Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Politica Via Il Rigassificatore Di Livorno
Via Il Rigassificatore Di Livorno Stampa
Politica
Scritto da Nocciolino   
Lunedì 08 Ottobre 2007 19:48
http://www.offshorenograzie.it
Qualche tempo fa e' apparso su p4f un articolo in cui si parlava del documentario di Al Gore "una scomoda verita'". Lesto lesto, ho scaricato molto interessato questa scomoda verita' e mi sono incollato davanti allo schermo mangiando patatine, anche se devo dire, di patatine me n'e' passata la voglia dopo 15 minuti, e dopo 20 ero attaccato alle gambe del tavolo con un sacchetto di carta in testa. Mi e' dispiaciuto anche pensare a quanti poveri ricchi industriali avrebbero visto spazzata via la loro terza casa alle maldive e cosi' ho pensato: facciamo un benefit per Tronchetti Provera. Ma prima del benefit e dell'amore universale che spero pigoli nel cuore di tutti voi, urge parlare di qualcosa che non e' un uragano, uno tsunami o qualsivoglia altra piaga biblica, che non e' lontano 4000 km dalle nostre coste e per cui qualcosa nel nostro piccolo la possiamo fare tutti.

.DI COSA SI TRATTA?.
Stanno pianificando di ancorare una gassiera lunga 3 campi da calcio e alta come un palazzo a largo di Livorno, costa tirrena. Si tratta di un metodo per estrarre gas metano dal sottosuolo e portarlo a riva; tipo una piattaforma petrolifera ma molto meno sicura, il perche' e' presto detto:

.RISCHI.
Verrebbe ancorata a 22 km dalla costa, su una zona dove si registra attivita' sismica, caratterizzata da forte vento e moto ondoso di frequente, vicina a camp darby (una base militare americana - lo scenario probabile e' quello che si puo' osservare all'oviesse all'apertura dei saldi, ma con i kamikaze), una zona altresi' detta "Santuario Internazionale dei Cetacei" "Area Marina Protetta della Meloria", e per la sua attivita' anche senza pensare a incidenti catastrofici comunque piglierebbe taaaanta acqua dal mare a una certa temperatura e ve la ri-immetterebbe fredda. Provate a fare un bagno in acqua calda e state li' finche' non diventa fredda, e poi stateci per un altro bel pezzo.
Vi piace? Pensate alla flora e la fauna che avrebbe la fortuna di stare li' nei paraggi (anche se c'e' da dire che se i marinai della gassiera pisciano a mare la situazione potrebbe migliorare)(ovviamente scherzo).
E volendo parlare di...

.CATASTROFI.
Massi' parliamo pure di catastrofi: avete tutti presente i danni fatti da una grossa petroliera? Le persone che puliscono con gli spazzolini da denti gli albatross e le foche? Ecco..Un disastro ambientale con una petroliera sta a un disastro ambientale con una gassiera come un sospiro sta a un rutto (non me ne vogliano le foche, non sono rocchione, ma non si puo' pensare sempre alla foca, sporcaccioni che la pulireste anche con la lingua).
Perche' se la gassiera "dovesse spezzarsi e rovesciare in mare il gas il gas liquefatto, potrebbe cominciare una sequenza di eventi catastrofici. Il gas freddissimo, a contatto con l'acqua di mare, molto piu' calda, inizierebbe a ribollire, a evaporare e formare una pericolosa nube. Questa nube di metano evaporato rimarrebbe piu' fredda e piu' densa dell'aria e potrebbe viaggiare sfiorando la superficie marina, spinta dal vento, verso la terraferma. Scaldandosi lentamente la nube comincerebbe a mescolarsi con l'aria. Una miscela fra il 5 e il 15 per cento di metano con l'aria e' esplosiva. Il resto e' facilmente immaginabile. Se questa miscela gassosa, invisibile e inodore, investisse una citta', qualsiasi (inevitabile) scintilla farebbe esplodere la gigantesca nube. La potenza liberata in una o piu' esplosioni potrebbe avvicinarsi a un megaton: un milione di tonnellate di tritolo, questa volta nell'ordine di potenza distruttiva delle bombe atomiche. Le vittime immediate potrebbero essere decine di migliaia, mentre le sostanze cancerogene sviluppate dagli enormi incendi scatenati dall'esplosione, ricadendo su aree vastissime, sarebbero inalate in "piccole dosi", dando luogo a un numero non calcolabile, ma sicuramente alto, di morti differite nell'arco d 80 anni.Si tratta di uno scenario assolutamente improbabile, ma non impossibile."

.CONSIDERAZIONI.
Senza dubbio il metano e' una risorsa preziosa, ha fatto la fortuna dell'Italia del boom economico,che probabilmente non sarebbe mai avvenuto se Enrico Mattei non l'avesse messa in culo alle 7 sorelle, ma queste 5 mammelle che svettano sulla gassiera non mi sembra rappresentino una sicurezza: troppi dubbi, troppo grosso il rischio in gioco e sarebbe cinico non pensare ai rischi collaterali (ambiente, flora, fauna marina). Oltretutto Il progetto e' nato per iniziativa di un imprenditore piu' volte incriminato e condannato (ma questo penso conti poco qua, no?). Adottare questo spirito quasi pioneristico in un settore (le energie non rinnovabili) che ormai rappresenta il passato e' assurdo -al di la' dei rischi ambientali connessi-: sarebbe piu' ammirevole fare tanti piccoli sforzi per costruire una rete che passi dall'energie rinnovabili e diminuire l'uso di metano la dove non e' indispensabile; come gia' in Italia succede, nel Trentino-Sud Tirol, dove ormai intere valli possono vantare soglie d'inquinamento ridicole e interi paesi vanno a luce solare,o nella Valle d'Aosta, o come la Sardegna dove anche per le famiglie ci sono incentivi per investire sul rinnovabile.

.COSA FARE.
Informatevi, parlatene e passate la parola. Voi avete sentito parlarne i media? Io no. Ma chi cazzo ha bisogno dei media con internet?

.DOVE INFORMARSI.
http://www.offshorenograzie.it - il sito dell'iniziativa raccolta firme etc. e' molto esaustivo.
http://www.verdilivorno.it/offshore.htm - stessa cosa ma sul sito dei Verdi di Livorno.
Voce favorevole alla Gasiera da Italia Nostra (sempre per la difesa dell'ambiente).
Sunto veloce dei motivi per cui dire no alla gasiera, con foto e tutto quanto.
Discussione su un forum nel Meetup di Livorno.


.UN'IMMAGINE DEL RIGASSIFICATORE..

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

Nocciolino

.CONDIVIDI.