Immagini

Prossimi Concerti

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Politica Il Papa Che Viene Dalla Fine Del Mondo (di UAAR)
Il Papa Che Viene Dalla Fine Del Mondo (di UAAR) Stampa
Politica
Scritto da sberla54   
Giovedì 21 Marzo 2013 06:00
Papa Francesco
Il Papa Che Viene Dalla Fine Del Mondo (di UAAR)

http://www.uaar.it/news/2013/03/14/papa-che-viene-dalla-fine-del-mondo/

UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti)

A os­ser­va­re i mezzi di in­for­ma­zio­ne sembra pia­ce­re a tutti, il nuovo papa. Sui mass media la pa­po­la­tria tor­na­ta in auge con le di­mis­sio­ni di Ra­tzin­ger si e' im­pen­na­ta con l'e­le­zio­ne al soglio del car­di­na­le Jorge Mario Ber­go­glio con il nome di Fran­ce­sco. L'at­teg­gia­men­to tran­quil­lo, lo sguar­do sereno, l'u­mil­ta', l'ac­cen­to sulla pra­ti­ca de­vo­zio­na­le, sem­bra­no aver fatto gia' fatto brec­cia nel­l'im­ma­gi­na­rio e aver sod­di­sfat­to esi­gen­ze dif­fu­se.

Dieci minuti in mon­do­vi­sio­ne sono tut­ta­via sol­tan­to un trai­ler: ora Fran­ce­sco dovra' pas­sa­re dalla prova dei fatti. E se si guar­da­no i fatti pre­gres­si, come ab­bia­mo scrit­to a caldo ieri, non e' tutto oro quello che luc­ci­ca.

Un pre­la­to in po­li­ti­ca

Questo papa viene gia' ce­le­bra­to per la sem­pli­ci­ta' e per l'o­sten­ta­zio­ne del pau­pe­ri­smo, con aned­do­ti che lo vedono pren­de­re l'au­to­bus (come mi­lio­ni di altri comuni mor­ta­li) o in photo op­por­tu­ni­ty come la la­van­da dei piedi a per­so­ne gra­ve­men­te malate. Ha in­tro­dot­to nel suo ambito, e' vero, com­por­ta­men­ti au­ste­ri, ri­fug­ge il lusso e si pro­di­ga nella carita'. Con­si­de­ra­to lon­ta­no dalla curia di Roma, non e' pero' pro­pria­men­te un ou­tsi­der, visto che gia' nel con­cla­ve del 2005 aveva ot­te­nu­to una buona fetta di voti, tanto da ri­tar­da­re l'e­le­zio­ne di Joseph Ra­tzin­ger. Viene de­scrit­to come un tipo schivo e schiet­to, dalle abi­tu­di­ni parche, ed e' molto po­po­la­re nel­l'Ar­gen­ti­na col­pi­ta dal ma­ra­sma eco­no­mi­co. Anche se viene con­si­de­ra­to un pos­si­bi­le in­no­va­to­re della Chiesa, in realta' ha spesso ma­ni­fe­sta­to sui temi etici solide po­si­zio­ni con­ser­va­tri­ci in linea con il ma­gi­ste­ro che non pro­met­to­no so­stan­zia­li aper­tu­re. Ed e' noto, come il nostro Angelo Ba­gna­sco, per l'in­ter­ven­ti­smo po­li­ti­co du­ran­te la sua pre­si­den­za della con­fe­ren­za epi­sco­pa­le ar­gen­ti­na tra 2005 e 2011. Nonche' per le ombre su am­bi­gui rap­por­ti con la pas­sa­ta dit­ta­tu­ra.

