Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Politica REPRESSIONE - Festival Hardcore Benefit 22.10.05
REPRESSIONE - Festival Hardcore Benefit 22.10.05 Stampa
Politica
Scritto da ThePuNkshOw   
Venerdì 29 Luglio 2005 20:15

Con un po di ritardo faccio questa news, magari molti di voi sanno gia i fatti ke sto per elencare e altri adesso li sapranno:
..da tempo siamo in un clima di repressione quotidiana, almeno qua al nord.. da milano a torino.. stan cercando di chiudere tutti i centri sociali, quei luoghi di aggregazione dove per molti di noi..sono stati e sono tutt'ora luoghi di divertimento, di socialita, di cultura e di qualsiasi cosa attinente AL NOSTRO MODO DI GUARDARE LA SOCIETA ODIERNA E PASSATA...
..è facile buttarla li con 4 parole sui cs, poliza e stato..
x farla breve a torino ques'estate han murato il fenix e a milano han sgomberato il malamanera..
almeno x il malamanera era stato annunciato si poteva fare "qualcosa"? lo si è fatto? boh
non sta a me giudicare, fatto sta ke è successo.
2 sgomberi in poco + di una settimana..
e in questi ultimi giorni sempre a torino han sgomberato ben 2 centri sociali tra i + attivi nell'antagonismo torinese.. Alcova e RRosalia se vi interessa potrete trovare varie info a questi link:


Indymedia Italy ALCOVA E RROSALIA SGOMBERATI
Indymedia Italy FENIX MURATO
Indymedia Italy MALAMANERA SGOMBERATO
ANARCOTICO.NET MALAMANERA SGOMBERATO


22 Ottobre 2005 Al Dazdramir Di Ferrara
FESTIVAL ARCOR BENEFIT PER GLI ANARCHICI ARRESTATI
Dalle 16:00 In Poi Suoneranno:

RabbiAssassina (HC Crust Da Varese)
Disintegrate You Bastard (ViolenceCore Da Padova)
Crisi Isterika (Crust Skizzofrenico Da Milano)
Suicidio Di Massa (HC Old School Da Milano)
Repulsione HC (Hardcore Da Varese)
Thyria (Crust Da Trento)
Straight Opposition (HC New School Da Pescara)
Milizia HC (Hardcore Padova)
Degrado (InCore Da Como)
Dead Cities (TuttiPazzi HC Da Milano)
Le Bambine Barbute Di Donna Concetta (Hardcore Da Padova)
Associazione A Delinquere (Hc Senza Dio Da Bergamo)
AGT (Hardcore Da Pisa)
Svastika (PunkRock Da Firenze)
volantino

E' ORA DI SMETTERLA CON LE CAXATE, MOLTI DI VOI ACCORRONO SOLO AI VARI FESTIVAL COMMERCIALI STUDIATI APPOSTA PER CONTINUARE A FINANZIARE BAND VENDUTE..
VOGLIAMO GENTE A SOSTENERE I VERI CONCERTI SOPRATUTTO SE ORGANIZZATI DA RAGAZZI COME NOI E CON BAND VALIDE DISPOSTE A SBATTERSI PER UN BENEFIT!


nel Leggi Tutto riporto il testo di un ragazzo ke ha voluto dire la sua... ORA BASTA

Non è una questione di appartenenza né un motivo di orgoglio personale, ma ci stanno levando quanto di più caro abbiamo tenuto per anni e costruito con le nostre mani. La musica ha sempre rappresentato l’unico mezzo di comunicazione universale capace di smuovere intere generazioni, fondendosi con la politica, con gli ideali, con vere e proprie dottrine filosofiche diventate ad arte modello di vita e attitudine musicale sfociata in mille diramazioni. Non sono mai stato fortemente interessato ai problemi di partito di questa stupida italia schiavista e ridicola e soprattutto, non mi sono mai schierato politicamente, ma la situazione attuale sta diventando a mio avviso sempre più tesa e pericolosa, non soltanto per quanto riguardano i meccanismi di governo e stronzate simili, ma per una cosa di fondamentale importanza, il significato di umanità, elemento che purtroppo sta andando a farsi inculare del tutto a colpa della mentalità del più forte e della moda.



COSA C’ENTRA QUINDI LA MUSICA NELLA NOSTRA BELLA ITALIA DI MERDA?

Non posso credere che ai giorni nostri ci sia ancora gente che creda in certi “ideali” di guerra, di morte, di odio verso quelle masse da sempre sottovalutate che la società ha brutalmente chiamato “minoranze”, verso coloro che la pensano in maniera diversa e verso tutti quelli che vorrebbero un mondo multirazziale e non una società chiusa, ignorante e tristemente razzista. Stiamo parlando di un filone musicale che, sempre rispetto parlando verso tutti coloro che la pensano in maniera diversa, sta contribuendo a rovinare dal basso tutto quello che noi abbiamo costruito negli anni di lotta e di occupazione; l’abbandono forzato dei nostri spazi di libertà e la mentalità del RAC/OI! nazista sta diventando sempre più popolare e seguito dai ragazzini che si trovano a vivere l’esperienza e l’emozione di un concerto. Non posso credere che esista un genere musicale (attitudinalmente scopiazzato dal punk rock italiano come del resto fecero anni fa con l’oi!) capace di fare cantare con l’anima canzoni che esaltano dei “valori” di vita indirizzati solo ed esclusivamente alla violenza, alla mentalità del più forte e al razzismo. Stanno attuando una sottile e subdola rivoluzione alle nostre spalle. Dove siamo finiti? Slogan come “noi contiamo su di voi, nuove generazioni di ribelli, apriamo spazi di libertà” stanno cedendo il posto a stronzate come botte a tutti” oppure “negri di merda, immigrati di merda, white power fino alla fine” accompagnati con i nostri stessi tempi di batteria, le nostre chitarre distorte, i nostri giri di basso su quei 3/4 accordi che da anni siamo solitamente abituati a sentire in un centro sociale? E’ questo che adesso va di moda? Una generazione morta che non soltanto si sta facendo massacrare, ma si sta facendo levare in maniera scomoda e viscida quello che negli anni ha costruito, anni di EMOZIONI ed ESPERIENZE di chi ha lottato per un mondo migliore. L’unica spiegazione razionale è probabilmente da incentrare sotto un punto di vista psicologico, ossia il bisogno di alcuni soggetti umani, certo particolarmente repressi e creativamente prossimi alla merda, di affidarsi a questo insano e illogico stile attitudinale che loro chiamano “Rac/Oi”. La musica molte volte strumentalizza la gente e diventa in questo caso il mezzo più facile per il ritorno di un paese dove la tolleranza non esiste, la libertà è a fare in culo e dove il soggetto umano diventa un numero e non più un’identità singola e ben definita.

L’appello è quello di fermare questa MODA, di ricordarci chi siamo e soprattutto dove viviamo. Mai piegare la testa, mai abbandonarsi a se stessi, mai dimenticare.
Basta con le repressioni, basta con la violenza.
Tutto parte dal basso, sforzatevi di essere un goccio più umani e un mare meno merde Uniti sempre, divisi mai. Io ci ho sempre creduto.
Ora è il momento di reagire.

"Non facciamoci fottere ciò che è nostro"
.CONDIVIDI.