Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Politica Il Giorno In Cui Pugnalarono Al Cuore La Democrazia Greca (di La Privata Repubblica)
Il Giorno In Cui Pugnalarono Al Cuore La Democrazia Greca (di La Privata Repubblica) Stampa
Politica
Scritto da Joel   
Mercoledì 02 Ottobre 2013 09:00
Alba Dorata
Il Giorno In Cui Pugnalarono Al Cuore La Democrazia Greca (di La Privata Repubblica)

http://www.laprivatarepubblica.com/atene-albadorata-omicidio-proteste/

La Privata Repubblica

E' la sera del 17 Settembre 2013, e Pavlos Fyssas in arte "Killah P" - rapper 34anne e attivista antifascista - si trova con alcuni amici al Coral, un bar nel quartiere ateniese di Keratsini, per vedere la partita di Champions League tra Olympiakos e Paris Saint Germain. Durante la partita gli amici di Fyssas fanno un'osservazione contro Alba Dorata. Qualche altro cliente del bar li sente, e chiama i neonazisti.

Un amico di Pavlos racconta quello che e' successo nelle ore successive:

Ad un certo punto e' arrivato uno in moto, che si e' presentato come un poliziotto e parlava a noi e agli altri. C'era tensione. Alla fine ci ha detto che andava tutto bene, che potevamo andarcene e che non sarebbe successo niente. Alla fine non era un poliziotto e mentiva. Poi siamo andati ad un chiosco per comprare una birra. All'improvviso sono apparse quasi 30 persone in moto.


I neonazisti fanno partire un'autentica caccia all'uomo. "Non c'e' posto per voi in questo posto", gridano al gruppo di amici. Ci sono anche gli agenti del DIAS (un'unita' motorizzata della polizia di Atene), ma sono troppo pochi per intervenire. Fyssas prova a scappare. Purtroppo rimane indietro. Gli albadorati cominciano a picchiarlo. Improvvisamente una macchina sbuca in contromano nella via dove si trova Fyssas. Il guidatore scende dall'auto, sfodera un coltello e colpisce tre volte Pavlos - l'ultima, letale, al cuore. Il rapper morira' all'ospedale di Nikaia.

Il sindaco del quartiere dichiara che "gli aggressori erano neonazisti ben noti", e che "questo e' solo uno degli episodi di una serie di violenze, commesse principalmente contro i migranti". Alcuni residenti smentiscono la prima versione degli eventi, ossia una lite per motivi calcistici degenerata in tragedia: "si e' trattato di un'imboscata, non di una discussione".

L'assassino viene arrestato sul posto. Si chiama George Roupakias, ha 45 anni e confessa tutto agli agenti. In un primo momento ammette di far parte di Alba Dorata e di visitare 5-6 volte alla settimana la sezione locale del partito. Roupakias e' stato licenziato due anni fa da una societa' privata ed e' stato denunciato per frode. Il sito Tvxs ha rivelato che l'assassino "offriva servizi a pagamento per Alba Dorata", cioe' pestaggi di migranti intorno al Pireo.

Insomma, Roupakias ha il profilo del perfetto militante estremista. Nonostante cio', i membri di Alba Dorata prendono le distanze e dichiarano di non averlo mai visto. Nel pomeriggio, l'assassino nega di appartenere al partito. L'account Twitter di quello che rimane dell'ex tv pubblica ERT (@ErtSocial) pubblica una foto che spazza via ogni dubbio.

La notizia dell'omicidio riporta alla memoria l'ormai lontano dicembre del 2008 e l'uccisione a sangue freddo del 15enne Alexis Grigoroupolous. La Grecia intera e' sconvolta - e moltissimi antifascisti sono pronti a scendere in piazza contro Alba Dorata.

A Chania, citta' nell'isola di Creta, una grande folla si raduna sotto la sede locale del partito neonazista.

La sede viene presa d'assalto dai manifestanti antifascisti, che vengono fermati con la forza dalla polizia antisommossa.

La situazione a Patrasso e' tesissima gia' dal primo pomeriggio. Alcuni militanti antifascisti lanciano delle molotov contro la sede di Alba Dorata.



Gli antifascisti danneggiano alcune automobili parcheggiate e un bancomat. Seguono inevitabili gli scontri con la polizia, come si puo' vedere da questo video.



All'apice degli scontri si verifica un fatto piuttosto sconvolgente. Un sasso colpisce una Ford Focus che era rimasta bloccata tra i manifestanti e i poliziotti. Il sito Atene Calling riporta la testimonianza del portale The Best di quello che e' successo non appena il conducente e' sceso dalla macchina:

L'uomo ha estratto l'arma e in posizione di tiro, tenendo con due mani la pistola [una Glock 19, nda] e mirando, ha rivolto l'arma contro i manifestanti. Immediatamente le persone che si trovavano in coda al corteo e che, a quanto pare, avevano lanciato la molotov sul balcone della sede di Alba Dorata, hanno iniziato a gridare "un'arma, un'arma"


Immediatamente scoppia il finimondo. L'uomo, scrive sempre Atene Calling, "ha un fatto un gesto orizzontale con la mano sulla gola, come a dire "vi sgozzo"". Poi e' risalito sulla Ford Focus - al cui interno si trovava la moglie incinta - ed e' andato via. Dopo un breve inseguimento l'uomo e' stato identificato e fermato dalla polizia: si tratta di un italiano di 38 anni, l'ufficiale della Marina Militare (anche se alcuni siti lo danno "in pensione") Matteo Simone. L'ufficiale sara' processato per direttissima.

