Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Why Not Loser - [2009] Born To Be A Loser
Why Not Loser - [2009] Born To Be A Loser Stampa
Recensioni
Scritto da rufiolo   
Lunedì 08 Giugno 2009 06:27
Why Not Loser - [2009] Born To Be A Loser
Why Not Loser - [2009] Born To Be A Loser
01 - Interdate
02 - You Drive Me Crazy
03 - Non Cambiera'
04 - So Sorry
05 - The Best One
06 - Bad Way
07 - Non Fermarti Mai
08 - Give Me
09 - Cambiera'
10 - That's Not Bad For Me
11 - Non Cambiera' (Con Cattive Abitudini)

Ecco i Why Not Loser con il loro album d'esordio "Born To Be A Loser": loro sono in 4 e vengono da Treviso e dintorni, suonano un pop punk molto energico ed orecchiabile che a tratti sembra quasi voler sconfinare verso l'hardcore melodico.
Probabilmente proprio a causa di questo carattere cosi' commerciale non troveranno molti consensi qui su punk4free, comunque devo ammettere che nell'insieme quest'album regge abbastanza bene il confronto con i colleghi d'oltre oceano, dai quali trae le maggiori influenze, tanto che il paragone piu' azzeccato e' sicuramente quello con i New Found Glory, sia dal punto di vista strumentale che dal punto di vista della voce che in certi punti ricorda vagamente quella di Jordan Pundik.
Non lasciatevi ingannare dalla recentissima data di formazione della band (si parla di gennaio 2008) perche' tutti i membri provengono da altrettanti progetti (Sottomarca, Lost Soldiers, Grimness 69, Nest Hcm) e sono stati abili nel capitalizzare al massimo tutte le esperienze passate, riuscendo cosi' a sviluppare in breve tempo un buon affiatamento.
Il progetto WNL e' bello fresco quindi, ma ha gia' una discreta schiera di ragazzine al suo seguito, messe in bella mostra nel loro space grazie alla trovata del "NoLoser Girl", tanto che mi e' venuto persino il dubbio che sia proprio quello di abbordare minorenni compiacenti lo scopo principale della band!
La scelta principale e' quella di rivolgersi ad un pubblico internazionale cantando prevalentemente in inglese, le tematiche trattate sono ispirate da comuni esperienze di vita quotidiana quali l'amicizia, l'amore e i problemi sociali, con un'occhio di riguardo nel lasciare un buon margine d'interpretazione dei pezzi a chi li ascolta.
Solo 3 le tracce in italiano: "Non fermarti mai","Non cambiera'" e "Cambiera'", curioso l'abbinamento di due titoli in contrapposizione tra di loro nella stessa scaletta di canzoni.
Il cd contiene anche una traccia bonus, frutto della collaborazione con le Cattive Abitudini che hanno prestato la loro voce per realizzare una versione alternativa della succitata "Non cambiera'".
Perche' non il perdente? Why Not Loser appunto, "in omaggio a coloro che suonano punk e vengono considerati degli sfigati e dei perdenti" come loro stessi hanno dichiarato, accostamento punk=perdente presente anche nella copertina, dove troviamo un'embrione che sta' per nascere gia' con cresta e microfono in mano, accompagnato dal titolo dell'album "Born To Be A Loser", ci sara' sicuramente chi la pensera' come loro, ma io non sono d'accordo con questo paragone perche' per quanto mi riguarda gli sfigati sono quelli che vanno in giro con il ciuffo piastrato, indipendentemente dalla musica che ascoltano o suonano!
Purtroppo la mia opinione finale e' turbata dalla spiacevole sensazione che i WNL, facendosi forza di un'ottima produzione e di una solida distribuzione, abbiano orientato il loro lavoro verso una fascia d'ascoltatori decisamente troppo pop e commerciale, sensazione rafforzata anche dalla presenza della band su MTV.it o dalla partecipazione della stessa al concorso musicale Vodafone Zero Limits su Radio 105...
Ma comunque visto che il mondo e' bello perche' vario (e anche un po' avariato), se vi sentite dei LoserBoys o delle LoserGirls questo e' l'album che fa' per voi, altrimenti lasciate perdere!
rufiolo

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
MySpace: http://www.myspace.com/wnloser
Blog: http://nolosergirls.com/
Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Etichetta: http://www.myspace.com/oxygenateproduction

.CONDIVIDI.