Immagini

Prossimi Concerti

Necessito HC

Tanto Di Cappello Records

IoPogo - Headbang Yourself

Gang Green

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front

Top 100 Joomla

Clicca qui per votare
www.joomla.it
Home Articoli Recensioni B.T.H. - [2012] Spaghetti Hardcore
B.T.H. - [2012] Spaghetti Hardcore Stampa
Recensioni
Scritto da fabio HC   
Mercoledì 12 Dicembre 2012 06:00
B.T.H. - [2012] Spaghetti Hardcore
B.T.H. - [2012] Spaghetti Hardcore
01 - What's Inside You
02 - Borderline
03 - Revelations
04 - Tommy The Beatle
05 - Camping Warfare

Anche se il Pescara non se la passa bene in serie A quest'anno non vuol dire che anche i gruppi punk hardcore debbano passarsela male nella scena locale.
Infatti questi B.H.T. sembrano non risentirne affatto della crisi che attanaglia la squadra militante nella serie regina del calcio, ed i suddetti sfornano quindi per il popolo hardcore un gran Ep ricco di contaminazioni di vario genere.
Gionata Miletti, Giorgio Riti, Mauro e Dirty Dave attaccano con la prima traccia "What's Inside You", la quale rivela subito la matrice di stampo prettamente hardcore old school ma mista ad un'attitudine thrasher, propria del sound dei genovesi Necrodeath ai tempi d'oro della loro fulgida carriera musicale. La voce soprattutto rimarca la spiccata somiglianza con Flegias dei sopracitati Necrodeath, e rende lo screaming ancor piu' apprezzabile.
Sonorita' comunque grezze grazie alle chitarre registrate con pochissimi bassi ed abrasive che portano all'attecchimento dell'anima che questo suono rende oltremodo nichilista. I ritornelli sono ricchi, intelligibili e stra-veloci, come pure la batteria che picchia di blast beats fino alla nausea.
Esempio palese ne e' "Borderline" ove il cantante sembra impazzire dietro al microfono tagliente fino al midollo. L'inglese semplice rende capibile per la maggiore i testi dei pescaresi e quindi un altro punto a loro favore.
Altro pezzaccio di questo cinque tracce e' "Revelations"; qui il suono e' piu' cupo, lento e maggiormente ricco di bassi rispetto ai due precedenti. Anche la voce del singer si attesta su sonorita' piu' gravi conferendo al tutto sempre quel suono che riporta al thrash teutonico dei Sodom e soci. La vena hardcore non si perde affatto, ma comunque il combo rivela nell'Ep i tratti caratteristici del thrash/hardcore di stampo tedesco. Anche i soli veloci e pazzi aiutano il sound a formarsi sulla linea gia' intrapresa del gruppo.
In "Tommy The Beatle" si crea un matrimonio tra hard rock e thrash/hardcore fenomenale, a dir poco sperimentale, dove la gravita' iniziale della voce nel refrain viene abbattuta dallo screaming feroce della sezione piu' veloce della traccia.
Credo che si possa parlare molto bene di questi ragazzi e del loro primo Ep, in quanto riescono a tirare fuori molto di buono da due generi che hanno dato molto negli ultimi quarant'anni. Certo, non li vedo a fare live di fianco a Skruigners o Kappa Kappa Kappa, per via della differenza stilistica ma con i Fuser o gruppi cosi' comunque si. Buona la prima dunque, speriamo che all'uscita del primo vero album full-length i ragazzi non abbiano cambiato questa sporca registrazione che regala davvero degli ottimi momenti. Oi!
fabio HC

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
MySpace: http://www.myspace.com/bandtohate
Facebook: http://www.facebook.com/BTHband
ReverbNation: http://www.reverbnation.com/bthbandtohate
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna