Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Culto Del Cargo - [2011] Culto Del Cargo
Culto Del Cargo - [2011] Culto Del Cargo Stampa
Recensioni
Scritto da chrisplakkaggiohc   
Mercoledì 18 Aprile 2012 05:00
Culto Del Cargo - [2011] Culto Del Cargo
Culto Del Cargo - [2011] Culto Del Cargo
01 - Scarpe Divisa E Cappio
02 - Respirando La Morte
03 - Immagina
04 - L'Era Dell'Uomo
05 - Pensare E Rifiutare

Con i Culto Del Cargo solchiamo territori crust pero' con una forte vena metallosa, testi in italiano ed anche impegnati, purtroppo la voce piu' bassa non mi convince troppo, rimane abbastanza impastata in confronto al resto (forse perche' l'hanno registrata successivamente) e non si capiscono bene le parole, peccato. Invece miglioriamo con la seconda voce urlata che interviene ogni tanto.
La partenza di "Scarpe Divisa E Cappio" e' buona, stile punk U.K. 82 con un rullata di batteria per poi buttarsi in batteria in 4/4, basso pompato e chitarra stoppata. Il resto della canzone macina riffs cupi ed aperti, parti piu' metalliche e drumming a manetta.
"Respirando La Morte" mi porta alla mente i Doom, un pezzo sparato ed ermetico, con un rifforama diretto e grezzo come un fendente al collo.
Si continua a macinare sodo con "Immagina" gli spunti crustoni piu' estremi prendono forma sfornando violenza a go-go, velocita' e cori da invasati.
L'Era Dell'Uomo" inizia in maniera pesante ed il suo riffing cadenzato grava sulle spalle di chi lo ascolta, ma tutto cio' dura poco e ci gettiamo un'altra volta nel crust hc compatto pero' con riffs che rasentano il thrash metal, qui i cori squarciano il cielo e la canzone e' ben riuscita.
"Pensare E Rifiutare" funge come tutte le altre, incazzatissima, sensazione di metallo (che tocca anche punti semi-melodici) nelle note e batteria semplice ed efficace che fila dritta per la sua strada. Qui mi e' piaciuto l'intreccio delle vocals.
Fortunatamente le cinque tracce di questo cd durano una media dei due minuti, ossia per me il giusto in questo caso almeno non rimangono ammorbanti. La produzione e' abbastanza sporca, ma visto il genere che suonano i Culto Del Cargo non credo storpi, poi e' stata fatta in presa diretta e la registrazione e' analogica. In finale se volete sfogarvi per un decina di minuti senza troppe pippe mentali ecco cosa fa per voi.
chrisplakkaggiohc

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
Home Page: http://www.cultodelcargo.com/

.CONDIVIDI.