Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni To Kill - [2006] Vultures
To Kill - [2006] Vultures Stampa
Recensioni
Scritto da REN   
Martedì 20 Ottobre 2009 08:00
To Kill - [2006] Vultures
To Kill - [2006] Vultures
01 - The Vulture
02 - Truth
03 - Of Time And Misery
04 - Breathing
05 - Dust
06 - Jack Burton Is Not Going To Have Any Revenge
07 - Lights Out
08 - Time To Say Goodbye
09 - Fractures And Fractions
10 - Fading
11 - The Burial Of The Dead
12 - The Big Sleep

Uhm...prendere un cd e metterlo nello stereo, ascoltarlo un po' di volte e fare in modo che ti intrattenga. Facile a dirsi.
Per nostra fortuna, pero', esistono delle eccezioni: si da il caso che l'eccezione in questione sia una band romana che ha una discreta fama sia in Italia che all'estero, chiamata To Kill, composta da cinque membri (Joshxmosh alla voce, U-Go! e Camilla alla chitarra, Jai alla batteria e XXX al basso) e caratterizzata da influenze metal, anche se e' da ritenersi di stampo hardcore.
Vultures esce nel 2006, dopo il demo To Kill del 2004 ed il piu' fortunato Watching You Fall del 2005 il primo vero cd del gruppo, composto da 12 pezzi cantati in inglese ed un bel po' trascinanti, non ha nulla da invidiare al primo, sembra anzi che la tecnica sia leggermente piu' affinata rispetto ai lavori precedenti.
La differenza sta soprattutto nel basso, ora caratterizzato da un suono piu' appesantito, piu' forte. 28 minuti di musica martellante (in senso buono eh intendiamoci) ma dotata di un bel suono pulito, certamente meno impulsivo del precedente.
Ovviamente il disco si presenta sempre come un insieme di brani molto potenti, violenti e pieni di stacchi, oltre che conditi da una devastante batteria, eppure qui si scorgono delle belle novita' che non possono fare altro che arricchire il lavoro di questi 5 ragazzi, rendendo il suono meno metal ma mantenendosi sempre sull'hardcore. In parole povere, credo che sia tutto tranne che un passo indietro.
Inoltre, con l'uscita di Vultures i To Kill non sono piu' da vedere soltanto come un gruppo valido sotto il profilo artistico ma che "bisognerebbe ascoltare dal vivo per giudicare": con questa registrazione (tra l'altro ottima), i ragazzi dimostrano di saperci fare anche in studio, calcolando bene i dettagli e rendendo il loro suono piu' preciso, ma non per questo scontato o meno spontaneo.
Dopo Vultures sono usciti altri due dischi, che personalmente non ho ancora ascoltato (ma spero di farlo quanto prima): When Bloods Turns Into Stone del 2008 e Maelstrom del 2009. Come potete vedere, si tratta di una band sempre pronta a sfornare nuovi dischi, e gia' da qui si puo' constatare la loro inventiva che si spera non scemi mai.
Altro punto di forza sono i testi, per la maggior parte incentrati su temi come l'abbandono, la perdita, le varie sconfitte quotidiane che ci apprestiamo a subire continuamente: Vultures lancia quindi una speranza, ossia quella che anche le parole diano emozioni che possano venir fuori dai cuori di chi suona e canta fino ad unirsi con quelli di chi li ascolta, miscelandosi alla rabbia ed alla potenza del loro suono.
Da non perdere!
REN

.ASCOLTA MP3.

.CONTATTI.
Home Page: http://www.moshtokill.com/
MySpace: http://www.myspace.com/tokill
Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/To_Kill
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Etichetta GSR Music:
Home Page: http://www.gsrmusic.com/
MySpace: http://www.myspace.com/gsrmusic
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.