Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Politica Expo, Buonismo E Indignazione Un Tanto Al Chilo (di Errecinque)
Expo, Buonismo E Indignazione Un Tanto Al Chilo (di Errecinque) Stampa
Politica
Scritto da Joel   
Martedì 05 Maggio 2015 09:00
Expo, Buonismo E Indignazione Un Tanto Al Chilo
Expo, Buonismo E Indignazione Un Tanto Al Chilo (di Errecinque)

https://errecinque.wordpress.com/2015/05/01/expo-buonismo-e-indignazione-un-tanto-al-chilo/

Errecinque

Premessa: se fai attivismo politico, in qualunque forma, hai una tua idea del mondo e di come debba andare e, giusta o sbagliata che sia, ritieni sia giusta.

Esiste un livello minimo di consapevolezze quando fai politica che non puoi negare mai, che devi tenere sempre presente.

Punto 1: se qualcuno non e' con te, e' colpa tua perche' non sei stato abbastanza bravo a fargli capire perche' dovrebbe essere con te.

Punto 2: chi non e' d'accordo con te e non e' in malafede potrebbe diventare d'accordo con te, per cui devi fare il possibile per fargli capire perche' pensi certe cose.

Punto 3: visti i punti 1 e 2, e' assolutamente fuori discussione pensare di poter liquidare chi non ti capisce, chi non ti ha capito o chi non ti viene dietro dicendogli che ten' o tunn'ncap.

Fatte le dovute premesse, quando succedono certe cose, uno ogni tanto deve pure esorcizzare questa necessita' impellente di scagliare il cranio ripetutamente contro la parete piu' vicina, e a questo punto, vada come vada, io certe cose provo a dirle.

Ma veramente non vi rendete conto che non ci sia nulla che vi appartiene?

Le vostre case possono esservi ipotecate, le vostre auto sequestrate, i vostri figli sbattuti in mezzo alla strada. Le vostre vite sono sotto scacco.

Ma non per dire: basta che un giorno uno si svegli e schiocchi le dita e la vostra vita e' a puttane, e questo puo' succedere perche' stiamo navigando nella forma piu' becera di capitalismo. Gli equilibri economici mondiali sono dettati da una struttura talmente evanescente che, se dopodomani la figlia di Douglas Peterson (il presidente di Standard and Poor's, l'agenzia di rating che valuta le economie dei paesi nei quali vivete) esce incinta e il padre si sceta storto, puo' buttare nel cesso la vostra economia nazionale e la vostra misera vita.

Ma veramente non vi rendete conto che nulla vi appartiene, nemmeno quello che tenete in testa? Non vi rendete conto che hanno costruito un mondo bomboniera e che siamo vittime del piu' grande Truman show di tutti i tempi?

Vi dicono che l'esposizione universale e' una cosa bella e di altissimo valore e tutti a dire si', che e' una cosa bellissima; e non vi fanno vedere che un operaio e' morto in uno dei padiglioni per costruirla; che c'e' stato un giro di tangenti e un livello di corruzione tale che e' stato indagato pure uno dei commissari che doveva indagare sul giro tangenti e sulla corruzione. Non vi fanno vedere che la grande esposizione universale che doveva parlare di nutrire il pianeta e di energia sostenibile e' stata sponsorizzata dalla piu' grande multinazionale del cibo merda (Mc Donald), responsabile della deforestazione del piu' grande polmone verde del pianeta (l'Amazzonia), per tenere le coltivazioni intensive dei cereali che utilizza per le produrre le sue salse di merda a buon mercato. Poi c'e' la multinazionale per eccellenza, la Coca Cola, quella che in Colombia ha fatto rapire, seviziare e massacrare i sindacalisti che si opponevano a condizioni di lavoro pari a quelle di schiavitu'.

Vi dicono che l'esposizione universale e' una vetrina internazionale e che dobbiamo fare bella figura e voi ci credete, ma nel frattempo nello stesso paese c'e' un pezzo di terra morta per sempre, che non dara' mai piu' frutti, e c'e' un altro pezzo di terra che da' frutti avvelenati perche' ci hanno seppellito rifiuti tossici. Per vent'anni questa informazione da niente e' stata secretata, e nonostante sia venuta fuori con tutta l'irruenza che si e' stati in grado di produrre ancora nulla e' cambiato.

Di questo non dite niente.

Vi dicono che l'esposizione universale e' di tutti, e' dell'Italia, e quindi bisogna lavorare tutti per farla funzionare, pero' non si e' capito perche' Farinetti deve collaborare aprendo una catena di ristoranti e i giovani devono farlo lavorando a livelli di schiavismo per quattro spiccioli, o addirittura in cambio di un tablet.

Voi non dite niente.