In questi anni l'Ar­gen­ti­na ha dato il via a una serie di ri­for­me laiche, come il ma­tri­mo­nio e le ado­zio­ni gay e la legge sul fi­ne-vi­ta, for­te­men­te osteg­gia­te dalle ge­rar­chie ec­cle­sia­sti­che locali. In par­ti­co­la­re pro­prio Ber­go­glio, as­sie­me ai ve­sco­vi, eti­chet­ta­va il ma­tri­mo­nio gay come "segno del de­mo­nio" e "at­tac­co de­va­stan­te ai piani di Dio". Si era di­stin­to per essere in prima linea nella cro­cia­ta contro le nozze gay e per il pres­sing sul go­ver­no. Pro­prio nella foga della po­le­mi­ca po­li­ti­ca l'al­lo­ra car­di­na­le e ar­ci­ve­sco­vo di Buenos Aires cri­ti­ca­va nel giugno del 2007 la can­di­da­tu­ra alle pre­si­den­zia­li della Kirch­ner e si sa­reb­be la­scia­to scap­pa­re di­chia­ra­zio­ni mi­so­gi­ne. "Le donne sono na­tu­ral­men­te ina­dat­te per com­pi­ti po­li­ti­ci", avreb­be detto, "l'or­di­ne na­tu­ra­le e i fatti ci in­se­gna­no che l'uomo e' l'es­se­re po­li­ti­co per ec­cel­len­za, le Scrit­tu­re ci mo­stra­no che la donna da sempre e' il sup­por­to del­l'uo­mo che pensa e rea­liz­za, ma niente piu' di questo". Po­si­zio­ni me­die­va­li e vicine al­l'im­po­sta­zio­ne del­l'in­te­gra­li­smo isla­mi­co, che re­le­ga­no la donna a un ruolo an­cil­la­re nei con­fron­ti del ma­schio. Ber­go­glio ha ri­ba­di­to il no al­l'a­bor­to contro l'au­to­no­mia delle donne, negli anni in cui anche in Ar­gen­ti­na si di­scu­te­va se con­sen­ti­re l'in­ter­ru­zio­ni di gra­vi­dan­za quan­to­me­no per casi di stupro o ma­lat­tia. Il nuovo papa aveva espli­ci­ta­men­te detto di non votare i can­di­da­ti che di­fen­de­va­no la pos­si­bi­li­ta' del­l'a­bor­to, come Dilma Rous­seff in Bra­si­le e la stessa Kirch­ner. Non man­ca­no di­chia­ra­zio­ni contro l'a­tei­smo, nel luglio del 2007.

Ber­go­glio e la dit­ta­tu­ra ar­gen­ti­na

Oltre a certe prese di po­si­zio­ne vi­ru­len­te contro i gay e la lai­ci­ta' che sono or­di­na­ria am­mi­ni­stra­zio­ne tra i pre­la­ti, de­sta­no im­ba­raz­zo i rap­por­ti di Ber­go­glio con la dit­ta­tu­ra dei mi­li­ta­ri ar­gen­ti­ni ca­peg­gia­ti da Jorge Rafael Videla. Dif­fi­ci­le co­mun­que che Ber­go­glio non sa­pes­se del­l'an­daz­zo in patria, vista la sua alta po­si­zio­ne, tant'e' che e' stato con­te­sta­to anche su questo da parte del­l'o­pi­nio­ne pub­bli­ca del suo paese. E con­si­de­ra­to che sempre piu' evi­den­ze mo­stra­no come la Chiesa sa­pes­se delle stragi di de­sa­pa­re­ci­dos fin dal 1978 e, stando alla te­sti­mo­nian­za dello stesso Videla, for­nis­se per­si­no ai mi­li­ta­ri "con­su­len­za" su come sop­pri­mer­li nella ma­nie­ra piu' cri­stia­na pos­si­bi­le senza troppi scru­po­li di co­scien­za. Par­ti­co­lar­men­te utile per capire il quadro e' il lavoro gior­na­li­sti­co e di in­chie­sta di Ho­ra­cio Ver­bi­tsky, autore di libri sui legami tra Chiesa e dit­ta­tu­ra ar­gen­ti­na come Doppio gioco. L'Ar­gen­ti­na cat­to­li­ca e mi­li­ta­re e L'i­so­la del si­len­zio. Il ruolo della Chiesa nella dit­ta­tu­ra ar­gen­ti­na (di­spo­ni­bi­li nella bi­blio­te­ca Uaar). Ver­bi­tsky ha chia­ma­to in causa, ri­ba­den­do­lo sulla stampa ita­lia­na nel 2011, anche Ber­go­glio. Se di­ver­si sa­cer­do­ti sco­mo­di e dis­si­den­ti ven­ne­ro 'fatti spa­ri­re', le alte ge­rar­chie ar­gen­ti­ne man­ten­ne­ro stret­ti con­tat­ti con i mi­li­ta­ri al potere.

