Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Vegan Veganismo Nero (di Not)
Veganismo Nero (di Not) Stampa
Vegan
Scritto da Joel   
Venerdì 14 Agosto 2020 10:00
Afro-ismo, Cultura pop femminismo e veganismo nero
Veganismo Nero (di Not)

https://not.neroeditions.com/veganismo-nero/

Not - NERO On Theory

Antispecismo antirazzista per un'alleanza multispecie!

Estratto dal libro Afro-ismo, Cultura pop femminismo e veganismo nero, di Aph Ko e Syl Ko, curato e tradotto da feminoska, pubblicato da VandA edizioni con prefazione di Ippolita e postfazione di Carol J. Adams.

Una delle domande piu' frequenti che ci viene posta e': "Cosa c'entra la razza con il veganismo? Il veganismo dovrebbe riguardare esclusivamente gli animali!".

Ora, questa domanda (e questa opinione in generale) ci e' stata posta nei contesti piu' svariati, e quindi, a seconda del contesto, cambia il modo in cui si puo' decidere di affrontarla.
Qui vogliamo pero' concentrarci specificamente sul fenomeno forse piu' frequente che suscita questo interrogativo, ovvero la tendenza di alcune persone a contraddistinguere o rendere evidente la propria identita' razziale o etnica quando si affiliano a un'ideologia, a un movimento, a uno stile di vita o a una forma di attivismo.

Naturalmente, questa tendenza non e' peculiare degli ambienti vegani o animalisti, ne' e' caratteristica esclusiva delle persone di colore. Esistono femminismi neri, indigeni, latini e di altro tipo. Ambienti di attivismo al contempo queer e marxisti e cosi' via. Ma in tal caso la questione appare diversa, dal momento che e' evidente che le persone si riferiscono a identita' plurali da loro condivise, e affrontare il sessismo o il classismo, nel caso di soggetti razzializzati o emarginati che affrontano questi problemi, fa una bella differenza.

Anche se la gente capisce facilmente perche', per esempio, i femminismi debbano essere declinati a seconda delle identita' delle persone che vi fanno parte, potrebbe non risultare automatico capire perche' il veganismo debba essere declinato allo stesso modo. Del resto, il veganismo e' evidentemente diverso, poiche' il suo focus, e il fulcro del nostro attivismo, sono le vittime non-umane. Non riguarda noi: si tratta di loro. Mettendo da parte la genealogia problematica dei termini umano e animale, noi non dovremmo essere al centro del veganismo, perche' al centro ci sono gli animali.

E quindi? La tendenza a contrassegnare o evidenziare le nostre identita' razziali ed etniche negli spazi vegani ha il potere di inquinare il messaggio del veganismo o interferire con esso? Di nuovo, cosa c'entra la razza con il veganismo?


1. Vegan neri

Innanzitutto la razza non ha necessariamente a che fare con il veganismo in senso stretto, molto dipende da come si inquadra la situazione animale. Conosciamo un sacco di vegan neri per i quali non e' importante includere nel proprio attivismo per gli animali la questione razziale, e che non sentono il bisogno di includere significanti razziali ed etnici nel proprio veganismo. In effetti, eravamo ansiose di scrivere questo capitolo proprio perche' volevamo chiarire con precisione che cosa intendiamo con veganismo nero, che per noi non significa semplicemente essere allo stesso tempo nere e vegane (ne parleremo piu' avanti). Tra coloro che affermano che il veganismo e' "solo per gli animali" vi sono molte persone di colore.

Per questi vegan, il veganismo riguarda gli animali. Costoro abbracciano l'idea tradizionale che la situazione animale abbia a che fare con lo specismo, che e' diverso ma allo stesso tempo molto "simile" al razzismo o al sessismo. Ritengono che per resistere allo specismo occorre astenersi dai prodotti animali (per quanto e' possibile) e rifiutare la retorica e l'immaginario specista. Questa resistenza puo' essere politica, personale, o entrambe le cose.

Tuttavia, anche i vegan neri allineati al progetto vegano tradizionale spesso si trovano ad affrontare comportamenti e atteggiamenti discriminatori di vegan non neri. Comprensibilmente, possono non sentirsi sicuri ed esclusi, e cercare spazi sicuri tra coloro che hanno subito discriminazioni simili o con coloro che considerano alleati, il che puo' portare ad ambiti di attivismo connotati razzialmente.

Ma non e' questo che intendiamo per "veganismo nero".


2. Veganismo nero

Nell'autunno del 2009 una nostra amica, all'epoca performer amatoriale e autodidatta, mise in scena una meravigliosa versione di Cut Piece di Yoko Ono (1964). Per chiunque non abbia familiarita' con quest'opera, l'artista si siede sul palco con un paio di forbici poste davanti a se'. Uno a uno, membri del pubblico si avvicinano e, usando le forbici, tagliano uno o piu' pezzi del vestito dell'artista.

