Immagini

Prossimi Concerti

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

VegFacile - Go Vegan!

Vegan Riot: la Rivoluzione ai Fornelli dal 2005!
Home Articoli Politica I Curdi Accusano La Turchia: Usate Armi Chimiche. Ma Il Mondo Fa Ancora Finta Di Niente (di DolceVita)
I Curdi Accusano La Turchia: Usate Armi Chimiche. Ma Il Mondo Fa Ancora Finta Di Niente (di DolceVita) Stampa
Politica
Scritto da Joel   
Martedì 25 Gennaio 2022 10:00
I Curdi Accusano La Turchia: Usate Armi Chimiche. Ma Il Mondo Fa Ancora Finta Di Niente
I Curdi Accusano La Turchia: Usate Armi Chimiche. Ma Il Mondo Fa Ancora Finta Di Niente (di DolceVita)

https://www.dolcevitaonline.it/i-curdi-accusano-la-turchia-usate-armi-chimiche-ma-il-mondo-fa-ancora-finta-di-niente/

DolceVita

Dopo oltre due mesi, non sono ancora iniziate le indagini sull'uso di armi chimiche in Iraq da parte delle Turchia

Sono passati oltre due mesi da quando il PKK (Partito dei Lavoratori del Kurdistan) ha accusato per la prima volta la Turchia di aver utilizzato per piu' di 300 volte armi chimiche contro le forze curde nell'altopiano del Kurdistan, in Iraq.
Se le accuse mosse dai curdi iracheni sono particolarmente gravi - tanto piu' se si considera che la Turchia fa parte della Convenzione sulle armi chimiche del 1997 -, il silenzio del governo di Ankara e il mancato avvio di indagini indipendenti da parte degli organi competenti lo sono forse ancora di piu'. Sono molteplici, infatti, i video condivisi dal PKK che ritrarrebbero gas tossici fuoriuscire da diversi tunnel nella regione, cosi' come molteplici sono anche i report sul peggioramento delle condizioni di salute degli abitanti dei villaggi locali a causa delle presunte sostanze chimiche utilizzate dalle forze armate turche.

Eppure, nonostante le innumerevoli richieste di intervento da parte del Partito dei Lavoratori, la risposta della comunita' internazionale, ed in particolare dell'Unione Europea, e' ad oggi essenzialmente inesistente.


Il silenzio dell'Europa

Interrogato sulla vicenda dal parlamentare europeo svedese Malin Bjork, Josep Borrell - vicepresidente della Commissione europea e alto rappresentante UE per le politiche estere e di sicurezza - ha riconosciuto le attivita' militari portate avanti dalla Turchia contro i curdi in Iraq, sottolineando pero' la posizione di aperta ostilita' dell'Unione nei confronti del PKK, definito un "gruppo coinvolto in attivita' terroristiche secondo le misure restrittive dell'UE". Secondo quanto riferito da Borrell poi, al momento, l'UE non avrebbe ancora ricevuto alcun rapporto sull'utilizzo di armi chimiche da parte di Ankara in Iraq, quantomeno ufficialmente.

L'opposizione piu' strenua al Partito dei Lavoratori e' pero' forse quella del Partito Democratico del Kurdistan (KDP), principale forza del governo curdo in Iraq. Essenzialmente dipendente dalla Turchia in forza di vari accordi per la somministrazione di petrolio nella regione, la posizione generale del KDP e' non solo apertamente filo-turca ma, soprattutto, di aperta opposizione al PKK. Negli scorsi mesi, il Partito dei Lavoratori ha, infatti, piu' volte accusato i rivali di aver tentato di oscurare i report relativi agli attacchi perpetuati dalle forze di Erdogan, nonostante, a Settembre, in via del tutto eccezionale, anche alcuni mezzi di informazione vicini al KDP, avessero denunciato un "possibile attacco chimico" da parte dell'esercito turco e, soprattutto, la mancata volonta' di avviare indagini ufficiali da parte del governo.


Gli Stati Uniti scelgono di non vedere

Si tratta di una situazione particolarmente delicata. Da una parte, il popolo curdo non e' estraneo agli attacchi chimici e, dall'altra, la Turchia non e' certo nuova alle accuse che la vedono tra i principali protagonisti di questi ultimi nell'area medio orientale. Una posizione fortemente strategica all'interno della NATO e forti legami commerciali rendono pero' complesso, se non impossibile, per molti Paesi occidentali assumere una posizione ostica nei confronti delle politiche estere del governo di Ankara. Negli anni scorsi, gli Stati Uniti in particolare si sono piu' volte rivelati riluttanti nel sostenere le accuse di attacchi chimici in Siria rivolte alla Turchia, spesso abbandonando qualunque indagine a riguardo in breve tempo, una prassi che, nonostante le recenti affermazioni sull'importanza di una partnership strategica con il Kurdistan, il governo Biden non sembra determinato ad abbandonare.

.LINKS.
Fonte: I Curdi Accusano La Turchia: Usate Armi Chimiche. Ma Il Mondo Fa Ancora Finta Di Niente (di DolceVita)
Home Page DolceVita: http://www.dolcevitaonline.it/
Facebook DolceVita: https://www.facebook.com/dolcevitamagazine/
Twitter DolceVita: https://twitter.com/dolcevita_mag/
YouTube DolceVita: https://www.youtube.com/dolcevitamagazine/
E-mail DolceVita: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.