Immagini

Prossimi Concerti

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Politica Essere Antifascisti In Bielorussia. Una Testimonianza (di DinamoPress)
Essere Antifascisti In Bielorussia. Una Testimonianza (di DinamoPress) Stampa
Politica
Scritto da Joel   
Giovedì 16 Luglio 2020 10:00
Essere Antifascisti In Bielorussia. Una Testimonianza
Essere Antifascisti In Bielorussia. Una Testimonianza (di DinamoPress)

https://www.dinamopress.it/news/antifascisti-bielorussia-testimonianza/

DinamoPress

Nel paese post-sovietico l'opposizione a Lukashenko e i tentativi di fare politica dal basso hanno sempre potuto contare su pochissimo spazio d'azione. Tuttavia, almeno dagli inizi degli anni 2000, esiste un movimento di ispirazione radicale che ha provato a mettere in atto un cambiamento

"Sono cresciuto in provincia, dove non succedeva praticamente nulla. Trasferendomi a Minsk per l'universita', ho potuto incontrare per la prima volta anarchici e ultras, persone "toste" che scendevano in piazza per delle manifestazioni e delle proteste."
"Mi sono detto: "Finalmente qua succede qualcosa di interessante". Mi sembravano dei fighi: il loro modo di vestire, di atteggiarsi [...] e di combattere per le strade le bande di nazisti". L'ipotesi di un cambiamento politico in Bielorussia - che in queste ore torna prepotentemente a farsi strada - passa anche da storie (e memorie) come questa. In 26 anni di dominio istituzionale della stessa personalita', l'ex-militare ed ex-direttore di fattorie collettive Aleksander Lukashenko, le capacita' di auto-organizzazione e di militanza dal basso nella repubblica post-sovietica sono state ripetutamente represse e frustrate. Difficile agire al di fuori delle modalita' canoniche previste dalla legge, mentre in tanti e tante sono scappati nella vicina Polonia per sfuggire alle persecuzioni. E' il caso di D., che vive a Varsavia da oltre dieci anni: "Mi hanno incarcerato per qualche giorno e ho ricevuto pressioni da parte dei servizi segreti. Volevano che mi esponessi in televisione per dire: "Non andate alle manifestazioni senno' verrete puniti, come lo sono stato io". Sono fuggito la sera stessa, dopo essermi rifiutato di fare cio' che mi chiedeva il Kgb".
Mentre in vista delle elezioni del 9 Agosto la situazione pare essere quanto mai in bilico, con alcuni sondaggi che danno il presidente uscente al 3% e con numerosi picchetti anti-governativi che si moltiplicano in ogni angolo del paese, puo' allora essere utile provare a ripercorrere le vicende di chi si e' opposto in passato al regime di Lukashenko e lo ha fatto nelle piazze, in maniera spontanea.
"Essere attivisti significa sostanzialmente prendere coscienza di trovarsi in uno stato totalitario", afferma P., anche lui fuggito a Varsavia da poco piu' di un anno. "Il numero dei nostri poliziotti e' uno dei piu' alti al mondo e i cittadini della Bielorussia in pratica lavorano per mantenere le forze dell'ordine. Le elezioni sono truccate e non sono altro che un'occasione da parte dell'establishment di rubare ancora piu' soldi dalla popolazione. Si tratta di una dittatura, dove anche le piu' piccole attivita' e le piu' piccole espressioni della societa' civile vengono represse dal potere".


Punk oltre confine

Ma la Polonia e, in generale, le nazioni estere non sono semplicemente luoghi in cui poter fuggire dalla repressione. In alcuni casi hanno rappresentato, anzi, dei veri e propri spazi di educazione politica e formazione militante. "L'intero movimento bielorusso e' stato pesantemente influenzato da quello polacco", spiega D. "Io personalmente ho frequentato molto lo squat di Bialystok, che ha resistito una decina d'anni e per noi bielorussi era davvero un centro sociale leggendario. Si ascoltavano e si organizzavano concerti, si stringevano amicizie e si creavano contatti... Era come un'onda che veniva trasportata in Bielorussia: il movimento polacco era molto piu' vecchio e strutturato del nostro e noi abbiamo preso tante forme e modalita' di militanza dal contesto oltreconfine". Forme e modalita' che coinvolgono l'ambito estetico-culturale, ancor prima che politico: "La musica punk-rock era essenziale per tutto il movimento di sinistra", afferma sempre D.
"I concerti rappresentavano i momenti in cui gli attivisti potevano incontrarsi, discutere e scambiarsi idee. Tutte le risse con i nazisti avvenivano durante i concerti punk-rock!".
In un contesto in cui la stampa e in particolare l'accesso a internet sono stati fortemente controllati dal governo (a partire dal 2006, Reporters Without Borders ha classificato la Bielorussia fra i "nemici" dell'accesso alla rete), tali occasioni di ritrovo informali e magari presso spazi occupati e autogestiti hanno anche rappresentato delle "finestre sul mondo", eventi in cui subire la fascinazione di storie ed esempi di militanza che arrivavano da lontano. "Fino a non troppo tempo fa, i concerti punk erano praticamente l'unico contesto in cui fare conoscenze di cio' che avveniva all'estero a livello politico", ricorda P. "Non si trattava solo di ricevere informazioni, ma anche di discutere del perche' alcune cose avvenivano e soprattutto di ascoltare i racconti di come militanti e attivisti di ogni parte del mondo reagivano ai fatti. Era davvero interessante capire le modalita' con cui le persone in diverse situazioni provavano a cambiare lo stato di cose esistente. Per me, per noi, significava sentirsi parte di un processo piu' grande".


