Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Politica Universita' Occupate e Studenti In Piazza: No Decreto Gelmini (Legge 133)
Universita' Occupate e Studenti In Piazza: No Decreto Gelmini (Legge 133) Stampa
Politica
Scritto da ThePuNkshOw   
Mercoledì 22 Ottobre 2008 14:32

"Se ne sta li a sbellicarsi dalle matte risate! Perche' e' un moralista! E' un gran sadico! E' un padrone assenteista ecco che cos'e'" E uno dovrebbe adorarlo? No mai!"
Sta citazione da l'"Avvocato Del Diavolo" e' diretta al nostro padrone assenteista sberla54.
Mi tocca riempire qualche riga per levarci dai coglioni i RushDown che mi ha gia rotto le palle vederli in homepage...han na copertina orrenda ammettiamolo!
Nel Leggi Tutto un po di (s)considerazioni sulla situazione in italia delle universita' occupate, Decreto Gelmini, Legge 133, berlusconi e altre robe.
Dunque, riempirei un po di righe con sta storia delle Universita' Occupate in tutt'italia, io sinceramente ne sapevo poco un cazzo.
Ho iniziato a saperne qualcosa tipo due settimane fa quando stavo a Roma alla Sapienza, quando una donzella mi ha allungato un volantino che parlava di sto decreto "Gelmini" e della Legge 133 che toglie fondi alle universita' pubbliche per darle a quelle private, si annunciava un assemblea studentesca per il sabato successivo.
Ovviamente non mi son interessato piu' di tanto non essendo studente universitario...
Poi giust'oggi ho visto un paio di servizi al TG e qualche link su internet di movimenti assurdi in giro per tutt'italia ...migliaia di studenti scesi in piazza per le strade. occupazioni permanenti di universita',licei e storie simili.
Ma dicevo...dopo tutto cio che ho letto e sentito, mi vedo sul TG regionale il nostro caro Presidente Del Consiglio che declama in modo del tutto sereno e normale: "I ragazzi insorgono? Occupano? Non c'e' problema, fra qualche ora daro' ordini specifici alla polizia di sedare ogni movimento sovversivo con la violenza se e' necessario..."
"Mi scusi presidente, ma questo potrebbe essere chiamato STATO DI POLIZIA..."
"..."
"...E non permetteremo a nessuno di occupare ingiustamente aule pubbliche non facendo lavorare i nostri insegnanti e perdere soldi pubblici in questo modo..E comunque tutto questo e' appoggiato dalla sinistra e dai centri sociali, quindi e' giusto porre subito fine a questa situazione"
vabbe' puo essere che le parole non siano esattamente queste (il TG e' finito da tre ore) ma il senso e' quello.
Insomma...il fatto e' che e' disarmante come ha detto tutte ste stronzate...con una tranquillita' assurda, della serie: "Ci son migliaia di persone contrariate da un decreto secondo loro ingiusto? Be' la maggior parte son di sinistra, quindi comunisti e l'altra fa parte di centri sociali, quindi anarchici sovversivi. E' giusto reprimerli in ogni modo!". Allucinante.
Dopo tutto sto casino, ho sentito di 40 mila studenti e docenti scesi in piazza (mm a Roma? Firenze?) il nostro caro Presidente se ne fotte e ripete che il decreto non sara in alcun modo revocato.
Be' che dire, spero che le occupazioni e le lezioni autogestite degli studenti continuino ad oltranza...
Questo articolo lo doveva scrivere sberla, quindi prendetevela con lui se non capite un cazzo di quello che ho scritto, al momento credo che l'interessato sia a Bologna a trombare clamorosamente con la tipa invece che star a Imola a far il nerd asd.
Per aiutarvi e farvi capire meglio il tutto qua sotto un po' di link che spiegano un po la situazione in Italia.

.LINKS.
Berlusconi: contro la riforma Gelmini solo bugie, non permetteremo occupazioni
Tagli all'universita', 40mila in corteo a Firenze Scontri tra polizia e studenti a Milano: tre feriti
ROMA: occupate quattro facolta' de "La Sapienza"
Riforma Gelmini: Tornano le Universita' Occupate"
Lista delle Universita' Occupate in tutt'italia"
Video: Tafferugli in stazione a Cadorna, studenti e polizia (MILANO - 21.10.2008)"
Messaggio sulla Milano HxC inerente a un discorso di Piero Calamandrei sulla possibilita di fare univerista private a scopo politico (11 febbraio 1950)

.CONDIVIDI.