Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Donots - [2010] The Long Way Home
Donots - [2010] The Long Way Home Stampa
Recensioni
Scritto da REN   
Lunedì 11 Luglio 2011 05:00
Donots - [2010] The Long Way Home
Donots - [2010] The Long Way Home
01 - Changes
02 - Calling
03 - Forever Ends Today
04 - High And Dry
05 - Let It Go
06 - Dead Man Walking
07 - Make Believe
08 - Who You Are
09 - The Years Gone By
10 - Hello Knife
11 - Parade Of One
12 - Break My Stride
13 - Headphones
14 - Stop The Clocks
15 - The Right Kind Of Wrong
16 - Anything
17 - New Hope For The Dead

Continuo a prestare orecchio a nuovi sound e stavolta tocca ai Donots, punk band tedesca attiva da ben 15 anni.
Il loro (penso sia il nono) disco si chiama The Long Way Home ed e' composto da una tracklist contenente ben 17 pezzi, tutti cantati in inglese e caratterizzati da una miscela di suoni diversi.
A quanto ho potuto leggere a proposito della band, essa si ritiene appartenente al genere punk ma secondo me, almeno in questo album, c'e' qualcosa di molto diverso: tutto il disco dall'inizio alla fine presenta una base melodica punk, ma condita decisamente da suoni post rock e addirittura da sfumature indie.
Non a caso, ho letto in giro per la rete che The Long Way Home rappresenti una svolta nel percorso musicale del gruppo, un cambio di stile e secondo me un tentativo di sperimentazione, forse dato dalla voglia di dedicarsi a qualcos'altro, di staccarsi dai canoni che la band ha seguito per quindici anni dal suo esordio.
Stesso discorso della mia precedente recensione: disco carino, magari da ascoltare tranquillamente piu' di una volta, ma scordatevi il devasto al quale sia io che voi siamo abituati. L'unico pezzo punk rock (anch'esso abbastanza melodico) e' il quarto, "High And Dry".
Un cambiamento del genere ha fatto storcere il naso a molti tra i loro fan, ma mi sa che noi l'avremmo storto sin dall'inizio. La decisione di inserire in un disco del 2010 non tanto il post rock, ma generi come l'indie e il brit pop, mi pare una mossa abbastanza commerciale.
Chiudo questa recensione precisando che non ho affatto intenzioni denigratorie anzi, per una persona a cui non piace ce ne saranno di sicuro altre dieci che cliccheranno sul link per il download. Massimo rispetto sempre, per chi nel proprio percorso musicale tenta l'evoluzione sperimentando e ricercando, anche perche' e' una sensazione che conosco bene, anche se non suono: il desiderio di scoperta, in tutti i campi.
Alla prossima, ragazzi!
REN

.SCARICA MP3.

.PER L'ACQUISTO.
Potete acquistare l'album nello shop della Chorus Of One.
Prezzo: 9,99 euro.

.CONTATTI.
Home Page: http://www.donots.com/
MySpace: http://www.myspace.com/donots
YouTube: http://www.youtube.com/user/DonotsTV
Facebook: http://www.facebook.com/donotsofficial
Etichetta Chorus Of One:
Home Page: http://www.chorusofonerecords.it/index.htm
MySpace: http://www.myspace.com/chorusofonerecords
Facebook: http://www.facebook.com/pages/Chorus-Of-One-Records/104181729775

.CONDIVIDI.