Ad Atene viene indetta una manifestazione nella zona in cui e' stato ucciso Fyssas. Un'ora prima dell'inizio Panos Kammenos, leader del partito di destra Greci Indipendenti, ha l'ardire di camminare a Keratsini in mezzo ai manifestanti. Gli antifascisti non la prendono troppo bene: volano fischi, insulti e anche uno schiaffone in faccia al politico. Vengono aggredite anche le guardie del corpo di Kammenos, che alla fine e' costretto a fuggire precipitosamente.



A Salonicco, intanto, la partecipazione e' massiccia.

Anche ad Atene il corteo e' molto partecipato. Uno striscione recita: "34 anni, morto / Stasera muore il fascismo".

In un volantino che gira tra i manifestanti si legge lo slogan piu' potente - e drammatico - della giornata: "500mila voti stavano impugnando quel coltello"

L'esordio del corteo e' relativamente pacifico. Le cose, tuttavia, sfuggono di mano piuttosto in fretta. La giornalista Lucy Kafanov di Russia Today e' la prima a confermare il lancio di lacrimogeni, granate stordenti e pietre, nonche' l'erezione di barricate nella strada principale del quartiere.
Nel tragitto, i manifestanti devastano un compro oro e varie vetrine, tra cui quella di una banca.

Il fumo dei cassonetti bruciati si mischia a quello dei lacrimogeni, rendendo l'aria irrespirabile. Un residente del luogo cerca di spegnere un cassonetto, mentre a poca distanza infuriano gli scontri.

Un candelotto di lacrimogeno ferisce gravemente a un occhio un manifestante (una volta ricoverato lo perdera' del tutto). Nel frattempo, scontri durissimi si verificano anche a Salonicco,



E a Patrasso.



Ad Atene gli scontri vanno avanti per parecchie ore: si chiuderanno con 65 fermi e 23 arresti. A serata inoltrata viene pubblicato un video agghiacciante in cui dei "cittadini comuni" (in abiti civili) lanciano sassi contro i manifestanti antifascisti - il tutto dietro le linee della polizia. Non e' troppo difficile immaginare a quale schieramento possano appartenere questi "cittadini", considerati anche i legami ormai accertati tra i neonazisti e la polizia.



E' praticamente impossibile prevedere cosa succedera' nei prossimi giorni. Quello che e' certo e' che l'omicidio di Pavlos Fyssas non solo ha sconfessato una volta per tutte la viscida ideologia degli "opposti estremismi"; ha, soprattutto, segnato un orrendo salto di qualita' nella strategia eversiva di Alba Dorata, che dalle aggressioni (anche mortali) nei confronti degli immigrati e' passata alle uccisioni deliberate di militanti di sinistra.

Il 12 Settembre si era gia' avuto un assaggio di questa escalation. Una banda di 50 neonazisti aveva infatti aggredito, sempre nell'area del Pireo, un gruppo di militanti comunisti del KKE che stavano attaccando dei manifesti a un muro. Gli albadorati avevano spedito all'ospedale otto persone a colpi di spranghe, piedi di porco e bastoni. L'attacco era stato organizzato fin nei minimi dettagli. Il giornalista Dimistris Psarras, massimo esperto di Alba Dorata, aveva spiegato al Guardian che i neonazisti "non si limitano piu' ad aggredire gli immigrati di notte. Ora stanno alzando la tensione e ampliando la loro strategia dell'odio". L'obiettivo e' piuttosto palese: "Stanno deliberatamente tentando di creare un clima da guerra civile".

Del resto, i membri di Alba Dorata non hanno mai fatto mistero di voler trascinare il Paese in uno scontro fratricida. Nell'Ottobre del 2012, il deputato Ilias Panagiotaros aveva detto a Paul Mason della BBC che

La societa' greca, anche se non piace a nessuno, e' pronta a combattere, e' preparata a un nuovo tipo di guerra civile. Una guerra dove da una parte ci saranno i nazionalisti, gente come noi e i greci che vogliono che la nostra Patria torni ad essere quella che era. Dall'altra parte ci saranno i clandestini e gli anarchici che in questi anni hanno distrutto Atene piu' volte.


Il 17 Settembre 2013 e' stato il giorno in cui una parte del Paese - i 500mila elettori che hanno votato Alba Dorata e tutti quelli che hanno legittimato una banda di fanatici criminali - ha affondato il coltello del fascismo nel cuore della democrazia greca e si e' ritrovata con le mani sporche del sangue di un loro fratello.
Blicero

.LINKS.
Fonte: Il Giorno In Cui Pugnalarono Al Cuore La Democrazia Greca (di La Privata Repubblica)
Home Page La Privata Repubblica: http://www.laprivatarepubblica.com/
Facebook La Privata Repubblica: http://www.facebook.com/pages/La-Privata-Repubblica/124751430913459
Twitter La Privata Repubblica: https://twitter.com/captblicero
YouTube La Privata Repubblica: http://www.youtube.com/user/laprivatarepubblica
E-mail La Privata Repubblica: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.