Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Think Or Die - [2010] Think Or Die
Think Or Die - [2010] Think Or Die Stampa
Recensioni
Scritto da REN   
Lunedì 19 Aprile 2010 06:00
Think Or Die - [2010] Think Or Die
Think Or Die - [2010] Think Or Die
01 - La Mia Guerra
02 - Il Freddo
03 - Amen
04 - Diritto Violato
05 - Ma Quali Valori?
06 - Morto Dentro
07 - Logiche Di Mercato
08 - Kill Cathode Ray Tube
09 - Incudine

Eh si'. Questo si puo' considerare un periodo pienissimo per me, dal momento che mi permetto il lusso di intervallare le mie recensioni di settimane, a volte addirittura mesi.
E aggiungo che per fortuna ultimamente ho recensito roba che meritava, altrimenti il mio tra virgolette "entusiasmo" avrebbe raggiunto livelli tali da trasformare questi mesi in anni.
A conferma di tutto cio' che ho appena scritto e proprio perche' mi ritengo una persona coerente, vi servo quindi su un piatto d'argento la recensione del primo ed omonimo disco di una band punk hardcore bolognese chiamata Think Or Die: il nome promette gia' bene, ed e' scontato dirvi che penso esattamente lo stesso della musica.
Iniziamo con un po' di biografia del gruppo: la band e' formata da Mattia alla chitarra, Tia al basso, Fede alla batteria e da Matteo alla voce (il quale non vedeva l'ora che uscisse la recensione, poveretto, l'ho fatto aspettare un'eternita'); si sono formati se non erro nel 2008 (qualcuno mi perdoni in anticipo se ho scritto una puttanata) e due anni dopo hanno deciso di sfornare questo cd composto da nove belle tracce hardcore cantate in italiano, il cui sound e' influenzato a mio avviso dagli Affluente, anche se risulta meno punk.
In un certo senso questo paragone mi e' venuto di farlo anche a proposito dei testi, che mi sono piaciuti tantissimo e che trattano tematiche quali repressione da parte dello stato ("Diritto violato"), limitazione alla liberta', notiziari manipolati ("Kill cathode ray tube"), l'apatia della gente che si rifiuta di lottare per difendere i propri diritti ("Morto dentro"), la ricerca disperata di giustizia per se stessi ("La mia guerra"), ed ovviamente non manca un bel testo anticlericale, dal titolo "Amen".
La voce di Matteo e' chiara e decisa, cosi' come il suono...insomma e' punk hardcore di quello che piace a me, per intenderci: bello veloce, deciso, ma non eccessivo. E' quella musica che riesce a trasmettere appieno il messaggio che vuole dare, e vi diro' che questo basterebbe automaticamente ad avere la mia ammirazione, ma qui c'e' da sottolineare che trovo molto trascinante anche la parte tecnica, che certo non si limita unicamente a rappresentare brani ben suonati e basta, bensi' carichi di passione ed attitudine, che ritengo siano le cose che non dovrebbero mai mancare.
Il cd si lascia ascoltare che e' una meraviglia ma del resto non avevo dubbi, avevo gia' ascoltato alcuni pezzi sul myspace del gruppo che avevano colpito il mio orecchio e che di conseguenza mi hanno spinto a chiedere che mi concedessero di recensire quest'album.
Beh ragazzi...se questo e' il loro primo disco, posso soltanto dire che come inizio non e' proprio niente male...ed ovviamente non vedo l'ora di ascoltare il prossimo, quando sara' possibile!
Bene, ora che ho finito di farvi scendere le palle in terra, scaricate e ascoltate cosi' vi tirate su!
REN

.SCARICA IL CD.

.VIDEOCLIP.
Tink Or Die - La Mia Guerra (Live At Lazzaretto, Bologna 15.10.2009)
Tink Or Die - Il Freddo (Live At Lazzaretto, Bologna 15.10.2009)
Tink Or Die - Amen (Live At Lazzaretto, Bologna 15.10.2009)
Tink Or Die - Diritto Violato (Live At Lazzaretto, Bologna 15.10.2009)

.CONTATTI.
MySpace: http://www.myspace.com/thinkordiehc
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.