Immagini

Prossimi Concerti

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Rise From The Agony - [2008] Demo
Rise From The Agony - [2008] Demo Stampa
Recensioni
Scritto da Pierkna   
Martedì 26 Maggio 2009 13:00
Rise From The Agony - [2008] Demo
Rise From The Agony - [2008] Demo
01 - The First Nigtmare | Intro
02 - Banal But Not Too Much
03 - The Real Hell
04 - Imaginary Wars
05 - I'll Go Haead (Blind Eyes)

Eccomi qui, ancora un po' debilitato, riapprezzando maggiormente la vita e ringraziando chi pazientemente c'era, a recensire un altro gruppo della Roma Caput mundi. I Rise From The Agony e la loro demo omonima, disponibile ora a voi tutti grazie agli imbrogli, sotterfugi e menzogne dei soliti di punk4free che si fanno in 4, per procacciarvi solo la cacciagione migliore.
Passiamo quindi a qualche notizia generale sul gruppo in questione, un progetto nato tra l'Abruzzo e la citta' piu' amata dagli amici padani, i cui componenti (Fabio-voce, Fabrizio-basso, Frank-chitarra, Banfio-batteria), in parte, militano anche nei Golden Violence e propongono in questo loro primo lavoro una miscela altamente infiammabile di hardcore con influenze scandinave e d'oltreoceano, riproposte in chiave personale, supportate da maturita' e buona tecnica.
Il muro sonoro percepibile immediatamente, grazie anche alla buona qualita' della registrazione, e' notevole, un'esplosione di rabbia a lungo covata, dove la parte strumentale compatta, veloce, dotata di una precisa e consistente sezione ritmica che macina a dovere, si completa alla perfezione con l'aggressivo, viscerale cantato in inglese, il quale nonostante le liriche nello straniero idioma, fa percepire con chiarezza che i ragazzi hanno dormito con un gatto rognoso attaccato ai coglioni.
Le tematiche affrontate si abbattono come la grandine estiva sul raccolto, sgretolando alle fondamenta muri dogmatici sociali, scagliandosi con forza contro tradizioni acquisite per inerzia, nello specifico: il potere che il denaro e il buon Dio hanno nella societa' odierna, ma anche la mancanza di una proposta di contenuti di certe bend della scena.
Per tutta la durata del demo l'intensita' e' palpabile, forte la generosita' d'emozioni trasmesse che eliminano la staticita' sonora colpendo diritto e persistentemente l'attenzione dell'ascoltatore.
Una pioggia torrenziale, con sottofondo di temporali, ci accoglie, introducendo l'inizio del lavoro proposto, rivelando da li a poco una traccia puramente strumentale, che funge da intro, dal percorso simmetrico: iniziato e interrotto con un arpeggio acustico.
Avanti con "Banal but not too much": una rullata della batteria ci tiene in sospeso, facendo crescere la carica per poi, in un istante, riversare una potenza e rabbia rare su cui spiccano due diversi timbri vocali, terminando in un lampo.
"The real hell" nonostante una minore velocita', mantiene alto il livello, cosi come la successiva "Imaginary wars" (insieme alla seconda uno dei miei pezzi preferiti), dove e' il cantato ad impreziosire il pezzo, alternando anche cori rabbiosi e fondendosi alla perfezione con le linee generali dettate dalla chitarra.
Termina la demo "I'll go ahead (blind eyes)" pezzo in cui momenti di lucida furia si alternano ad unisone grida d'unita' nella lotta, nascondendo alla sua fine una ghost track di uguale valore musicale che termina il lavoro con un ultima forte emozione.
Sicuramente una buona prova per i Rise From The Agony, i quali dimostrano, sebbene la brevita' d'esecuzione, idee ben chiare, iniziando sotto buoni auspici questo loro percorso, il quale verra' presto rinvigorito dall'uscita di un cd completo che, sono sicuro, fara' piacere a molti.
Pierkna

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
MySpace: http://www.myspace.com/risefromtheagony
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.