Attrito & Congegno - [2010] Split Stampa
Recensioni
Scritto da Pierkna   
Mercoledì 16 Marzo 2011 06:00
Attrito & Congegno - [2010] Split
Attrito & Congegno - [2010] Split
01 - Attrito - Energia Vitale
02 - Attrito - Immagini
03 - Attrito - Sbattendo La Testa
04 - Congegno - Fiato Sprecato
05 - Congegno - Troppo Distante

A breve distanza dai due rispettivi full lenght, tornano a far parlare di se' i trentini Attrito e Congegno.
Un 7" compartito fresco di stampa, per ribadire la voglia di continuare con determinazione un percorso iniziato quasi parallelamente, vinilica dimostrazione oltre che di un sentire comune, soprattutto di una forte amicizia.
Fin dal loro esordio, entrambi han attirato l'attenzione positivamente, portando una folata di vento nuovo sia in casa propria che nella penisola, riuscendo, a parer mio, a far innamorare l'ascoltatore come raramente ancora accade.
In poche parole? L'uomo del monte da il suo pieno consenso, punk4free coproduce, la Tn Hc vi rompe il culo a tutti.
Cinque pezzi totali, 3 i primi e 2 i secondi, punk hc fatto alla vecchia maniera: rabbia, tupatupa in velocita', riffs taglienti e parole come pietre aguzze.
Parton gli Attrito alzando il tiro: colpo secco e preciso, mirano in mezzo agli occhi senza alcun indugio.
Pezzi freschi, d'impatto, ma al tempo stesso ragionati e ben calibrati, un buon mix di musica e attitudine. Ogni elemento contribuisce egualmente: momenti piu' compatti, lasciano spazio a sprazzi di individualita' strumentale, ma tutto rimane comunque parte di una macchina ben oliata e funzionante. Si percepisce la ricerca di un'espressivita' nuova, che pur sempre affilata e senza fronzoli, va esplorando nuove soluzioni compositive maggiormente genuine e personali, piccoli accorgimenti curati e maturi, per la riuscita di pezzi che una volta scattata la scintilla difficilmente scivolano via.
Liriche connotate dalla consueta ermeticita', fortemente metaforiche nella loro costruzione, son a volte veicolo d'interpretazioni personali, ma che qui in particolar modo non lasciano scampo ad equivoci se attentamente soppesate, e si fanno piu' pesanti per la loro determinazione in un concetto definito.
Si parte con "Energia Vitale", pezzo che fors'anche risulti il meno incisivo, personalmente col tempo ho rivalutato e imparato ad apprezzare: pura primitivita' che scaturisce dalla vibrazione sonora, autodistruzione innescata dall'adrenalina che precede il vuoto assoluto, o piu' semplicemente punk hc.
Seguon "Immagini" forse l'episodio piu' riuscito, sull'utilizzo dei media a scopo propagandistico e l'imperversare di una cecita' generale, e "Sbattendo La Testa", incapacita' di distaccarsi da dogmi imposti ricercando vedute piu' umane e individuali.
Tocca ora ai Congegno, gravati dell'arduo compito di dover corrispondere alle aspettative maturate dal precedente ep Esiste Cura.
Non deludono, anzi mantengono alta la qualita' in entrambi gli episodi, proponendosi a pieno titolo come una delle migliori nuove leve dell'hc peninsulare, a parer mio.
Rimango convinto di tutte le considerazioni che avevo fatto precedentemente nel recensire l'esordio: composizioni mirabili, un mix di furia sonora e introspezione lirica, rabbia e melodia, la lotta degli opposti all'interno dello stesso carattere espressivo.
Subito diretti al mento con "Fiato Sprecato", allusione alla vacuita' di tanti rapporti deformati dal falso attuare, una continua dimostrazione solo a parole di cosa si crede di essere: "L'impero fondato sul niente sul quale regni sovrano, sta crollando...ti consiglio una dose massiccia di vita".
Termina lo split "Troppo Distante" piccolo gioiello, degna conclusione al tutto.
Inizio con un riff a dir poco tamarro, breve stratagemma per facilitare in sede di live l'individuazione dei moshettari di turno e provvedere alla loro eliminazione fisica dal pogo, per sfociare poi, con l'entrata della voce, in un fluire di emozioni continue.
Il rifiuto di rimanere a cibarsi di vecchi ricordi, versando lacrime su macerie mai costruite, in un infinito ripensamento nell'affrontare il vuoto delle nostre esistenze: "non siamo in grado di fare una scelta e crepiamo da soli ad osservare l'immenso vuoto che ancora rimane".
Sonorita' come sempre impeccabili e trascinanti delle quali si e' fatto carico in sede di registrazione il buon Bilo con il suo Microcosmo Studio e in fase di edit, mix e mastering l'ormai solito Mauro Andreolli, ulteriore dimostrazione di come il diy oltre attitudine e necessita' primaria, puo' anche manifestarsi nella qualita' profusa in una creazione, specialmente se supportata dalla volonta' degli autori primari e dalla partecipazione solidale di (se non erro) 23 etichette indipendenti legate al circuito del fallodate italico.
Tale accuratezza si riscontra anche nelle grafiche di Gabri di LaTerraUrla che (per na volta eheh) fa davvero un buon lavoro, con immagini semplici, ma efficaci e d'impatto.
Qui liberamente scaricabile, in una ventina di distro e presso i gruppi a soli 4 euri, per musica, pensieri e attitudine liberi da ogni logica di guadagno, siatene complici.
Pierkna

.SCARICA IL CD.

.PER L'ACQUISTO.
Potete aquistare l'album contattando direttamente i Congegno o gli Attrito oppure Joel o Yunior.
Prezzo: 4 euro.

.CONTATTI.
Attrito
Home Page: http://attritohc.altervista.org/
MySpace: http://www.myspace.com/attritohc
Last.fm: http://www.lastfm.it/music/Attrito
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Congegno
MySpace: http://www.myspace.com/congegno
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.