Il gio­va­ne Ber­go­glio, ri­co­strui­sce Ver­bi­tsky ne L'i­so­la del si­len­zio e sin­te­tiz­za nel 2006 Peace Re­por­ter, di­ven­ne su­pe­rio­re pro­vin­cia­le per la Com­pa­gnia di Gesu' in Ar­gen­ti­na pro­prio poco prima del golpe mi­li­ta­re. Nel feb­bra­io del 1976 intimo' a due sa­cer­do­ti attivi nelle ba­rac­co­po­li di Buenos Aires, Or­lan­do Yorio e Fran­ci­sco Jalics, di la­scia­re quel­l'in­ca­ri­co. Li espul­se dai ge­sui­ti e fece loro to­glie­re dal­l'ar­ci­ve­sco­vo allora in carica l'au­to­riz­za­zio­ne a dire messa. Fatto sta che pochi giorni dopo il colpo di stato furono rapiti e loro stessi hanno so­spet­ta­to che esau­to­rar­li fosse il modo per bol­lar­li come sov­ver­si­vi agli occhi dei mi­li­ta­ri. Dopo sei mesi di pri­gio­nia e tor­tu­re dentro l'E­scue­la de mec­ca­ni­ca de la Armada (Esma), su pres­sio­ne del Va­ti­ca­no, i due preti furono ri­la­scia­ti. Dal canto suo Ber­go­glio si di­fen­de so­ste­nen­do che la ri­mo­zio­ne dal­l'in­ca­ri­co nelle bi­don­vil­le ser­vi­va pro­prio per met­ter­li in guar­dia ri­spet­to al­l'im­mi­nen­te pe­ri­co­lo. Forse e' a questi preti e a non meglio pre­ci­sa­ti altri laici sal­va­ti da Ber­go­glio che si ri­fe­ri­sce Aldo Caz­zul­lo nel 2005 nel suo ar­ti­co­lo ce­le­bra­ti­vo: non a caso, prima che fos­se­ro pub­bli­ca­te le ri­ve­la­zio­ni di Ver­bi­tsky e si fa­ces­se nuova luce sui rap­por­ti con i ge­ne­ra­li.

Spun­ta­no pero' fuori delle carte che ac­cre­sco­no i so­spet­ti su Ber­go­glio. Jalics nel 1979 chiede dalla Ger­ma­nia, dove si era poi ri­fu­gia­to, il rin­no­vo del pas­sa­por­to per non dover tor­na­re in Ar­gen­ti­na. Ma pro­prio Ber­go­glio avreb­be fatto finta di so­ste­ne­re la sua ri­chie­sta grazie alle en­tra­tu­re che aveva. In realta' una nota del di­ret­to­re del­l'Uf­fi­cio del culto cat­to­li­co, che faceva capo al mi­ni­ste­ro degli Esteri, annota che il prete e' "sov­ver­si­vo" che "ha avuto pro­ble­mi con i suoi su­pe­rio­ri". E che pro­prio Ber­go­glio - ap­pun­to, il suo su­pe­rio­re - ha for­ni­to queste in­for­ma­zio­ni e rac­co­man­da di non rin­no­va­re il pas­sa­por­to.