Fu sorprendente notare come l'identita' dell'artista influisse notevolmente sulla performance e sul suo significato. Ogni volta che vengono eseguite le istruzioni (o la "partitura") per Cut Piece, la performance cambia a seconda dell'artista. L'artista e' fondamentale per la rappresentazione del pezzo e, come tale, non puo' mai essere isolato dal prodotto finale.

La nostra amica era molto diversa da Yoko Ono: e' una nera americana dalla corporatura imponente, che vive di borse di studio per proseguire l'universita', mentre Yoko Ono e' una donna giapponese minuta, parte della scena artistica d'avanguardia di New York. Anche se entrambe intendevano inviare lo stesso tipo di messaggio con quella performance, i loro contesti di vita specifici non solo plasmavano la trasmissione di quei messaggi, ma influivano sui messaggi stessi.

In un certo senso, si potrebbe dire che esistono modi diversi per eseguire questo pezzo, e sarebbe un errore presumere che uno sia piu' legittimo dell'altro. Anche Yoko Ono ha capito che la sua performance originale non e' l'unica maniera di eseguirla. La sua performance e' la sua personale interpretazione del modo migliore per trasmettere un determinato messaggio, ma una persona di altra corporatura, sesso, razza o stile di vita, che vive in un luogo e un tempo diversi e con capacita' e intenzioni diverse, interpretera' e trasmettera' a proprio modo quel messaggio.

La nostra esperienza di Cut Piece e le nostre riflessioni su questa performance nel corso degli anni ci hanno spinto a considerare allo stesso modo i luoghi dell'attivismo e i movimenti, cioe' come luoghi contestualizzati dalle attiviste e dagli attivisti che li abitano. In altre parole, vogliamo richiamare l'attenzione sul fatto che e' fondamentale identificarci come bianchi o neri o latini, etero o queer, atei o musulmani e cosi' via. Perche' e' importante? Perche' questi aspetti influenzano la maniera in cui vediamo e pensiamo cio' che accade nel mondo. Influiscono sulla maniera in cui comprendiamo la realta', su come la descriviamo e su come scegliamo di agire.

Il veganismo nero incoraggia quindi le attiviste e gli attivisti a pensare e a esprimere la condizione animale come ritengono opportuno, attraverso la lente della propria situazione esistenziale. A volte, questo potrebbe persino significare non affrontare mai direttamente lo sfruttamento e l'oppressione degli animali. E' un modo di essere vegan, secondo il quale esistono molti modi ugualmente legittimi per comprendere, esprimere e resistere al modo in cui gli animali subiscono l'influenza negativa dei nostri sistemi di potere. Come suggerisce l'espressione "veganismo nero", crediamo che la nostra identita' di nere influenzi il nostro veganismo.


3. Vantaggi

Molto spesso, si ritiene che presentare un'analisi sfumata dei movimenti, evidenziando in particolare le differenze insite nel nostro personale attivismo, li frammenti; una convinzione comprensibile dato che, nella nostra cultura, le differenze sono sempre state inserite in un contesto gerarchico. Di conseguenza, le persone tendono a considerare questi progetti ambigui, o addirittura demonizzano chi sottolinea caratteristiche o attributi che le distinguono all'interno del movimento.

Dal nostro punto di vista, invece, svelare le sfumature presenti nei nostri movimenti indicando esplicitamente la prospettiva in opera (se quella prospettiva e' fondata sulla propria esperienza razziale, sessuale, religiosa o altro) aiuta i movimenti.

Vale la pena ricordare che problemi come lo sfruttamento e l'oppressione degli animali devono essere innanzitutto espressi a parole e poi spiegati prima di iniziare a costruire movimenti per la resistenza. Queste parole - la maniera in cui si articola il problema - e la spiegazione di questi fenomeni infelici non ci vengono calate dall'alto, "incontaminate" da prospettive umane limitate. Sono le persone ad articolare il problema, come gli riesce meglio.

Solo perche' alcune persone hanno deciso di descrivere e quindi capire un problema in un certo modo non significa che hanno esaurito i modi di dire, pensare o agire su quel problema. Forse non hanno pensato di rappresentare il problema diversamente perche' non si scontrano con certi aspetti della vita. O forse era importante per loro rappresentare il problema in un determinato modo perche' certi aspetti sono sempre presenti nelle loro vite.

Piu' persone riflettono da prospettive differenti su un problema a cui teniamo veramente, piu' risorse abbiamo a disposizione per fare qualcosa per risolverlo.

E questo e' un bene!

Ma quando le persone iniziano a sostenere che esiste un modo (giusto) di essere vegan - che si suppone riguardi gli animali e nessun altro -, che razza, genere o abilita' o qualunque altra cosa sono "distrazioni", che includere le nostre situazioni vissute e' "irrilevante" e cosi' via, stanno fondamentalmente privilegiando un particolare punto di vista! Dimenticano che chi sostiene simili istanze - come dovrebbe essere il veganismo - ha il proprio modo di pensare, parlare e agire sull'oppressione degli animali.

Dimenticano che le persone, tutte le persone, sono situate nel mondo in modi diversi, e il modo in cui sono situate informera' la loro prospettiva delle cose, indipendentemente dal fatto che lo riconoscano esplicitamente. Di solito, chi non sente il bisogno di includere significanti razziali ed etnici (o altri significanti come genere, orientamento o abilita') non si sente in dovere di farlo perche' ricadono nella norma.