Fra tifo e rivoluzioni

La repressione e il controllo del governo bielorusso, pero', paiono essersi addirittura intensificati negli anni recenti. La militanza politica anarchica e antifascista del paese, oltre che con la scena musicale punk, e' stata molto legata al mondo del tifo calcistico e sportivo. "Diciamo che si tratta di subculture tutte molto prossime fra loro", aggiunge D. "Quando sono fuggito io, poco prima delle grosse proteste del 2010, credo che gli apparati governativi avessero appena iniziato a "grattare la superficie" di questo "sottobosco". Ma e' poi soprattutto con gli eventi del Maidan ucraino che le autorita' bielorusse si sono allarmate e hanno cercato di dare un giro di vite definitivo al movimento". La sollevazione del 2014 in Ucraina, che ha condotto alla destituzione dell'allora presidente Viktor Janukovyc, ha infatti portato all'attenzione dell'opinione pubblica il ruolo che i gruppi ultras possono giocare in contesti di scontri di piazza e di ribaltamenti politici: i tifosi delle maggiori squadre del paese sono stati molto attivi durante le proteste - sebbene in modalita' e in misure diverse, a sostegno di entrambe le fazioni "in lotta" - e in alcuni casi hanno svolto compiti da vero e proprio "servizio d'ordine" durante le manifestazioni.
"Percio' governo e servizi segreti hanno iniziato a voler fare tabula rasa di tutta la scena politica alternativa" conclude D. Gli fa eco P., che ancora si trovava in Bielorussia durante i fatti del Maidan ucraino: "Si nota che da qualche anno la scena punk-hardcore e' molto piu' studiata dalle autorita'.
Hanno appunto capito che non si trattava solo di concerti ma di un'intera controcultura, dove ci si scambiano informazioni e si organizzano azioni di varia natura, anche politica.
Immagino che abbiano pure incominciato a segnarsi i nomi di tutte le persone che partecipano ai concerti e stilare liste di sospetti, che vengano poi utilizzate per provocare e "punzecchiare" gli attivisti. Insomma, la repressione e' aumentata"
.


Passato e presente

Le proteste di questi giorni e i segnali di un drastico calo del consenso a Lukashenko sembrano pero' dimostrare che il regime sia sempre piu' "in affanno" e che, anzi, la repressione poliziesca sia sintomo piu' di debolezza che di forza. Certamente a dominare la scena dell'opposizione, ora, sono realta' politiche di varia natura, talvolta anche conservatrici e che poco o nulla hanno a che fare col movimento anarchico che ha invece animato altre contestazioni del passato. "Le forze contrarie a Lukashenko sono composte soprattutto da socialdemocratici e da nazionalisti, che hanno molti pregiudizi verso i movimenti come quelli in cui militavo io ritenendoli degli "estremisti" e dei "comunisti"", spiega D. "A ogni modo, la propaganda governativa continua ad agitare lo spettro del Maidan e insiste sul fatto che l'opposizione riceva soldi "dall'Occidente". Ma e' naturale che sia cosi': se come partito ufficiale vuoi veramente avere un minimo di potere politico in Bielorussia, devi farlo. Per quanto riguarda i movimenti dal basso, invece, credo che il piu' grande limite sia dato dalla mancanza di comunicazione fra diverse generazioni di attivisti. Non si conoscono, quindi e' come se ogni nuovo gruppo, ogni nuova generazione di persone impegnate politicamente debba sempre ripartire da zero".
Una frattura che registra anche D.: "Per quello che ho visto io da militante, la parte piu' anziana della popolazione in Bielorussia non cerca di partecipare in prima persona al cambiamento: tendenzialmente ci si accontenta dello status quo.
I giovani, al contrario, sono piu' attivi: talvolta, entrare a far parte del movimento significa anche semplicemente potersi occupare di tematiche che non sono mai affrontate dalla politica ufficiale, come l'ecologia".
In questo momento, tuttavia, il tema caldo sempre essere uno solo: "Stop allo scarafaggio", recitano i cartelli dei numerosi picchetti antigovernativi che si stanno svolgendo in varie citta' della Bielorussia, con riferimento Lukashenko. Le elezioni del 9 Agosto potrebbero davvero segnare una svolta nella storia del paese, anche se gia' sono iniziate le incarcerazioni di candidati dell'opposizione e la repressione delle manifestazioni di piazza: la crisi sociale ed economica provocata dalla Covid-19 e l'esaurirsi di alcune condizioni che hanno favorito il mantenimento del potere da parte dell'attuale presidente (non da ultimo, il sostegno russo che proprio in questi giorni pare essersi incrinato) indicano che l'esito delle votazioni non tende a essere favorevole al blocco di governo che detiene il potere dal 1994. Se cosi' dovesse essere, sara' certamente anche merito di quanti e quante - in tutti gli anni di regime - sono rimasti "in movimento".
Francesco Brusa

.LINKS.
Fonte: Essere Antifascisti In Bielorussia. Una Testimonianza (di DinamoPress)
Home Page DinamoPress: http://www.dinamopress.it/
Facebook DinamoPress: https://www.facebook.com/dinamo.press
Twitter DinamoPress: https://twitter.com/dinamopress
YouTube DinamoPress: https://www.youtube.com/user/DinamoPress
E-mail DinamoPress: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.