Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Eat You Alive - [2012] The Last Stage Diving
Eat You Alive - [2012] The Last Stage Diving Stampa
Recensioni
Scritto da fabio HC   
Lunedì 07 Maggio 2012 05:00
Eat You Alive - [2012] The Last Stage Diving
Eat You Alive - [2012] The Last Stage Diving
01 - What's The Problem
02 - Control
03 - A Step Forward
04 - Ogni Secondo
05 - No Need To Excuse My Action
06 - Have You Seen Him?
07 - Opposition And Conformity
08 - Do It Yourself (Do It Better)
09 - The Strength In My Veins
10 - Give Me A Break
11 - The Taste Of Gold
12 - For Myself
13 - Higher Standard

Superattenzione per il ritorno degli Eat You Alive, combetto della Padova hardcore gia' recensiti su queste paginette pancacci' dal caro Joel. I ragazzi (qualcuno dei forse piu' conosciuti Antisexy) propongono un fastcore straincazzato dai contorni thrash e dalla voce delirante, in grado di sputare in faccia qualsiasi merda senza che nessuno dice niente talmente e' violento.
Ma la forza motrice del gruppo non e' solamente la voce della gola straziata del cantante padovano, perche' lo strumentale ha poco da inviadare a tante altre formazioni piu' accaci'; blast-beats davvero micidiali e coinvolgenti al pogo sfoggiati imperiosamente in ogni parte delle tracce, mentre le chitarre spingono sui muting creando le classiche sonorita' thrashcore. Ma quando le sei corde si lasciano andare pompano tutto con semplicita' e violenza.
Tre brani di questo full-length sono riproposti dal vecchio demo targato 2008 ("Control", "Higher Standard e "Do It Yourself"), ognuno dei quali presenta velocita' spaventose ed attitudine al coro nei ritornelli molto marcata.
Le durate dei brani sono classiche del genere ed e' meglio cosi', senno' questi tredici pezzi finirebbero per distruggere il sistema nervoso di chiunque li ascoltasse per oltre due minuti. Comunque il miglior brano per me e' "The Strength In My Veins" perche' rappresenta in tutto e per tutto il fastcore per i suoi stacchi pre-pogo ed il solo finale spettacolo.
Devo dire che a Padova i gruppi non scherzano affatto con l'hardcore, basti pensare agli Antisexy o ai vecchi Milizia HC che proponevano lo stereotipo dell'uomo incazzato. E' proprio vero che la citta' in cui si vive rispecchia molto la rabbia presente nella musica creata, come nella Milano hc o nella Torino oi!, dove la vita metropolitana ti consuma completamente assieme al suo freddo cemento. Oi!
fabio HC

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
MySpace: http://www.myspace.com/eatyoualivehc
Facebook: http://www.facebook.com/pages/Eat-You-Alive/136274436450834
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.