Un altro do­cu­men­to del regime chia­ri­sce che "no­no­stan­te la buona vo­lon­ta' di padre Ber­go­glio, la Com­pa­gnia Ar­gen­ti­na non ha fatto pu­li­zia al suo in­ter­no". Dato che "ge­sui­ti furbi" prima "ri­ma­sti in di­spar­te" ora sa­reb­be­ro in com­but­ta con "certi ve­sco­vi ter­zo­mon­di­sti". Ver­bi­tsky in­ter­vi­sta lo stesso car­di­na­le, che cerca di ri­di­men­sio­na­re il suo ruolo di in­for­ma­to­re per la dit­ta­tu­ra. Pero' l'al­tro sa­cer­do­te tor­tu­ra­to, Yorio, in­ter­vi­sta­to nel 1999 ri­por­ta cio' che gli disse padre Gra­vi­na, se­gre­ta­rio ge­ne­ra­le dei ge­sui­ti, a Roma dove era fug­gi­to. L'am­ba­scia­to­re ar­gen­ti­no presso la Santa Sede avreb­be detto a Gra­vi­na che lui e Jalics erano stati in­car­ce­ra­ti perche' i loro su­pe­rio­ri ave­va­no detto che uno di loro era un "guer­ri­glie­ro". E viene fuori che pro­prio Ber­go­glio era molto vicino agli estre­mi­sti di destra della Guar­dia di Ferro (stesso nome, tra l'al­tro dei na­zi­fa­sci­sti attivi in Ro­ma­nia), tanto da con­sen­tir­ne legami con l'u­ni­ver­si­ta' dei ge­sui­ti.

Dopo tren­t'an­ni dalla dit­ta­tu­ra, seb­be­ne non abbia am­mes­so le sue re­spon­sa­bi­li­ta' per­so­na­li, Ber­go­glio ha pre­fe­ri­to una let­te­ra apo­sto­li­ca con­ci­lia­to­ria che rie­vo­ca­va la tra­ge­dia e che viene in­ter­pre­ta­ta come ri­chie­sta di per­do­no. È esa­ge­ra­to par­la­re per Ber­go­glio di col­lu­sio­ne con la dit­ta­tu­ra e di coin­vol­gi­men­to di­ret­to nei mas­sa­cri e nella re­pres­sio­ne, so­prat­tut­to ri­spet­to ad altri pre­la­ti che oc­cu­pa­va­no po­si­zio­ni piu' alte ed erano ben piu' in­vi­schia­ti. Ma qual­che con­tat­to si puo' ri­te­ne­re che ci fu, visto che non era un sem­pli­ce prete. D'al­tron­de non poteva per­met­ter­si di ma­ni­fe­sta­re aper­ta­men­te contro il regime, sia per gli evi­den­ti rischi, sia perche' sembra fosse stato co­mun­que vicino a certi am­bien­ti.

Un papa con­ser­va­to­re tra Wo­j­ty­la e Ba­gna­sco

L'han­no chia­ma­to, dice, "dalla fine del mondo", ma non ci sembra af­fat­to la fine del mondo. I fatti espo­sti in pre­ce­den­za sono pero' gia' stati tutti con­te­stua­liz­za­ti, mi­ni­miz­za­ti o ad­di­rit­tu­ra oc­cul­ta­ti nelle rea­zio­ni a caldo, spe­cial­men­te nel Bel­pae­se. In linea con il clima dei giorni dei con­cla­ve. Gia' la Rai ha or­di­na­to ai tg re­gio­na­li di tenere sempre in onda l'in­qua­dra­tu­ra del co­mi­gno­lo va­ti­ca­no da cui usci­va­no le fumate per le vo­ta­zio­ni papali. Per­si­no un gab­bia­no che vi si e' ap­pol­la­ia­to sopra e' di­ven­ta­to un vip, con tanto di alone di pre­veg­gen­za si­mil-mi­ra­co­li­sti­ca (tra­la­scia­mo per carita' di patria sulla ten­den­za dei vo­la­ti­li ad ap­pol­la­iar­si su so­ste­gni ele­va­ti per fi­na­li­ta' ben piu' ter­re­ne e fi­nan­co fi­sio­lo­gi­che, come ben sa chi ha che fare con i pic­cio­ni). Oltre alla banda dei ca­ra­bi­nie­ri che ha ac­cen­na­to l'inno di Mameli quando il nuovo papa si e' af­fac­cia­to sul bal­co­ne, e' da se­gna­la­re una cir­co­la­re in­via­ta dalla pre­si­den­za del Con­si­glio dei mi­ni­stri e tra­mi­te le pre­fet­tu­re agli uffici pub­bli­ci per espor­re la ban­die­ra ita­lia­na e quella eu­ro­pea in vista del­l'e­le­zio­ne papale e del suo in­se­dia­men­to.

