Immagini

Prossimi Concerti

Necessito HC

Porrozine - Thrashing All Around (Fanzine Distro Label DIY)

Italian Thrash Attack - For Those About To Thrash

Tanto Di Cappello Records

IoPogo - Headbang Yourself

Spremiti Le Meningi

Born To Be Grind

Gang Green

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Top 100 Joomla

Clicca qui per votare
www.joomla.it
Home Articoli Recensioni Edward In Venice - [2012] Muori
Edward In Venice - [2012] Muori Stampa
Recensioni
Scritto da fabio HC   
Giovedì 17 Gennaio 2013 07:00
Edward In Venice - [2012] Muori
Edward In Venice - [2012] Muori
01 - The Deads Comes From The Graves
02 - Crocodile Tears
03 - Tunana (Elbow)
04 - Perfect Mating
05 - MR. Huges Know It
06 - Gravedigger
07 - In Cold Blood
08 - Deadly Days
09 - MS. Bright

Sbarcano quest'oggi sulle magnifiche e celebri pagine on-line di punk4free gli Edward In Venice, gruppetto di baldi giovani militanti nella scena hardcore melodica di Pesaro dal lontano 2010.
I militanti in questione sono armati fino ai denti, e sfoggiano cosi' orgogliosamente la loro prima creatura nata in formato album, il quale racchiude la giusta violenza del genere.
"The Deads Come From The Grave" rompe il ghiaccio e non solo quello: una mazzata hardcore tra i denti dall'attitudine perfino metalcore (verso la meta' del brano si sente molto questa loro venatura) che il gruppo sprigiona in questa traccia inaugura il disco, dove la voce e' un ottimo screaming assassino.
Si continua allora con "Crocodile Tears", traccia che apre bene con la sua incalzante percussivita' che sfocia poi in un complesso giro con doppio pedale annesso. Qui si trova anche la seconda voce, molto adolescenziale in verita' e nella quale non ritrovo tanta astuzia nel suo uso. Infatti alle volte sembra di trovarsi in faccia qualche band screamo-emo, quale questa non e'. Comunque sia aiuta sicuramente la melodicita' caratteristica dell'hardcore del gruppo, e non smorza troppo i toni come sembra fare.
Ottima la chitarra, possente con la sua bellissima distorsione a tratti melodica ed abbastanza metal direi, come si puo' ben sentire in "Gravedigger". Nota dolente e' "MS. Bright", una mezza serenata con chitarra pulita in evidenza mista di voce americana non azzeccata al resto del disco.
Nulla da togliere poi all'ottima registrazione ed alla perfetta precisione all'esecuzione dietro gli strumenti da parte dei ragazzi. Non prediligo sicuramente l'hardcore nuova scuola melodico come questo, ma di certo c'e' che i pesaresi sanno quel che vogliono, ovvero divertirsi e suonare, e non avendo inventato niente rimanendo nei canoni nulla da togliere e criticare.
Il disco e' da ascoltare miei cari, queste perle gia' citate mi hanno davvero colpito, ma ce ne sono altre stipate nel nove tracce da ricordare come "In Cold Blood" e "Perfect Mating". Quindi non aspettate popolo hardcore new school. Questi Edward In Venice sono fatti apposta per voi! Oi!
fabio HC

.ASCOLTA IL CD.

.CONTATTI.
Facebook: http://www.facebook.com/EdwardInVenice
Bandcamp: http://edwardinvenice.bandcamp.com/
YouTube: http://www.youtube.com/user/edwardinvenice/
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna