Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Cilicium - [2008] Morte Chimica
Cilicium - [2008] Morte Chimica Stampa
Recensioni
Scritto da Sghigno   
Venerdì 17 Aprile 2009 13:00
Cilicium - [2008] Morte Chimica
Cilicium - [2008] Morte Chimica
01 - Orfani
02 - Sulla Croce
03 - Polvere
04 - Morte Chimica

Questa volta vi parlo dei Cilicium, gruppo bresciano, formato da Jacopo, Campla, Brano e Giorgio, il cui stile mi ricorda molto quello degli Extreme Noise Terror e degli Hellshock, due nomi che sicuramente hanno un peso grandissimo e che richiamano il filone grindcore e quello crust/d-beat.
Il demo, uscito a Dicembre 2008 e prodotto dalla Trust In Rec, si chiama Morte Chimica, titolo che mi ha fatto subito pensare ad atmosfere decisamente cupe e apocalittiche, tematiche che sono infatti espresse all'interno dei quattro pezzi registrati presso il Rec Studio di Bagnolo Mella.
La prima traccia si chiama "Orfani", con la durata di un minuto e mezzo si attesta come pezzo piu' breve del demo, l'esecuzione delle due strofe e' molto precisa ed il cantato in growl scorre veloce sui ritmi martellanti scanditi dalla batteria. Infischiarsene di chi ci arreca danno e sofferenza, a partire dalla famiglia per arrivare alla religione, e sforzarsi per provare ancora quei sentimenti che sono alla base della vita: amore e odio.
"Sulla croce", seconda traccia, inizia con una intro che mi ricorda molto sonorita' black metal, con ritmo cadenzato e ossessivo, preambolo di un minuto circa al ritorno della batteria martellante e del cantato furioso.
Interessante il testo che, sempre con battute stringate al massimo, ci offre una rivisitazione, decisamente in chiave sicuramente non ortodossa, della vita e della passione di Cristo. Un growl dal sapore infernale accompagna i secondi finali del pezzo sui ritmi, nuovamente scanditi, della batteria.
Passiamo a "Polvere", penultimo pezzo del demo, che ci introduce in uno scenario di guerra da dove non ci si puo' salvare, sara' la morte a decretare la fine di tutto.
Secondo me, a differenza degli altri pezzi, l’intermezzo a meta' canzone si distingue per un azzeccato arrangiamento tipicamente thrash metal, spezzando, anche se non per molto, il ritmo abbastanza omogeneo che contraddistingue il demo.
Ed eccoci arrivati all'ultima canzone, "Morte chimica", che ricalca un tema molto trattato nei generi musicali di riferimento che ho citato all'inizio, ovvero una fine apocalittica del mondo e una genuina dosa di misantropia.
La sonorita' di questo pezzo non si discosta da quelle precedenti, contribuendo alla solidita' musicale espressa dal gruppo, senza strafare o tentare sperimentalismi poco efficaci.
In conclusione, ammetto che questo genere, soprattutto per le tematiche che dire no-future e' forse riduttivo, non e' tra i miei preferiti ma comunque, vivendolo solo come ascoltatore, mi affascina non poco.
Ho apprezzato il lavoro dei Cilicium, sinceramente, spero di poter riascoltarli a breve, magari un album con un numero maggiore di pezzi e con arrangiamenti piu' articolati.
Sghigno

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
Myspace: http://www.myspace.com/cilicium
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Etichetta: http://www.myspace.com/trustinrec

.CONDIVIDI.