Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Politica Vivere, Sopravvivere, Morire. Sul Poligono di Quirra.
Vivere, Sopravvivere, Morire. Sul Poligono di Quirra. Stampa
Politica
Scritto da neropresente   
Giovedì 14 Aprile 2011 05:07
Poligono di Quirra
Vivere, Sopravvivere, Morire. Sul Poligono di Quirra.

Gennaio 2011. Il nuovo anno si apre con titoli scoop dei giornali locali sardi che annunciano i risultati dei medici delle Asl di Lanusei e Cagliari: il 65% dei pastori che lavorano intorno al Poligono Interforce del Salto di Quirra e' malato di leucemia.
Dove sta lo scoop, non si capisce. Il PISQ, cosi' come tutti gli altri insediamenti militari presenti in Sardegna, e' da decenni nella bocca di molte e molti antimilitaristi sardi e non solo, che denunciano apertamente con raccolte di documenti, ricerche scientifiche e iniziative gli effetti collaterali che la presenza del Poligono causa su donne, uomini, animali e ambiente.
Prontamente queste persone sono state zittite, denunciate, non si e' dato loro nessun peso se non quello di sovversivi. E quando qualche politico in cerca di consensi ha osato portare la questione in risalto, ecco pronti a intervenire esperti al soldo dello stato che sminuivano il problema, presentando alla stampa risultati di analisi fasulle e inverosimili.
Da anni si assiste a questo vergognoso spettacolo, nonostante i livelli di inquinamento, le deformazioni e i morti (umani e animali) che colpiscono il territorio. In tutto questo la popolazione vede e tace, soffre in silenzio e sta al gioco. Cio' che vince e' l'istinto di sopravvivenza: se parli perdi il pezzo di terra generosamente concesso dalle forze armate, non puoi coltivare ne' pascolare il gregge. E provate a dirglielo voi a una generazione di pastori e contadini di andare a fare gli impiegati o di emigrare.

Alcuni dei seguenti passaggi sono tratti dall'opuscolo "Occupazione Militare In Sardegna" (L.U.P.I. 2009)

Storia e Usi
Il PISQ nasce il 20 agosto 1956. Inizialmente usato solo dallo stato italiano, nella seconda meta' degli anni '60 e' concesso per le esercitazioni degli stati stranieri. Si estende tra le provincie di Cagliari e Ogliastra e comprende un poligono a terra, con sede a Perdasdefogu dove si trova il comando (11.600 ha) a cui vanno aggiunti altri 3600 ettari circa del Salto di Quirra (piccolissima frazione del comune di Villaputzu), e un poligono a mare, con il distaccamento di Capo San Lorenzo, che occupa sulla terra ferma un'area interdetta di 1100 ettari, e a mare un'area che durante le esercitazioni arriva all'interdizione di 11.237 miglia quadrate, una superficie piu' grande della Sardegna stessa.
A ogni zona militarizzata a mare corrisponde il sovrastante spazio aereo. Tutte queste aree sono o totalmente interdette (demanio militare) o sottoposte a servitu' (interdette solo quando serve. Questo vuol dire che per esempio se per 6 mesi sono chiuse per esigenze militari, i restanti 6 mesi possono pascolarci gli animali. E ci arriva anche un bambino a capire che un animale che bruca quell'erba non dev'essere certo sano.).
Negli ultimi anni inoltre il Ministero della Difesa ha deciso di investire milioni di euro per la modernizzazione del Poligono e la costruzione di un aeroporto militare che permetta la definitiva consacrazione di Quirra come Poligono degli UAV, ovvero degli aerei senza piloti (chiamati anche droni).
Al suo interno vengono usate armi di ogni tipo, e si esercitano tutte le forze armate della NATO, e non solo. Infatti tutte le industrie private possono sperimentare e collaudare missili, razzi e ogni armamento da guerra. Possono inoltre testare motori veicoli per il lancio di satelliti, fare test di resistenza dei gasdotti (Eni), sperimentare i droni. Nel prezzo di affitto, 50.000 euro l'ora (cifra fornita nel 2003 dal comandante del PISQ), e' incluso il diritto d'uso del mare sardo come bersaglio e discarica di missili e razzi.
Sembra fantascienza, eppure e' la realta'. Cosi' come sono realta' i missili fuori rotta: numerosi i ritrovamenti in mare – tra Arbatax e Villaputzu, alcuni anche inesplosi, cosi' come nella terraferma – nel 1978 uno finisce in prossimita' della scuola materna di Villaputzu, nel giugno 2003 un missile rischia di uccidere 4 operai agricoli nei dintorni della base e un altro finisce nella spiaggia di Murtas. E sono solo esempi.

