recuperare un sottomarino atomico da una piattaforma e nel contempo ritrovano una tavoletta con strani simboli. Coinvolgono dunque una archeologa esperta in "dialetti precolombiani", che immediatamente sentenzia che la tavoletta sia la prova inconfutabile dell'esistenza di Atlantide. E, fortunatamente per noi, ha ragione!

ll recupero del sottomarino, infatti, scatena un maremoto gigantesco che spazza via la piattaforma (effetti speciali indescrivibili, dovete vederli!), fa riaffiorare una misteriosa isola protetta da una cupola di plastica, e, soprattutto, riporta in vita i cattivissimi bikers che hanno come unico obiettivo dichiarato quello di sterminare gli umani. I sopravvissuti al maremoto vengono tratti in salvo da Mike e Washington, veterani del Vietnam dediti a missioni segrete per il governo: il gruppo finira' naufrago sull'isola dei bikers, dando inizio alla lotta per la sopravvivenza.
Avete letto bene: inizio. Perche' tutti questi eventi, che altri avrebbero usato per fare almeno tre film diversi, Deodato li condensa magistralmente in 20 minuti, dopodiche' abbandona qualsiasi freno inibitorio e da' fuoco alle micce.
La qualita' degli scontri a fuoco e' vertiginosamente alta: raramente si sono viste comparse cosi' convinte del proprio ruolo e stunt cosi' generosi nel prodigarsi in tuffi spericolati e stilisticamente perfetti. Lo spettatore godra' di una serie interminabile di prodezze: donne e uomini bruciati, mitragliate sparate a caso con mirabolante tuffo del malcapitato che viene colpito nonostante sia coperto da vegetazione fittissima, una testa mozzata ad un biker col classico trucco del filo, una donna che mentre urla si becca una freccia in bocca (il primo piano al pupazzo e' la storia del cinema), l'inutilissima morte dello scienziato predicatore della non violenza, la divertentissima scena del juke box, cattivi che per morire compiono balzi incredibili (memorabile il tuffo in mare di un biker colpito mentre viaggia a tutta velocita') ed un meraviglioso piano-sequenza nel quale i nostri eroi fuggono a tutta birra su un autobus tallonati da un elicottero dal quale continuano a calarsi sciamannati urlanti che vengono puntalmente impallinati (notare come si veda palesemente il vero pilota dell'elicottero alla guida con tanto di cuffie d'ordinanza).
Nel finale emerge prepotentemente l'ambientazione jungla: mentre tutti i suoi compagni tranne Washington cadono uno ad uno, Mike si mette in cerca della base segreta dove e' tenuta prigioniera l'archeologa e, dopo aver eliminato qualche guerrigliero con l'infallibile tecnica della "trappola all'americana", riesce a trovare la base, superare un paio di ridicole stanze-trappola ed a incontrare la donna, che vediamo sparire dentro uno schermo intabarrata come una geisha. Tornato all'elicottero che servira' per la fuga, Mike trovera' inspiegabilmente l'archeologa al suo interno: un colpo di scena accettato senza battere ciglio (anche perche' lei ha una voglia di trombare infinita) che arricchisce di pathos la sconclusionata trama di questo lungometraggio meraviglioso. Meraviglioso come i vestiti, il trucco e le moto tamarrissime dei bikers, guidati da un Bruce Baron che per tutta la durata del film indossa una misteriosa quanto ridicola maschera di teschio trasparente.
Marchino

.LINKS.
Fonte: I Predatori Di Atlantide
Home Page FilmBrutti.com: http://www.filmbrutti.com/
Wikipdia I Predatori Di Atlantide: http://it.wikipedia.org/wiki/I_predatori_di_Atlantide
IMDB I Predatori Di Atlantide: http://www.imdb.com/title/tt0086135/
Wikipedia Ruggero Deodato: http://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Deodato
IMDB Ruggero Deodato: http://www.imdb.com/name/nm0219959/?ref_=tt_ov_dr

.CONDIVIDI.