Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Politica Omicidio Stradale E Populismo Penale (di Strade)
Omicidio Stradale E Populismo Penale (di Strade) Stampa
Politica
Scritto da sberla54   
Lunedì 26 Settembre 2016 09:00
Omicidio Stradale E Populismo Penale
Omicidio Stradale E Populismo Penale (di Strade)

http://stradeonline.it/diritto-e-liberta/1495-omicidio-stradale-e-populismo-penale

Strade - Verso Luoghi Non Comuni

Quando una riforma e' accompagnata da enfasi mediatica, solo un ingenuo puo' sperare che l'analisi razionale prevalga sulle pulsioni emotive, tanto piu' se il tema evoca immagini di morte e storie di vite spezzate.

Anche la persona piu' aperta, democratica e liberale fatichera' non poco ad analizzare le norme derivanti dall'introduzione del reato di "omicidio stradale" da un punto di vista diverso da quello della vittima, e nell'identificazione - del tutto comprensibile - con la vittima fatichera' altrettanto a sottrarsi a quel paradigma tipico del populismo penale, mai messo in dubbio nei talk show, che fa meccanicamente coincidere la prevenzione del fenomeno degli incidenti mortali con l'aumento delle pene per chi li provoca.

Senza troppe speranze di contribuire ad arginare l'onda di plebiscitario consenso che accompagna la riforma, penso valga la pena sollevare qualche motivo di perplessita', soffermando l'attenzione sugli effetti derivanti da norme tanto popolari quanto poco meditate, piu' che sulle lodevoli intenzioni preventive.

Automatismo e' la pericolosa parola chiave della riforma. Dico pericolosa perche' il legislatore, in linea con il sentimento diffuso, pare avere presente esclusivamente alcuni casi limite balzati agli onori delle cronache, in cui le morti sono conseguenza di gravissime infrazioni del codice stradale commesse da chi si mette alla guida strapieno di alcol o droga, magari dandosi subito dopo alla fuga.

Occorre premettere che, in base alle attuali norme del codice penale in materia di omicidio colposo, anche senza l'esplicita introduzione del reato di omicidio stradale (il cui testo attende il via libera del Senato per diventare definitivo), e' gia' possibile sanzionare pesantemente simili comportamenti, arrivando ad irrogare fino a 15 anni di reclusione. Non si puo', tuttavia, negare che siano capitati casi - ampiamente amplificati dai media - in cui gravissimi comportamenti sono stati sanzionati con pene lievi. La proclamata necessita' di rivedere le norme nasce dalla eco che simili casi hanno suscitato negli organi di informazione.

Nel rivederle si impone, pero', una domanda: per evitare pene lievi in casi molto gravi siamo disposti a rischiare di vedere applicate pene sproporzionate anche in casi meno gravi? Per rispondere alla domanda e' necessario sciogliere un nodo di fondo, vale a dire cosa si debba intendere per gravita' in un reato colposo.

Se la gravita' si riferisce all'effetto dell'azione e' chiaro che, in tema di omicidio, tutti i casi sono gravi perche' hanno provocato la morte di almeno una persona. Se, invece, la gravita' si riferisce alla condotta, cioe' al grado di imprudenza, negligenza, imperizia ovvero di trasgressione alle norme del codice della strada, il giudizio cambia, perche' una piccola violazione di una regola puo' comportare effetti letali mentre una grossa infrazione effetti lievi o nulli.

A prima vista, il testo che introduce l'omicidio stradale approvato dalla Camera parrebbe sanzionare esclusivamente gravi violazioni che comportano gravi conseguenze. Anche la stampa, nell'illustrare il provvedimento, ha dato ampio risalto all'aumento delle pene per chi guida ubriaco o dopo aver assunto droghe.

Non si puo', tuttavia, non notare che la tecnica adottata dal legislatore, attraverso l'introduzione di automatismi sanzionatori che limitano la discrezionalita' dei giudici ed elevano i minimi della pena, e' tutt'altro che convincente laddove lo schematismo rischia di perdere di vista la peculiarita' del caso concreto.

