Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Politica Chi Non Occupa Preoccupa!
Chi Non Occupa Preoccupa! Stampa
Politica
Scritto da ThePuNkshOw   
Lunedì 09 Marzo 2009 17:30
TeLOS RiOccupa
A quanto pare c'e' chi non passa le giornate a farsi le canne, a scrivere puttanate sulle message board, a giocare a pes, a far finta di cercar lavoro.. etc etc.
Insomma, perfortuna c'e' gente che porta avanti le proprie idee i propi progetti le proprie (propie o proprie?) convinzioni.
Ieri (Domenica 8 Marzo 2009) i ragazzi del Collettivo la Fenice (un nome azzeccato) piu' una cinquantina di ragazzi ha occupato un nuovo stabile in quel di Saronno, un nuovo TeLOS si ristabilisce sotto un tetto con ben 4 mura.
Andate a portare la vostra solidarieta'/supporto portando le solite cose richieste dai ragazzi: "beni di prima necessita, tavoli, sedie, sacco a peli, stufe".
Non vorrei dire cazzate ma sembra che stasera fan festa con musica e birrini clandestini!
Ma molto probabilmente dico cazzate...in ogni caso il nuovo TeLOS e' in Via Milano n°17 angolo via Varese (SARONNO)
Nel Leggi Tutto il comunicato del TeLOS
SPAZIO ABBANDONATO SPAZIO OCCUPATO!

L’8 marzo rinasce il TeLOS in un altro stabile abbandonato saronnese, in linea di continuita' con la vecchia occupazione di via Concordia, e quella ancora precedente di via Galli; nonostante questi spazi siano stati sgomberati dalla nostra presenza (per essere entrambi ancora lasciati all’abbandono…), le forze di polizia e i politicanti saronnesi non possono di certo riuscire a disfarsi della nostra voglia di liberta', di autogestione, della necessita' di liberarci da tutto cio' che a Saronno e nell’intera societa' ci opprime fino a farci mancare il respiro.
La necessita' di vivere quotidianamente situazioni positive e autentiche, senza paura di ipocrisie, senza timore di dover sottostare a qualcuno, approfondendo la conoscenza con noi stessi e con gli altri e' per noi di vitale importanza.
Il valore di uno spazio occupato e autogestito sta proprio nel ridare la possibilita' alle nostre individualita' di crescere e autodeterminarsi senza piu' limiti, seguendo ognuno le proprie naturali inclinazioni, lontani dagli sguardi indesiderati e dal controllo asfissiante di autorita' e benpensanti. Uno stabile abbandonato, come tanti ce ne sono, rifiuto di un sistema economico e culturale che valorizza piu' la proprieta' rispetto alle persone, piu' il profitto che la vita, piu' la crescita economica che la felicita', e' il posto giusto dal quale ripartire per riprenderci finalmente le nostre vite. Creare momenti di socialita' costruttiva tra di noi per aprirsi al territorio e alle persone, e' un passaggio fondamentale per la riappropriazione degli spazi e dei tempi della vita, in un’ottica di liberazione individuale e collettiva.
Cio' che ci muove e' come sempre il rifiuto dell’esistente, di questa realta' cosi' snaturata che ci ha resi automi in un mondo per sole macchine, strumenti silenziosi e sottomessi dal Capitale, sudditi schizofrenici ed alienati dello Stato, amico dei banchieri e schiavo dell'economia. Abbiamo voglia di metterci in gioco, sperimentando sulla nostra pelle cosa vuol dire realmente essere vivi, vogliamo provare emozioni vere, creando qualcosa di diverso, probabilmente fastidioso per qualcuno, ma che sicuramente rendera' piena la nostra esistenza, finalmente degna di essere vissuta.
A Saronno sembra che a breve sara' inaugurato un "centro per i giovani", presunta risposta alla mancanza di spazi di aggregazione giovanile.
E’ chiaro che noi rifiutiamo fermamente questo contentino che, servito dall'alto dalla misericordia dei politicanti di turno, ha come unico scopo quello di incanalare le pulsioni libertarie di noi ragazzi, per trasformarle in comportamenti accettabili ed accettati, controllabili e controllati.
La completa mancanza di autogestione, lo stretto rapporto che gli operatori del centro hanno con l’amministrazione, la stessa presenza di educatori adulti che mediano, dirigono e controllano, insegnando loro che alternativa non ci puo' e non ci deve essere, ci fanno prendere le distanze da questo progetto. I nostri metodi, partecipazione dal basso, autogestione, libera espressione delle soggettivita', non possono andare a braccetto con servizi che sono fatti con la stessa pasta di carceri, caserme e ospedali psichiatrici: il loro fine e' infatti lo stesso, quello di formare cittadini obbedienti, capaci di inserirsi diligentemente nel sistema, di formarne un piccolo ingranaggio, strumenti e mezzi di sopraffazione, violenza e mantenimento dello status quo.
Invitiamo tutti quelli che credono nell’autogestione come alternativa reale e concreta, nella riappropriazione diretta delle nostre vite e della nostra citta', a partecipare attivamente per la crescita di questo percorso, per la nostra sopravvivenza, per la costruzione di una realta' altra, capace di portare conflitto all’interno di una societa' pacificata ed addormentata dalle sirene del consumismo e dai media, oramai veri e proprio strumenti di controllo e rimbambimento mentale.

Il TeLOS esiste finche' noi esisteremo!
Il TeLOS si trova in via Milano 17, angolo via Varese.
Territorio Libero Occupato Saronnese

.LINKS.
Home Page TeLOS: http://collafenice.wordpress.com/category/telos/
Saronno - Nuova Occupazione, Rinasce Il TeLOS (Informa-Azione)
Audiocronaca Occupazione Saronno
Sabato 14MarzoCorteo Per Il TeLOS E Gli Spazi Occupati

.CONDIVIDI.