Immagini

Prossimi Concerti

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Politica Manifestazione fascista a Benevento
Manifestazione fascista a Benevento Stampa
Politica
Scritto da Joel   
Mercoledì 10 Ottobre 2007 19:31

Benevento, polizia carica antifascisti in pieno centro cittadino [Spazio Anarchico Senza Patria].

Lunedi' 8 Ottobre, si e' tenuta a Benevento una fiaccolata di Forza Nuova, il partito neofascista che nell'ultimo periodo sta tentando, per fortuna senza successo, di mettere radici in citta'.

Per l'ennesima volta le autorita' cittadine hanno concesso ai fascisti di sfilare.
Per l'ennesima volta un nutrito gruppo di antifascisti e' stato deciso ad impedirglielo.
Ma come negli anni venti, quando la protezione e la connivenza dello Stato permisero a Mussolini di diventare il duce d'Italia, assecondando e spesso aiutando le squadraccia nell'incendiare le sedi anarchiche e comuniste, nell'uccidere i lavoratori che in quel periodo occupavano le fabbriche, nel reprimere chi voleva abbattere il Capitalismo per godere di una vita degna di essere vissuta, le forze dell'ordine borghese hanno preferito difendere a spada tratta i nostalgici, scortandoli per tutta la durata della loro ridicola parata, e "sgomberando" (la carica ha provocato svariati feriti fra le fila antifasciste) piazza Matteotti (una delle innumerevoli vittime della violenza fascista), concedendo a Forza Nuova l'agibilita' politica di cui sicuramente non potrebbe godere.

Mai a Benevento si era visto un simile schieramento di polizia e carabinieri.
Sin dalle 17:00 (la manifestazione di Forza Nuova sarebbe dovuta incominciare alle 19:00) l'intero percorso della fiaccolata era disseminato di divise.

Piazza Roma era occupata da due camionette della celere ed una volante della polizia, piazza Matteotti era presidiata da tre volanti dei carabinieri ed una macchina della Digos, polizia presente anche nei pressi del duomo, ed un centinaio gli agenti a difesa dei fascisti, che in quattro gatti ultrablindati hanno deciso comunque di dare inizio alla loro pagliacciata, partita con piu' di un'ora di ritardo, ferma per lungo tempo lungo corso Garibaldi in attesa che la polizia disperdesse gli antifascisti.


.RASSEGNA STAMPA.

Di seguito trovate le versioni dei vari giornalacci locali sui tafferugli di Lunedi' 8 Ottobre verificatisi in piazza Matteotti.
Ricordiamo che la polizia di Benevento, capitanata per l'occasione dal vicequestore vicario Giuseppe Bisogno, ha caricato un gruppo di antifascisti decisi a non permettere ad una fiaccolata di Forza Nuova di entrare in piazza.

Da "Il Sannio Quotidiano" 9 Ottobre 2007
Corteo di Forza Nuova momenti di tensione: interviene la polizia
Momenti di tensione, ieri sera, durante la fiaccolata organizzata dalla federazione provinciale di Forza Nuova a sostegno del sostituto procuratore De Magistris.
Una trentina di partecipanti tra di loro Roberto Fiore alla "marcia per la giustizia" partita da viale San Lorenzo. I problemi sono sorti all'altezza di piazza santa Sofia, dove erano presenti una ventina di aderenti al centro sociale e ad un gruppo anarchico, intenzionati ad impedire l'ingresso del corteo nella stessa piazza. La situazione e' stata risolta dalla polizia, che con una carica ha allontanato i manifestanti ed ha consentito lo svolgimento dell'appuntamento regolarmente autorizzato