L'omicidio stradale non comprende, infatti, solo i casi di chi guida con elevato tasso alcolemico o sotto l'effetto di droghe (casi che presuppongono una condotta volontaria precedente) ma viene esteso, con pene elevatissime (da 5 a 10 anni), anche a chi provoca incidenti passando col rosso al semaforo o facendo inversione di marcia in corrispondenza di una curva o dopo aver effettuato un sorpasso con segnaletica orizzontale di linea continua ovvero ancora per chi circola in contromano o in eccesso di velocita'.

Comprendo come sia difficile provare empatia con chi si rende responsabile di simili condotte pericolose alla guida. Rilevo, tuttavia, che l'ambito di estensione della norma e' tale da includere, accanto agli atti di imprudenza volontaria, anche le gravi disattenzioni.

La sproporzione di pena e la conseguente irragionevolezza della norma risultano chiare se si riflette sul fatto che imboccare una via in contromano (a chi non e' mai capitato guidando?) puo' costare dieci anni di carcere (come un omicidio preterintenzionale e piu' di un tentato omicidio premeditato), mentre lasciare incustodita un'arma in una stanza piena di bambini avra' come presumibile effetto, in caso di incidente mortale, una condanna a qualche mese con la condizionale.

Segnalo brevemente anche altre due evidenti sproporzioni che risultano dalla lettura del testo: gli aumenti di pena fino al triplo per il caso di morti o lesioni plurime e la durata della revoca della patente.

Quest'ultimo profilo, in particolare, merita attenzione perche' gli effetti delle scelte sono paradossali ed in totale conflitto con le proclamate finalita' di prevenzione: e' prevista, infatti, l'impossibilita' di conseguire la patente nei dieci anni successivi alla revoca per chi provoca un incidente dopo aver attraversato l'incrocio con semaforo rosso o dopo aver commesso una delle altre condotte (dall'eccesso di velocita', al contromano, al sorpasso con linea continua ecc.) e nei dodici anni successivi se ad una di queste condotte si aggiunge la fuga dopo l'incidente.

A prescindere dal fatto che dieci anni senza patente sono comunque troppi e determinano l'impossibilita' pratica di trovare un qualsiasi lavoro con conseguente espulsione dal circuito della vita civile, il legislatore, in maniera del tutto inintenzionale, finisce per incentivare la cattiva tentazione della fuga dopo l'incidente con la speranza di "farla franca", non essendo la sanzione prevista significativamente diversa dall'ipotesi base. Il buon senso avrebbe dovuto imporre, al contrario, di distinguere con maggiore nettezza tra chi scappa e chi presta assistenza.

Gli effetti del populismo penale sono questi: affidarsi esclusivamente all'inasprimento generalizzato delle sanzioni - presentate come la panacea per scongiurare i fenomeni - significa perdere di vista la necessita' della modulazione delle pene in relazione al contesto concreto ed alla gravita' dei comportamenti. Con il risultato di incentivare, nei fatti, gesti criminali come l'omissione di soccorso; condotta - questa si' - cosciente e volontaria e non frutto di mera disattenzione alla guida.

Una maggiore ponderazione sarebbe, dunque, quanto mai auspicabile nel definitivo passaggio al Senato ma presupporrebbe un ripensamento dell'ideologia di fondo della norma, perche' la realta' e' sempre piu' complessa degli schemi astratti ed e' facile profezia immaginare, nel prossimo futuro, che alle vite rovinate delle vittime si aggiungano quelle di persone perbene che, senza volere, hanno provocato un incidente.
Claudio Bragaglia

.LINKS.
Fonte: Omicidio Stradale E Populismo Penale (di Strade)
Home Page Strade: http://www.stradeonline.it/
Facebook Strade: https://www.facebook.com/stradeonline
Twitter Strade: https://twitter.com/Strade_Magazine
E-mail Strade: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.