Sindrome di Quirra
A partire dal 2001 i medici di base hanno evidenziato che tra la popolazione che vive e lavora nelle aree delle esercitazioni del Poligono e' presente un tasso assolutamente anomalo di tumori emolinfatici letali. Nel 2002 emergono le gravi malformazioni neonatali che colpiscono frequentemente il comune di Escalaplano. In uno stesso anno, 1988, se ne sono verificate 8 su 21 nati. Nel corso degli ultimi anni sono invece numerose le denunce di militari che hanno stazionato presso il Poligono e si sono ammalati di linfomi e leucemie fulminanti.
Le cause ipotizzate per spiegare questa grave situazione sanitaria sono state diverse; si va da inquinanti di tipo radiologico (Uranio Impoverito), chimico (nanoparticelle di metalli pesanti, diossine, ecc.), elettromagnetico (forti emissioni dovute al sistema radaristico di tracciamento). Nel 2005, grazie alla dottoressa Gatti viene evidenziata la presenza di nanoparticelle di metalli pesanti sia nelle acque di raffreddamento dei razzi, sia nei tessuti di animali nati deformati, sia nello sperma di alcuni militari della base. Un monitoraggio dei livelli di inquinamento elettromagnetico originato dalla rete di radar e di telecomunicazioni non e' mai stato realizzato.

Attualmente, come dicevo all'inizio, la Asl ammette (pur essendo prontamente stata screditata) che il 65% dei pastori sono malati. La Procura di Lanusei ha aperto un'inchiesta per omicidio plurimo, omissione di atti di ufficio e inquinamento ambientale...ma non c'e' nessun dubbio di come andra' a finire se la gente non decidera' di prendere in mano la propria vita.
Nel mentre, continuano a violentare la nostra terra oramai stremata, e sulla nostra pelle, sopra le nostre teste, continuano ad esercitarsi per andare ad ammazzare con le loro bombe donne, uomini, bambini e animali dall'altra parte del mondo. Sapere che sulla mia testa si sono esercitati gli israeliani che sganceranno bombe sui campi profughi palestinesi non mi da' pace nello stesso modo in cui non mi da' pace vedere la mia terra ridotta cosi'. Dovremmo partire tutti da questo punto: prendere coscienza che siamo tutti vittime, sotto questa parte e sotto quella parte lontana di cielo.

Per approfondire l'argomento, internet e' stra-pieno di documenti e articoli, basta un motore di ricerca e le parole magiche: Poligono interforze Salto di Quirra, Quirra, Sindrome di Quirra, ecc..
neropresente

.VIDEO.
Rai News 24 - Sindrome di Quirra (Parte 01 di 03)
Rai News 24 - Sindrome di Quirra (Parte 02 di 03)
Rai News 24 - Sindrome di Quirra (Parte 03 di 03)
Vanguard - Sindrome di Quirra (Parte 01 di 05)
Vanguard - Sindrome di Quirra (Parte 02 di 05)
Vanguard - Sindrome di Quirra (Parte 03 di 05)
Vanguard - Sindrome di Quirra (Parte 04 di 05)
Vanguard - Sindrome di Quirra (Parte 05 di 05)
Prove Per Un Lancio Di Missile Nel Poligono Di Quirra
Testimonianze Delle Vittime Della Sindrome Di Quirra

.LINKS.
Wikipedia Poligono Interforze Salto di Quirra: http://it.wikipedia.org/wiki/Poligono_Sperimentale_e_di_Addestramento_Interforze
Home Page Salto di Quirra: http://www.saltodiquirra.it/

.CONDIVIDI.