Chi come noi non e' considerato essere nella norma tende tuttavia a vedere e pensare le cose in modo diverso. E questo avviene proprio perche' siamo emarginati, ignorati, oppressi! Ovviamente, occupiamo posizioni di potere molto diverse, quindi il mondo ci si presenta in modo differente. Percio', per chi come noi adotta la prospettiva del veganismo nero e' fondamentale contrassegnare il proprio veganismo attraverso il significante dell'essere neri. La nerezza informa la prospettiva con cui affrontiamo il problema quando iniziamo a pensare e fare qualcosa per la condizione animale.

Cio' non vuol dire che tutte le persone - nere o meno - che non lo fanno, che sono soddisfatte di utilizzare prospettive e approcci piu' generici e tradizionali nell'ambito dell'attivismo animalista, stiano facendo qualcosa di sbagliato. Vorremmo evitare di andare negli spazi e dire a quegli attivisti e a quelle attiviste come dovrebbero pensare e sentire le cose. Anche questa volta ci sentiamo affini alle nuove prospettive proposte dagli attuali studi decoloniali nel mondo, e pensiamo che le attiviste e gli attivisti dovrebbero accogliere una pluralita' di prospettive e approcci anche se non sono del tutto identici ai propri, o anche se non li capiscono del tutto.

Invece di privilegiare un solo modo di parlare e agire nei confronti di un problema - una tendenza che, tra l'altro, cancella e al contempo mette a tacere le altre voci - perche' non riconoscere come le nostre esperienze vissute ci aiutino a riformulare e comprendere diversamente il problema? Perche' non sviluppare connessioni tra le oppressioni che affrontiamo e le oppressioni che altri gruppi affrontano, siano essi umani o no, per considerare il quadro generale? Perche' sorvegliarci a vicenda quando potremmo imparare gli uni dagli altri?


4. Conclusione

In questo capitolo abbiamo cercato di chiarire cosa sia per noi il veganismo nero. Ci sarebbe molto altro da dire sul tema, ovviamente, ma per ora possono bastare queste osservazioni introduttive. Non intendiamo criticare i principali movimenti vegani e animalisti, ne' vogliamo dare l'impressione che le altre persone dovrebbero vedere le cose come noi, ma ci opponiamo all'interpretazione riduttiva che vede il veganismo nero come un insieme di "persone di colore che sono anche vegane". Speriamo cosi' di aver fornito le ragioni per cui la razza e' rilevante ed e', di fatto, parte integrante del veganismo e dell'animalismo/antispecismo.

Non vogliamo cedere alla tentazione di presentare la nostra prospettiva come universale o oggettiva e, per questo, evidenziamo la prospettiva con cui stiamo lavorando. Non stiamo facendo nulla di nuovo, ci stiamo semplicemente unendo a una lunga tradizione di persone che celebrano il pluralismo.

Speriamo tuttavia di aver mostrato anche qualcos'altro. In fin dei conti, il veganismo non puo' riguardare soltanto gli animali, non importa fino a che punto desideriamo che sia cosi'. Siamo coloro che parlano e agiscono in merito al problema. Quindi, riguardera' sempre un po' anche noi.
Aph Ko
E' teorica e produttrice indipendente di digital media e fondatrice di Black Vegans Rock. Ha un Bachelor in Studi sulle donne e sul genere e un Master in Studi sulla comunicazione/ media. E' co-curatrice di The Praxis of Justice e ha lavorato come produttrice associata per il film documentario Always in Season.
Syl Ko
Ha studiato filosofia alla San Francisco State University e alla University of North Carolina, Chapel Hill. Attualmente lavora a un libro che esplora le forme di vita di Wittgenstein in cui considera la razzializzazione dell'animale.
feminoska
E' transfemminista e antispecista, si dedica prevalentemente alla traduzione di testi militanti.
Dal 2016 fa parte del collettivo di traduzioni militanti Les Bitches (lesbitches.wordpress.com) con cui ha tradotto il libro Animali in Rivolta. Confini, resistenza e solidarieta' umana di Sarat Colling (Mimesis, 2017).

.NOTA.
Questa di Cut Piece e' stata la prima versione per singolo artista. Un sacco di polemiche circondano per ovvie ragioni la performance, ma alcuni retroscena sulla controversia relativa al significato dell'opera si trovano in Kevin Concannon, "Yoko Ono's Cut Piece: From Text to Performance and Back Again", Imagine Peace.

.VEGAN LINKS.
Visita la nostra sezione "Vegan Links", per una raccolta di siti, articoli ed informazioni su vegetarianesimo, dieta vegan e liberazione animale.

.LINKS.
Fonte: Veganismo Nero (di Not)
Home Page Not: https://not.neroeditions.com/
Facebook Not: https://www.facebook.com/notNERO/
Twitter Not: https://twitter.com/NeroOnTheory/
E-mail Not: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.