Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Crop Circles - [2009] Demo
Crop Circles - [2009] Demo Stampa
Recensioni
Scritto da Pierkna   
Giovedì 20 Agosto 2009 12:53
Crop Circles - [2009] Demo
Crop Circles - [2009] Demo
01 - Ambiguity
02 - Walls
03 - Screaming In The Face Of My Boss
04 - Fight Now!

Saranno le frequenti piogge, le temperature ideali o forse l'annata particolarmente abbondante dopo anni di magra, fatto sta che i gruppi HC in quel di Trento ultimamente spuntano come funghi e guarda il caso escono tutti quanti dalla fica di "mamma noia quotidiana", incazzati come ricci e con due palle quadrate di serie. Avete capito bene gente, non vi anticipo niente, ma rimanete sintonizzati su punk4free station e ne vedrete delle belle, da leccarsi i baffi.
Un primo, succulento assaggio per stuzzicarvi il palato ve lo serviamo con i Crop Circles, band nata a fine 2007 con ex componenti di Mitraglia e Out Of Touch, la quale propone in questa prima demo una vera e propria scarica di adrenalina, un concentrato micidiale di velocita', rabbia, essenzialmente letale, da farvi accapponare la pelle.
I baldi giovani (Flavio - batteria, Yuri - basso, Luca - voce e Lorenzo - chitarra) forti dell'esperienze musicali passate ci propongono solo 4 pezzi, ma a mio parere, nella loro brevita', fortemente esplicativi, tracciando nitidamente le loro possibilita' espressive musicali e convincendo pienamente fin dal primo ascolto che fa ben sperare per il futuro. Poco piu' di quattro minuti per bombardarvi senza nessuna pieta', una mitragliata dritta al bersaglio che gambizzera' ogni vostra possibile indecisione e tentennamento, coinvolgendo muscoli e mente all'unisono, lasciandovi difficilmente fermi e indifferenti davanti a cotanta energia, sprigionata con una serie d'esplosioni rapide e improvvise, ma altamente distruttive.
Notevole e' la capacita' tecnica dei componenti che pero' non viene ostentata per il puro gusto di impressionare, ma e' utilizzata per rendere compatto ed aggressivo il suono; base portante della struttura compositiva sono i riffs della chitarra che alterna velocissimi cambi d'accordi a schizzofrenici assoli pennellati su misura, segue il basso il quale riproduce le linee generali, fortificando l'impatto sonoro e least but not last la potente sezione ritmica, precisa al millimetro e che non le manda sicuramente a dire. La ferocissima voce del cantante, alternata a furiosi cori, ti urla dritto in faccia, senza tanti giri di parole che lascino spazio a personali interpretazioni, i concetti voluti esprimendoli pero', beata maria vergine, nell'idioma d'oltre manica che rimembra, a parer mio, forse ulteriormente, una forte affinita' a sonorita' tipiche stelle e strisce e depaupera un poco il risultato finale, scalfendone l'incisivita'; de gustibus comunque.
Un altro elemento che caratterizza sicuramente il mio buon giudizio finale e' la piu' che discreta qualita' di registrazione la quale lascia spazio ad ogni singolo strumento, ma al tempo stesso li amalgama perfettamente, rapendo subito l'attenzione e regalando con facilita' non poche emozioni.
Bene, giunti al finale anche di questa tenzone, vi consiglio inanzitutto di vederveli live, l'impatto e' da non perdere, ricordo ancora quando li vidi per la prima volta poco tempo fa e nella fitta foschia mia personale di quella giornata di sole e calura, ne rimasi veramente colpito, ripangando a pieno le mie aspettative nate dall'ascolto del cd.
A poco dovrebbe uscire anche un loro 7", assaporate con calma questo per adesso e supportate, figli di buona donna.
Pierkna

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
MySpace: http://www.myspace.com/ccircles

.CONDIVIDI.