Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Buffalo Grillz - [2012] Manzo Criminale
Buffalo Grillz - [2012] Manzo Criminale Stampa
Recensioni
Scritto da chrisplakkaggiohc   
Lunedì 11 Giugno 2012 05:00
Buffalo Grillz - [2012] Manzo Criminale
Buffalo Grillz - [2012] Manzo Criminale

Volete farvi lasciare dal vostro patner per non essere voi a farlo? Volete farvi licenziare dal vostro datore di lavoro per fargli una causa sindacale? Volete vendicarvi del vostro vicino perhe' accende la lavatrice di notte e passa la scopa elettrica alle 7:00 del mattino? Volete torturare il cane del giardino di fronte che vi abbaia di continuo ogni volta che gli passate davanti? E tante altre cose malvagie?
Ecco, io vi do una soluzione semplice ed abbordabile. Cercate di recuperare il nuovo cd dei Buffalo Grillz (il loro primo lavoro del 2010 sotto Gangsta Paradise Rec. e' stato il buon Grind Canyon), a questo punto munitevi di un paio di casse potenti ed uno stereo, mettetevi i tappi nelle orecchie ed indossate un casco per proteggere la vostra testa di cazzo, spingete play e scappate nell'altra stanza!!
Tutto questo perche' i quattro schizzati e depravati ragazzacci (la band risiede nella capitale ma non sono tutti romani di origine) sono tornati con la loro bastarda guerra contro tutto quello che si cela dietro le buone intenzioni ed il perbenismo, trattando qualsiasi cosa con un sincero e macabro senso dello humor piu' becero.
Qui abbiamo Torbinor alla voce (ex Undertakers, Ciaff) ed il suo tremendo growling stura lavelli ingorgati (dalle peggio schifezze), alternato solamente da uno screming stile suino sgozzato con un vecchio rasoio arrugginito, un piccolo esempio lo e' "Sermoneta Chainsaw Massacre".
Poi al basso moletta style, Gux (ex Tsubo) che con il suo rumore constante ed abrasivo riesce a riempire tutte le canzoni in maniera notevole ed anche in modo personale. Alla chitarra motosega Cinghio (ex The Orange Man Theory & many more) che, indistinguibilmente, taglia a pezzi sia gambe umane che zampe di porco (e tanti altri animali da macello) in modo trucido e spietato e spara riffs monolitici a base di cemento armato.
Il Mastino (gia' nei Dr. Gore) piu' che un essere umano in carne ed ossa sembra un programma di drum machine per quanto piotta, e per la sua precisione da serial killer, inoltre ci fracassa la calotta cranica a colpi di rullate fatte con mazzette da 5 kg al posto delle bacchette, blast beats incessanti e supersonici, fills destabilizzanti, in parole povere un treno merci senza controllo.
Mi rimane veramente difficile individuare una canzone che sia meglio dell'altra, ma "Forrest Grind" e' troppo esilarante e' geniale, ed il suo refrain e' un chiodo che si infila rapidamente nel cervello. "La Canzone Del Sale" e' da lacrime agli occhi, specialmente perche' e' fatta di muggiti iniziali insensati e naturalmente caos primordiale. "Sacro E Scrofano" possiede un bel retrogusto moshettone nella parte rallentata da sbattere ripetutamente la testa sul pavimenti. "Manzo Criminale" e' davvero estrema e distruttiva, e direi assai pericolosa. Le altre canzoni sono tutte un calcio alle palle e fanno davvero male.
Penso che i segreti dei Buffalo Grillz siano quelli di non prendersi troppo sul serio nella scelta dei titoli delle songs (uno piu' bello dell'altro), pero' al contrario suonando con tecnica e devozione, curando tutti gli aspetti che ruotano attorno al cd, come l'abominevole grafica a cura di Remy C., l'impeccabile produzione (missaggio e masterizzazione fatti presso i polacchi Hertz Recording Studio). Non si limitano a scopiazzare solamente i gruppi piu' blasonati, ma cercano di creare un proprio marchio di fabbrica con un piccolo tocco di originalita' e poi ragazzi miei una gag memorabile risiede nel fatto che non hanno testi ed il cantato e' a casaccius, ah. Ad ampliare tutta questa goliardia e farci sorridere un pochino ci pensano i vari samples buttati nelle canzoni. Ovviamente parliamo sempre di grindcore super estremo, quindi non possiamo aspettarci evoluzioni particolari o cose simili, ma per chi ama tale musica questo lavoro e' un must!
Per dovere di cronaca vi scrivo le varie collaborazioni avvenute su questo platter: Gordo RDP (Ratos De Porao) voce in "Sacro E Scrofano"; Keijo (Rotten Sound) voce in "Sermoneta Chainsaw Massacre"; Tom (Mumakil) voce in "Dawson Crick"; Cristiano (Fleshgod Apocalypse) chitarra solista in "Forrest Grind"; Luca Mai (Zu, Mombu) sax solista in "Dimmu Burger".
Infine vi consiglio di andarli a vedere live, perche' sanno essere sia devastanti che simpatiche canaglie.
chrisplakkaggiohc

.SCARICA MP3.

.TRACKLIST.
01 - Intro
02 - Linkin Pork
03 - Forrest Grind
04 - Lapo Elgrind
05 - Manzo Criminale
06 - Gux & Gabbana
07 - Bufalismo
08 - Sacro E Scrofano
09 - Dawson Crick
10 - Improvvisation Intuitium Casaccium
11 - Dimmu Burger
12 - Grind Sasso
13 - Il Marchese Del Grill
14 - Vision Divan
15 - Delitto Al Blue Grind
16 - Sermoneta Chainsaw Massacre
17 - Eau De Vergogne
18 - Pig Floyd
19 - The Truffer
20 - La Canzone Del Sale
21 - Outro

.PER L'ACQUISTO.
Potete acquistare il disco direttamente dallo shop della Subsound Records.
Prezzo: 10 euro.

.CONTATTI.
Home Page: http://buffalogrillz.com/
MySpace: http://www.myspace.com/buffalogrillz
Facebook: http://www.facebook.com/buffalogrillzgrind
ReverbNation: http://www.reverbnation.com/buffalogrillz
YouTube: http://www.youtube.com/user/BuffaloGrillz
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Etichetta Subsound Records:
Home Page: http://www.subsoundrecords.it/
MySpace: http://www.myspace.com/subsoundrecords
Facebook: http://www.facebook.com/subsoundrecords
ReverbNation: http://www.reverbnation.com/label/subsoundrecords
YouTube: http://www.youtube.com/user/subsoundrecords
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.