Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Hostiliter - [2011] Intoxication
Hostiliter - [2011] Intoxication Stampa
Recensioni
Scritto da Joel   
Venerdì 30 Settembre 2011 05:00
Hostiliter - [2011] Intoxication
Hostiliter - [2011] Intoxication
01 - Intossicazione
02 - Processo Di Vita
03 - Sopravvivenza
04 - Progresso
05 - Vittime

Demo di debutto per gli Hostiliter provenienti da Viterbo, citta' che in campo hardcore ha sempre dato buone soddisfazioni.
Anche stavolta la citta' laziale ci regala una band bella cazzuta che in questo Intoxication ci elargisce sonorita' crust che, seppur affondan nella tradizione degli anni '80, riescono ad avere una buona dose di genuinita' che scaturisce in una identita' ben delineata!
Gli Hostiliter nascono nel 2010 con una formazione a tre: Federico chitarra e voce, Agostino al basso e Coli alla batteria. Nel Marzo 2011 registriamo i primi cinque pezzi raccolti in questa demo Intoxication, totalmente autoprodotta.
La registrazione e' un punto di forza del disco seppur pulita appare cupa e potente, riporta alla mente quei dischetti anni '80 che se per certi versi ad oggi appaiono inascoltabili rappresentano un marchio di fabbrica della vecchia scuola (i Wretched ne sono l'esempio piu' lampante), qui in una certa maniera quel risultato vien riproposto senza pero' tutti quei rumori e fastidi di fondo. Il tutto mette in risalto il grezzo vocione che rimane sempre comprensibile aumentando la qualita' del prodotto, caso spesso raro nel crust. I testi seppur brevi e non originalissimi trattando i temi tanto cari al genere anarco punk (critica al sistema, guerra e religione) riescono a creare degli scenari apocalittici che ben si accompagna ai suoni compatti e claustrofobici.
Proprio nel comparto musicale possiam rintracciare le caratteristiche salienti degli Hostiliter, un equilibrio ricercato che unisce ad un massiccia componente crust, grezza e sporca nel midollo, parti pulite con riffoni tipicamente thrash metal ma il tutto senza l'abuso di inutili tecnicismi. Insomma son sempre in un costante bilanciamento tra suoni sporchi e puliti in una miscela che risulta esplosiva.
Inaugura i cinque pezzi contenuti nella demo "Intossicazione" che si scaglia senza indugi contro la religione, canzone rabbiosa a tratti veloce e arrembante con una sezione ritmica corposa e arricchita da piccoli assolinini che non disturban mai. "Processo Di Vita" ha un testo magnifico, da leggere tutto d'un fiato, si caratterizza per i cambi di ritmo lenta e compassata nel primo minuto ma via via che passan i secondi il pezzo cresce di intensita' e violenza.
Di tutt'altra fattura "Sopravvivenza", il pezzo piu' breve del disco un concentrato di velocita' e rabbia che lascia spazio a "Progresso", musicalmente il piu' convincente con accellerazioni e rallentamenti continui, chiude la demo "Vittime" canzone dalle tematiche e dai suoni oscuri e tetri.
Per riassumere Intoxication e' una demo sorprendente sia per conenuti che per sonorita', gli Hostiliter meritano certamente di esser annoverati tra i migliori gruppi crust in circolazione, di sicuro grazie al loro modo di interpretare il genere si distinguono in maniera positiva dalla marmaglia che propone sempre la stessa minestra.
Buona la prima!
Joel

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
MySpace: http://www.myspace.com/hostiliterhc
Facebook: http://www.facebook.com/profile.php?id=100002842947237
YouTube: http://www.youtube.com/user/hostiliter
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.