Immagini

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Politica I Pogrom Sono Una Realta', Noi Siamo Pronti Alla Rivolta? (di DinamoPress)
I Pogrom Sono Una Realta', Noi Siamo Pronti Alla Rivolta? (di DinamoPress) Stampa
Politica
Scritto da sberla54   
Martedì 06 Febbraio 2018 10:00
I Pogrom Sono Una Realta', Noi Siamo Pronti Alla Rivolta?
I Pogrom Sono Una Realta', Noi Siamo Pronti Alla Rivolta? (di DinamoPress)

https://www.dinamopress.it/news/pogrom-realta-pronti-alla-rivolta/

DinamoPress

L'azione di terrorismo fascista e razzista di Macerata segna un punto di non ritorno. Di fronte a tutto questo non serve un fronte popolare in difesa della miseria del presente, ma ricostruire la grammatica comune con cui gli sfruttati si possono parlare.

Sembra tutto cosi' americano. Un 28enne prende una pistola e gira per una citta' di provincia per sparare addosso ai 'negri', prova ad ucciderne quanti piu' possibile ma riesce solo a ferirne sei, due dei quali lottano tra la vita e la morte nel momento in cui scriviamo.
Ma non e' un folle, i gesti e i simboli, cosi' come la biografia ci parlano di una radicalizzazione dell'estremismo neofascista, del diffondersi di idee suprematiste e razziste, che innescano il passaggio all'azione. Dai commenti su Facebook alla strage.

Era gia' successo nel Dicembre del 2011, questa volta a Firenze. A sparare era stato un sostenitore di Casa Pound, imbevuto di idee razziste e antisemite. La grossa differenza e' che questa volta una parte del Paese sembra pronto ad accogliere il gesto solitario non con sdegno e paura, ma come il segno che passare all'azione e' possibile. Il problema non sono solo i gruppuscoli, le sigle, le organizzazioni. Ma il mare in cui nuotano. Il sentimento espresso da migliaia di cittadini da casa, dall'ufficio, dal bus nei commenti agli articoli o sui gruppi Facebook diventa un'onda che si trasforma in fatti. Il rumore del consenso al grilletto premuto contro gli immigrati. Se il candidato alla presidenza della Regione Lombardia puo' parlare di "razza bianca" e presentarsi come il volto anche dei "moderati", forse dobbiamo apprendere sino in fondo che il paradigma e' davvero cambiato.

I fatti di Macerata sono il segnale ultimo che una parte del paese e' disponibile ai pogrom, che il razzismo di Stato ha generato mostri che non riesce piu' a controllare. Il ricorso alla violenza e' una possibilita' accettata non solo in teoria ('dovremmo ammazzarli tutti', 'ci vorrebbe qualcuno che li sistema' ecc) ma anche quando diventa un'opzione. Cosi' una parte dell'arco politico invece di prendere le distanze giustifica e parla ancora di "immigrazione fuori controllo", mentre le forze che si vogliono "democratiche" e "antifasciste" fanno ricorso a parole che suonano come un blablabla ormai inintellegibile da larghe fasce di popolazione, da chi ha pagato dieci anni di crisi economica e da chi ha introiettato il fallimento e l'umiliazione di non avercela fatta come marchio indelebile, e allora cerca qualcuno a cui dare la colpa.

Di fronte a tutto questo, siamo pronti? Siamo consapevoli che non ci salveranno gli appelli ai valori democratici e alla Costituzione? Lo scontro e' inevitabile, e forse siamo ancora in tempo a dargli il volto della rivolta. Per farlo non servono fronti popolari in difesa della miseria del presente, ma ricostruire la grammatica comune con cui gli sfruttati si possono parlare. Non ci sono scorciatoie. I 'buonisti' hanno gia' perso.
Ernest Everhard

.LINKS.
Fonte: I Pogrom Sono Una Realta', Noi Siamo Pronti Alla Rivolta? (di DinamoPress)
Home Page DinamoPress: http://www.dinamopress.it/
Facebook DinamoPress: https://www.facebook.com/dinamo.press
Twitter DinamoPress: https://twitter.com/dinamopress
YouTube DinamoPress: https://www.youtube.com/user/DinamoPress
E-mail DinamoPress: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.