Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Minus Tree - [2011] Individual
Minus Tree - [2011] Individual Stampa
Recensioni
Scritto da fabio HC   
Mercoledì 12 Ottobre 2011 05:00
Minus Tree - [2011] Individual
Minus Tree - [2011] Individual
01 - Intro
02 - Stones
03 - Goodbye (To The Worst)
04 - Nothing But Hope
05 - Deadweight
06 - Little Heart

Ogni tanto ti viene la voglia di ascoltare qualcosa che normalmente non ti capita mai tra le mani, che non siano gli Attrito o qualche altro brutto ceffo che sputa hardcore dalle fauci.
Questo disco di cui parlero' contiene tutte le credenziali sopracitate, quindi buona lettura!
In queste gloriose pagine il discreto lavoro firmato Minus Tree trova accoglimento, andando a sottolineare temi riguardanti la solitudine.
Il gruppo in questione ha gia' rilasciato una demo di due tracce, vertendo sempre su questo post-hardcore di cui andremo fra due righe a parlare, con in testa solo l'uscita del nuovo concept-album incentrato sull'isolamento, "The Lake Will Bring Everything To Light" in uscita per l'etichetta indipendente Chorus Of One Records, sara' presto su vinile 7" ma se si vuole ascoltare un'anteprima si puo' buttare la freccetta del mouse su questo link.
Detto questo parliamo immantinente del suddetto lavoro (che paroloni ahaha). L'ep dei baresi si introduce grazie ad un'intro classica del genere, un po' malato ma in fin dei conti carino, non lungo e quindi non spaccapalle.
Ma la vera partenza del disco e' affidata a "Stones", pezzo dalle liriche drammatiche e struggenti, caratteristiche di tutto il lavoro. Qui la velocita' sonora non si fa prepotentemente sentire, anzi, il brano regala ottimi accorgimenti a chitarra che fanno intendere realmente la drammaticita' della lirica. La voce e' buona direi, screamo non urlato che attacca l'animo. Non che io l'adori eh, pero' trasmette dai.
"Goodbye (To The Worst)" inizia lenta, cadenzosa come molti pezzi della fatica, per poi ripartire carica della sua essenza post-hardcore. Qui lo screaming attira di brutto, e' vero, ma il mid-tempo rende il brano poco appetibile rispetto ai restanti.
Ma ecco che dalle mie casse parte "Nothing But Hope", miglior pezzo dell'ep in quanto contiene quella giusta attitudine hc che rende apprezzabile questo genere abbastanza malato e contorto. Qualche tappetino di doppio pedale incalza nella sezione percussiva ed apre ai baresi nuovi spiragli musicali.
Anche la seguente "Deadweigth" possiede un contorno simile alla precedente, anche se regala piu' attimi struggenti rispetto alla prima. La conclusiva "Little Heart" e' un esperimento ambient punk credo, della durata di oltre sei minuti. Diciamo che l'ho apprezzata in parte.
In definitiva penso che questi Minus Tree si siano evoluti un poco rispetto al demo precedente, dimostrando voglia di fare con questo genere difficile da assimilare che io ritengo piuttosto malato e leggermente depressivo. Ma oltre alla particolarita' del genere i ragazzi hanno saputo come farsi notare con questo ep autoprodotto, e si attende quindi l'uscita del nuovo concept-album.
fabio HC

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
MySpace: http://www.myspace.com/minustree
Facebook: http://www.facebook.com/minustreeofficial
YouTube: http://www.youtube.com/user/MINUSTREE
Bandcamp: http://minustree.bandcamp.com/
Bigcartel: http://minustree.bigcartel.com/
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.