Non sta a noi dire cosa deve fare la Chiesa. Ri­le­via­mo sol­tan­to l'in­coe­ren­za strut­tu­ra­le e mil­le­na­ria tra umilta' e in­fal­li­bi­li­ta', po­ver­ta' e Ior. L'op­zio­ne pre­fe­ren­zia­le per i poveri di Fran­ce­sco (il santo) era anche della teo­lo­gia della li­be­ra­zio­ne. Che e' stata di­strut­ta a li­vel­lo mon­dia­le da Ra­tzin­ger, con l'a­iu­to a li­vel­lo locale pro­prio di alti pre­la­ti come Ber­go­glio. Senza con­ta­re che l'on­da­ta di ce­le­bra­zio­ne me­dia­ti­ca po­treb­be aver ac­co­sta­to troppo fret­to­lo­sa­men­te il nuovo papa al po­ve­rel­lo di Assisi, ben visto anche da tanti laici. Un altro santo po­treb­be piut­to­sto essere il ri­fe­ri­men­to: Fran­ce­sco Sa­ve­rio. Ovvero il ge­sui­ta - pro­prio come Ber­go­glio - e mis­sio­na­rio spa­gno­lo del XVI secolo.

Fran­ce­sco ri­for­me­ra' la curia? Ren­de­re piu' ef­fi­cien­te la mac­chi­na or­ga­niz­za­ti­va della Chiesa cat­to­li­ca e' un tema che ci in­te­res­sa quanto una ri­strut­tu­ra­zio­ne in un'a­zien­da. Ci in­te­res­sa invece che cambi l'at­teg­gia­men­to nei con­fron­ti del mondo, visto che questo si ri­per­cuo­te sulle scelte dei go­ver­ni e sul­l'e­si­sten­za di mi­lio­ni di in­di­vi­dui che non hanno come ri­fe­ri­men­to la Chiesa. E le pre­mes­se non sono le mi­glio­ri. Nem­me­no Ra­tzin­ger ri­cor­re­va al de­mo­nio per de­mo­niz­za­re le unioni omo­ses­sua­li. Si puo' spe­ra­re che il nuovo ruolo renda Ber­go­glio piu' "spi­ri­tua­le" anche nella lon­ta­nan­za degli af­fla­ti tem­po­ra­li. Che non lo ri­guar­da­no.

In attesa di ve­ri­fi­ca­re la sua azione in con­cre­to, resta l'im­pres­sio­ne che sia stata com­piu­ta una bril­lan­te azione di mar­ke­ting. Un po' come quando fu eletto Wo­j­ty­la, l'at­tor gio­va­ne venuto da lon­ta­no. Il cui pon­ti­fi­ca­to non riusci' in alcun modo ne' a fer­ma­re la se­co­la­riz­za­zio­ne (anzi) ne' a ri­for­ma­re la curia (anzi), ne' a ren­de­re piu' sobria la Chiesa (anzi). Ber­go­glio, per at­ti­tu­di­ne po­po­la­re e le in­ge­ren­ze po­li­ti­che, sembra per ora un in­cro­cio tra Wo­j­ty­la e Ba­gna­sco in salsa la­ti­no-ame­ri­ca­na. L'a­bi­to non fa il monaco, e lo stile mo­na­ca­le non e' ne­ces­sa­ria­men­te in grado di cam­bia­re abi­tu­di­ni in­cro­sta­te­si da secoli.

La re­da­zio­ne

.LINKS.
Fonte: Il Papa Che Viene Dalla Fine Del Mondo (di UAAR)
Home Page UAAR: http://www.uaar.it/
Home Page UAAR Ultimissime: http://www.uaar.it/news/
Facebook UAAR: https://www.facebook.com/UAAR.it
Twitter UAAR: https://twitter.com/UAAR_it
YouTube UAAR: http://www.youtube.com/user/uaarit

.CONDIVIDI.