Immagini

Prossimi Concerti

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

VegFacile - Go Vegan!
Home Articoli Recensioni Neid - [2011] Il Cuore Della Bestia
Neid - [2011] Il Cuore Della Bestia Stampa
Recensioni
Scritto da fabio HC   
Lunedì 23 Luglio 2012 05:00
Neid - [2011] Il Cuore Della Bestia
Neid - [2011] Il Cuore Della Bestia
01 - Rumore Bianco
02 - MK-Ultra
03 - Il Cuore Della Bestia
04 - La Preda
05 - Discesa All'Inferno
06 - Chiuso Dentro Me
07 - Era Al Tramonto
08 - Biotech Is Godzilla (Sepultura Cover)
09 - L'Incoscienza Delle Vittime
10 - Intollerante
11 - L'Alba
12 - La Vendetta Dei Sensi

Ok, assetati del grindcore, muovete tosti i vostri delicati piedini verso Viterbo, in cerca del concerto dei piu' brutali e seri grinder dello stivale. Perche' i Neid sono tornati, oggi, piu' cattivi che mai, portando in trionfo il loro ultimo successo, ricco di ferocia grind metallica.
A dire il vero il disco ha gia' un annetto, ma si fa quel che si puo'. Indi procedero' alla lettura del disco in questione.
I Neid li conoscerete di certo se siete appassionati del genere (io non li conoscevo affatto) e non vi meraviglierete di sapere che il quintetto e' composto da Guru (voce), Capo' (batteria), Il Socio (basso), Angioletto (chitarra) e Giacomino (chitarra) e che provengono da Viterbo. Detto questo il disco e' composto da dodici tracce, non troppo corte come il grind inneggia, ma perfettamente giuste.
L'intro e' affidato a "Rumore Bianco", perfetto antro oscuro che prepara gli animi ribelli al prossimo suono grazie alle chitarre arpeggiate e lontane, dando un bellissimo assaggio del full-length.
"MK-Ultra" rappresenta la prima vera traccia del lavoro, e qui si evidenzia la concretezza del suono, metallico da star male, figlio dei Napalm Death, feroce e velocissimo. Il cantato qui (semifiltrato) ricorda subito non so perche' i Ruggine. Sara' una mia impressione. Non mancano poi gli inserti in inglese durante gli stacchi, che ricordano "LiesLiesLies" dei grandi Ministry.
Si continua sullo stesso tono anche con la title-track, la quale mostra i denti del gruppo col suo semi screaming accattivante. I soli qui persistono bene, e regalano sprazzi di inaudita velocita' sonorica. Dalla traccia dieci alla dodicesima pero' il suono cambia per via della registrazione live, piu' sporca e garage. Comunque sia le tracce in questione non mancano di rivelare potenza, e di dare un suono ancor piu' underground del primo gia' sentito.
Questi ragazzi hanno saputo poi sfoderare un'ottima capacita' d'esecuzione, senza mai rallentare troppo il sound e dando sfoggio di vera tecnica soprattutto alle chitarre e dietro alle pelli. Non nascondo il fatto che mi ricordano tanto i Napalm Death, e quindi hanno dieci punti a favore gia' in partenza.
Dovreste annotarveli sul vostro taccuino grinders della zona, perche' sembra che i Neid non perdonano, e specialmente non perdona il loro suono. Oi!
fabio HC

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
Home Page: http://www.neid.altervista.org/
MySpace: http://www.myspace.com/neidxxx
Facebook: http://www.facebook.com/neidhc
Bandcamp: http://neid.bandcamp.com/
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.