Vi dicono che puo' essere un volano di sviluppo per il paese, cosi' hanno cementificato mezza periferia di Milano ma anche questo sara' volano solo per chi di quel cemento sapra' approfittarsi. Nel frattempo l'edilizia popolare e' in condizioni degradate, nel frattempo la gente non sa come avere un tetto sulla testa e occupa le case o resta per strada.

Pero' il vostro problema e' l'accoglienza ai migranti.

E a proposito di migranti: vi dicono che e' buonismo essere disgustati dal fatto che novecento persone muoiano in mare, perche' non dobbiamo accogliere nessuno, perche' teniamo i problemi nostri a cui badare; pero' poi vi dicono di indignarvi e storcere il naso per due vetrine rotte rispetto alla sagra del capitalismo che si sta tenendo sul vostro pianerottolo di casa.

Il buonismo, in questo caso, vi piace.

I problemi nostri, e lo sponsor a Mc Donald.

I problemi nostri, e lo sponsor a Coca Cola.

I problemi nostri, e vieni a fare volontariato all'Expo.

I problemi nostri, e la 'ndrangheta.

I problemi nostri, e gli appalti truccati.

Stiamo pieni di problemi, pero' ci hanno fatto l'Expo e pure se e' una cacata, perche' l'hanno fatto una cacata, noi dobbiamo essere entusiasti e sorridenti, e magari con la tessera del PD nella tasca.

Questo e' l'Expo e l'Italia puo' essere un grande paese se tutti ci crediamo, se tutti ci lavoriamo.

Chissa' perche' quelli che da questo lavoro non ci guadagnano niente siamo sempre noi.

A proposito di lavoro: l'hanno inaugurato il 1 Maggio. La posso dire una cosa populista? Ma che cazzo si merita un paese che nella festa dei lavoratori inaugura una roba del genere chiedendo alla gente di lavorarci a gratis?

Io piu' ci penso e piu' veramente non riesco a spiegarmi come si possa non capire che l'esposizione universale, che tanto ci stanno propinando come l'occasione piu' importante e la cosa piu' bella che il nostro paese possa vivere, e' l'esatta riproduzione del sistema economico di merda nel quale siamo inseriti. Un sistema in cui le grandi multinazionali diventano sempre piu' grandi e mangiano e ingrassano alla faccia nostra e del pianeta. Ai giovani e' chiesto di collaborare, di aiutare e di farlo col sorriso sulle labbra e con tanto entusiasmo, in cambio di curriculum ed esperienza (e un tablet). I media raccontano la storia di una dimensione di perfetto equilibrio e armonia dove nessuno e' scontento se non poche frange di violenti, e l'opinione pubblica e' silenziata e consenziente, senza un guizzo, senza un momento di amor proprio o anche solo di dubbio che forse non e' tutto laminato e scintillante, che forse dietro alla vetrina c'e' il pantano.

Tutti contenti, tutti assuefatti, tutti rassegnati.

Poi arrivano i cortei, arrivano le contestazioni, arrivano le guerriglie pure quelle regolate ad arte - apro una parentesi su questo punto: o ammettiamo insieme che c'e' qualcuno che vuole esattamente che succeda quello che e' successo oggi a Milano, oppure ammettiamo insieme che c'e' un evidente problema di reclutamento delle Forze dell'Ordine e della Magistratura e stann' sul sciem' che sequestrano le bottiglie di vodka a pesca ma non riescono a intercettare materiale da guerriglia - quando arrivano le guerriglie, regolate ad arte, come dicevo, sono tutti indignati.

Tutti quanti a criminalizzare, a dire che non si fa cosi'; che vanno bene le ragioni ma quelli sono imbecilli, e tutt' o riest.

Io una cosa ve la devo dire.

Io forse non sarei stata in quella piazza violenta, forse non sarei stata a fare gli scontri, a dare fuoco alle macchine, ai negozi, alle vetrine e tutto il resto, per il semplice fatto che difficilmente mi metterei a compiere atti, il cui valore politico non sarei in grado di spiegare, banalmente, ai miei familiari.

Pero' resta un dato.

E' intollerabile il livello di buonismo (questo si', non quello dei cristiani morti affogati) che siete in grado di farvi propinare dai media di regime.

E' veramente vergognoso il modo in cui siano in grado di manipolarvi, strumentalizzarvi, farvi pensare esattamente quello che vogliono, farvi indignare per le puttanate e farvi passare sopra le catastrofi abissali.

E' veramente plateale il modo in cui siano in grado di farvi stare sempre dalla parte dei piu' forti.

.LINKS.
Fonte: Expo, Buonismo E Indignazione Un Tanto Al Chilo (di Errecinque)
Home Page Errecinque: https://errecinque.wordpress.com/
Facebook Errecinque: https://www.facebook.com/pages/Errecinque/176905352479920
Twitter Errecinque: https://twitter.com/RitaCantalink

.CONDIVIDI.