Rita Levi Montalcini, La Vivisezione E La Non Violenza (di L'Olocausto Animale) Stampa
Vegan
Scritto da sberla54   
Giovedì 03 Gennaio 2013 05:00
Rita Levi Montalcini
Rita Levi Montalcini, La Vivisezione E La Non Violenza (di L'Olocausto Animale)

L'Olocausto Animale

Da una riflessione di Clarissa Banfi:
In una pagina di Facebook piuttosto conosciuta che si occupa di animali e si prodiga contro la vivisezione, in merito alla morte di Rita Levi Montalcini (nota per le sue posizioni a favore di questa pratica assolutamente crudele), si sta pubblicando una serie di post che, a mio parere, sono estremamente di pessimo gusto e di altrettanta disumanita'.
Gioire per la morte di una persona, per quanto favorevole ad un metodo per tutti noi tanto odioso, o maledirla e' uno spettacolo davvero indecoroso e indegno.
La cosa mi ha molto colpita e mi sono fermata un attimo a riflettere su tanta violenza. E mi sono domandata: esultare per la morte di un essere umano, per quanto fosse discutibile cio' che facesse in vita, ci rende forse migliori o ci pone al medesimo livello, se non peggio?
Io credo che, finche' i nostri cuori saranno cosi' assetati di violenza e di vendetta, riusciremo a fare ben poco o addirittura nulla.

Porsi in questo modo e' sintomo che davvero amiamo gli animali? Io ne dubito fortemente. Perche' post dai contenuti cosi' violenti non sono stati pubblicati quando la persona era ancora in vita e, quindi, in grado di difendersi? Farlo quando e' scomparsa non solo e' segno di vigliaccheria, ma e' anche di un modo di concepire il rispetto che forse dovrebbe essere riconsiderato.
Il Rispetto non e' unilaterale e a senso unico.
Allora, se si giudica questa persona in modo cosi' vergognoso e' segno che non siamo essere civili, nel senso piu' ampio del termine.
Se chi approva certe posizioni si crede un amante degli animali, allora io mi dissocio in tutto e per tutto. IO NON SONO "UN AMANTE DEGLI ANIMALI". Sono semplicemente una persona che agisce e combatte perche' a TUTTE le creature sia riconosciuto il diritto alla Vita, siano esse persone o animali. Fare distinzioni tra le une e gli altri con questa veemenza fa venire meno quello che cosi' accoratamente vorremmo concretizzare: un mondo che abbia coscienza che la violenza, in qualunque forma la si esplichi, porta solo ulteriore violenza e mai favorira' un percorso di pace e di rispetto dell'uomo verso gli animali. Finche' non capiremo che il rispetto non puo' prescindere da quello tra esseri umani, allora non ci muoveremo un millimetro da chi tanto viene disprezzato.
Quando ho appreso della morte di Rita Levi Montalcini, l'unico pensiero che ho avuto e' stato che aveva avuto una vita longeva. E basta! Non mi sono messa ad esultare felice. Felice di cosa? Chi e' senza peccato lanci la prima pietra, diceva qualcuno. E credo che nessuno di noi sia esente da errori imperdonabili.
Allora, forse, e' il caso di capire meglio chi siamo e cosa veramente vogliamo.
Io combatto la vivisezione con tutte le mie forze. Pero' mi chiedo: quanti di coloro che hanno espresso parole di offesa e di ludibrio in questo frangente non hanno mai mangiato carne, indossato capi di pelle (a partire dalle scarpe), acquistato prodotti e cosmetici ottenuti attraverso la sperimentazione animale? Quanti? Nessuno, immagino!
E se fra questi ci fosse anche qualcuno che, fin dalla primissima infanzia, fosse stato educato al pieno rispetto di tutte le forme di Vita, non sarebbe comunque giustificabile.
A chi ha scritto quella frase (una fra tante, purtroppo) e a chi l'ha commentata gioendo (o l'ha solo pensato), una sola parola mi rimbalza nella testa e nel cuore: VERGOGNA!
Clarissa Banfi

Commento di uno degli amministratori di L'Olocausto Animale:
Condivido parola per parola.
Non e' traendo piacere e sollievo dalla morte di altri, inneggiando al loro decesso che puo' risolversi una realta' tanto drammatica quanto necessaria da superare quale e' quella della vivisezione. So bene chi era la Dr.ssa Montalcini e so bene in quale modo ha costruito nella sua passata vita il suo prestigio personale e legato il suo nome alla storia della medicina, so bene quale era la sua posizione in merito alla "sperimentazione animale" e quale contributo abbia dato alla sua perpetuazione la nota scienziata. Cosi' come so bene quanto sia ingiusta e profondamente sbagliata questa pratica pseudoscientifica obsoleta, fallace, fuorviante non solo da un punto di vista etico, assolutamente ovvio, ma anche da un punto di vista scientifico.
Tocca ricordare doverosamente che la vivisezione non e' mai, ripeto MAI nel corso della storia, stata validata scientificamente, ne tanto meno ha mai fornito prove alcune della sua attendibilita' scientifica...ma ha sempre e solo prodotto immani tragedie non solo tra le specie animali ma anche tra gli esseri umani.
Tocca anche ricordare che per via dei veleni/farmaci prodotti dalle grandi lobby farmaceutiche ogni anno, ogni anno, muoiono per ADR (Adverse Drug Reaction - reazione avversa al farmaco) 106 mila cittadini negli U.S.A. e 197 mila cittadini nell'U.E., senza dimenticare il resto del mondo, Africa, Oceania, Asia, Sud America, Canada.
Ma inveire sterilmente quasi alla stregua di fanatici religiosi contro "il nemico vivisettore" di turno non e' il modo di raggiungere quei traguardi che sono l'obiettivo per un'evoluzione culturale della societa'  umana che possa considerarsi veramente civile. Non e' demonizzando e aggredendo violentemente, anche solo a parole, i ciarlatani pataccari di questa "scienza" dei tarocchi che possiamo relegare questa assurda atrocita' spacciata per "ricerca medica" al posto che le spetta nella storia come e' gia' stato per la teoria tolemaica e l'oscurantismo bigotto medioevale cattolico ed ogni altra menzogna imposta dall'establishment del momento. Solo con la forza della ragione e della verita' possiamo ottenere questo...solo con questo.
Tanto abbiamo ragione noi ed e' la verita', non UNA verita', la nostra....ma LA verita', lo dimostrano i dati di fatto. Per cui, gli estremismi ed i fanatismi irrazionali, lasciamoli ai sostenitori SEDICENTI "razionalisti" provivisezione....bastano gia' loro. La Dr.ssa Montalcini e' ormai defunta...ora si puo' lasciarla riposare in pace, a prescindere da quanto tormento abbia anche lei contribuito ad arrecare, in qualita' di ricercatrice e vivisettrice, a povere creature innocenti sterminate nel nome di una sadica, efferata menzogna.
A.L.

.VEGAN LINKS.
Visita la nostra sezione "Vegan Links", per una raccolta di siti, articoli ed informazioni su vegetarianesimo, dieta vegan e liberazione animale.

.LINKS.
Wikipedia Rita levi Montalcini: http://it.wikipedia.org/wiki/Rita_Levi-Montalcini
Facebook L'Olocausto Animale: https://www.facebook.com/indifferenzaolocaustoanimale

.CONDIVIDI.