Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni La Gorgia - [2011] La Gorgia
La Gorgia - [2011] La Gorgia Stampa
Recensioni
Scritto da Nana   
Mercoledì 06 Giugno 2012 05:00
La Gorgia - [2011] La Gorgia
La Gorgia - [2011] La Gorgia
01 - Controllo
02 - Sangue E Violenza
03 - Maurizio

Cosa offre il menu' di oggi?
Hardcore vecchia scuola proveniente addirittura dalle alte valli di Lanzo, nei pressi di Torino (me lo ha confermato anche google maps); insomma un trattamento niente male!
Ti sei mai chiesto se sei tu a scegliere o se e' qualcun altro a farlo per te?
Si apre cosi' il demo dei La Gorgia, con questa frase che assume la funzione di un lead giornalistico, che dona la chiave per l'interpretazione di tutti e quattro i pezzi (tre tracce piu' una ghost track).
In questa maniera l'identita' dei (quasi) torinesi si esprime sin dal primo contatto con la loro dimensione; non sono solo le parole a guidarci ma anche l'interessante intro di basso che ci fornisce subito chiare informazioni sulla loro maniera.
I La Gorgia sono figli della vecchia scuola (proprio di quella vecchia) ma fortunatamente hanno avuto la fantastica idea di personalizzare il loro stile, non cadendo nella trappola di risultare solo una copia di una delle bands facenti parte del patrimonio hardcore, che il circuito torinese ha offerto.
I quattro piemontesi propongono un tupa tupa veloce incastonati con decisi riff di chitarra, che danno vivacita' melodica al brano. Proprio quando il fiato manca ecco che i La Gorgia fanno respirare l'ascoltatore con un intermezzo ritmicamente piu' pacato, ma non per questo meno incisivo.
Buona la compenetrazione di musica e parole, come e' possibile notare nella parte iniziale del brano "Maurizio", nel quale il testo scivola sulle note in maniera del tutto disinvolta, come se le lettere facessero parte del pentagramma stesso.
I temi trattati dalla band sono quelli di chi lotta, di chi ha dell'amaro dentro e urla al mondo il disagio che prova. La collera che emanano le tracce arriva fin sulla pelle; le urla, ora sguaiate, ora quasi rubate al crust, cristallizzano la disperazione per un sistema ingiusto e assassino, per uno stato che uccide le coscienze.
Questi ragazzi promettono davvero bene e personalmente mi sono garbati davvero tanto; in particolar modo ho apprezzato la terza traccia del disco, "Maurizio", che tratta della triste vicenda di Sole e Baleno. Un brano aggressivo e sguaiato allo stesso tempo, un pianto colmo di rabbia che aspetta solo rivendicazione.
Signori, se non vi ho conviti a scaricare questa bombetta, che i La Gorgia possano chiudermi in una grotta delle alte valli di Lanzo.
Ossequi e buonanotte, come direbbe Marzullo o chiunque altro prima di andare a dormire.
Nana

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
MySpace: http://www.myspace.com/lagorgiahc
Facebook: http://www.facebook.com/pages/La-Gorgia-HC/199366010140980
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.