Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Drunk Side - [2010] Rinchiuso In Un Corpo
Drunk Side - [2010] Rinchiuso In Un Corpo Stampa
Recensioni
Scritto da neropresente   
Lunedì 06 Dicembre 2010 06:00
Drunk Side - [2010] Rinchiuso In Un Corpo
Drunk Side - [2010] Rinchiuso In Un Corpo
01 - Buona Fede
02 - Un Altro Giorno
03 - Non Esisti
04 - Schiavo Della Menzogna
05 - Attimo
06 - Rinchiuso In Un Corpo

Quando nella spiaggia vicino a casa noi autoctoni, gia' a maniche lunghe, non vediamo piu' tedeschi che fanno il bagno, capiamo che sta arrivando finalmente l'inverno. Temperatura in picchiata, neve, cammini accesi, coppiette in effusione...e soprattutto per voi vecchi/e e giovani alcolisti/e c'e' la scusa per bere, "bevo che mi scaldo!".
Una stagione meravigliosa per le sbronze, che mi auguro per tutti noi siamo sempre abbondanti e piacevoli. Hanno scritto in un bel libro: "Suppongo che se fossimo davvero felici, non avremmo alcun bisogno di bere, ma una vita senza alcol mi sembra una prospettiva assai triste.
La band di quest'oggi viene dal milanese, si chiamano Drunk Side e suonano dal 2002. Attualmente sono Ivan alla voce, Giane alla chitarra, Boris al basso e Carlo alla batteria. Hanno all'attivo una demo (2003), un primo disco (2007) e numerosi live.
Questo Rinchiuso In Un Corpo e' il loro secondo disco, uscito a Maggio di quest'anno. Sei tracce hardcore/thrash metal cantante in italiano, ben suonate e registrate, quasi venti minuti di suono compatto, testi rabbiosi contro l'istituzione ecclesiastica ("Buona Fede", che apre il l'album), contro l'umana esistenza cieca e sorda, contro gli zombie che ci circondano, burattini senza vita ("Un Altro Giorno", "Non Esisti" e "Schiavo Della Menzogna").
Seguono poi i 21 secondi di "Attimo", poche parole essenziali, per finire con la traccia che da' il titolo all'album, "Rinchiuso In Un Corpo", che esorta alla liberazione e alla rabbia contro le gabbie invisibili che ci rinchiudono che, proprio perche' appena percettibili, sono le piu' pericolose.
Nel complesso questo secondo album dei Drunk Side risulta ottimo, nonostante non sia genere frequentemente sottoposto alle mie orecchie, si ascolta che e' un piacere, soprattutto grazie alla chiarezza del cantato.
Saludi e trigu!
neropresente

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
MySpace: http://www.myspace.com/drunksidehc
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.