Da "Il Mattino" 9 Ottobre 2007
Corteo contestato, cariche della polizia: due feriti
Scontro tra dimostranti e polizia ieri sera intorno alle 20:30 in pieno centro cittadino. Il bilancio e' di un giovane dimostrante ferito al capo e di un poliziotto contuso.
Forza Nuova aveva organizzato una manifestazione con fiaccolata che, partita da via San Lorenzo, dopo aver attraversato corso Garibaldi si doveva concludere in piazza Matteotti. Una manifestazione di solidarieta' per il sostituto procuratore Luigi De Magistris di cui e' stato chiesto il trasferimento da Catanzaro.
Al corteo hanno preso parte il segretario nazionale di Forza Nuova Roberto Fiore e il coordinatore provinciale Domenico Longo. La decisione di Forza Nuova di tenere la manifestazione e' stata contestata da aderenti al centro sociale Depistaggio e da gruppi di anarchici in particolare i dimostranti del centro sociale sostenevano che non andava autorizzato l'uso di piazza Matteotti, a gruppi che si richiamano al fascismo. Gli aderenti al centro sociale e gli anarchici sin dalle 20:00, hanno sostato nella piazza in attesa dell'arrivo del corteo.
Le forze dell'ordine dirette dal vice questore vicario Giusepe Bisogno, hanno tentato di convincere gli aderenti al centro sociale, che non avevano l'autorizzazione, a lasciare la piazza.
Visti i vani tentativi di abbandonare la piazza, sono scattate alcune cariche da parte degli agenti dei reparti mobili. I dimostranti hanno replicato con il lancio di uova.
Gli aderenti a Forza Nuova in piazza Santa Sofia hanno espresso solidarieta' a De Magistris e contestato il Ministro Mastella.

Da TVsette.nett
Il Sindaco chiede incontro con Prefetto e Questore dopo gli scontri di Piazza Matteotti.
In merito agli scontri tra manifestanti(giovani del Centro sociale Depistaggio ndr) e forze dell'ordine registratisi ieri sera in pieno centro cittadino, il sindaco di Benevento Fausto Pepe ha inviato questo pomeriggio una lettera al prefetto Giuseppe Urbano ed al questore Francesco Santoro.
Motivo della lettera e' sollecitare la convocazione di una seduta del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica che affronti il citato episodio e, piu' in generale, abbia all'ordine del giorno una discussione finalizzata a trovare forme di sempre maggiore raccordo tra le varie istituzioni presenti sul territorio in modo da evitare il possibile ripetersi di tali eventi.

Da Il Quaderno 09/10/2007
De Magistris-Mastella, Centro Sociale contesta Forza Nuova, la polizia carica: due feriti
Benevento Il centralissimo Corso Garibaldi e' stato teatro ieri sera, attorno alle 20.45, di uno scontro tra agenti della Polizia di Stato ed anarchici e componenti del Centro Sociale Autogestito "Depistaggio".
Questi avevano presidiato Piazza Matteotti, dove stava per tenersi una manifestazione autorizzata del gruppo di estrema destra "Forza Nuova", indetta in favore del magistrato di Catanzaro Luigi De Magistris (che rischia di essere trasferito dal Consiglio Superiore della Magistratura per incompatibilita' ambientale) e contro il ministro della Giustizia Clemente Mastella che aveva sollevato il caso.
Alcune decine di estremisti di destra si sono cosi' riuniti in corteo in Viale San Lorenzo per muovere verso il Corso. I ragazzi dell'estrema sinistra hanno pero' cercato di impedire che, proprio a Piazza Matteotti, vittima del fascismo, arrivassero quelli di Forza Nuova.
Le forze di polizia, in un primo momento, si sono limitate a interporsi tra le opposte fazioni, all'altezza di Piazza San Bartolomeo, fermando il corteo.
Di fronte all'insistenza degli antifascisti a non sgomberare il loro assembramento non autorizzato, e' partita la carica contro questi, presenti in numero piu' o meno pari ai neofascisti (gli agenti erano una ventina).
A questo punto le versioni degli agenti e dei caricati divergono.
Per la Questura si sarebbe trattato solo di una carica di alleggerimento per disperdere una manifestazione non autorizzata e rendere possibile quella di Forza Nuova, munita di autorizzazione.
Qualcosa di poco rilevante che avrebbe portato al ferimento di un agente che avrebbe ricevuto un pugno e di un giovane antifascista.
Per i manifestanti anarchici e del Centro, invece, la carica sarebbe stata ingiustificata, dura e in molti di loro sarebbero rimasti feriti dalle manganellate, anche se poi non si sarebbero recati in ospedale per non ricevere ulteriori conseguenze.
I ragazzi del Depistaggio e gli anarchici si sarebbero difesi a mani nude e lanciando qualche uova verso gli agenti.
Allontanati da Piazza Matteotti, i caricati si sono poi spostati nei pressi della Prefettura e cosi' quelli di Forza Nuova hanno potuto concludere la loro manifestazione in Piazza Matteotti, durata pochi minuti, contro Mastella e per De Magistris sul cui trasferimento il CSM, comunque, non ha deciso, rinviando il pronunciamento al prossimo 17 Dicembre.
.CONDIVIDI.