Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni The Zeroids - [2012] Once Again
The Zeroids - [2012] Once Again Stampa
Recensioni
Scritto da Joel   
Venerdì 30 Agosto 2013 09:00
The Zeroids - [2012] Once Again
The Zeroids - [2012] Once Again
01 - I Saw You Dancing (With My Girl)
02 - Once Again
03 - I Wanna See You Crying
04 - Don't Lie
05 - Sharon
06 - Get Off The Phone
07 - Totentanz
08 - Woman
09 - Love Me Half
10 - TN Cowboys

Seconda uscita per i The Zeroids, trio rock'n'roll trentino gia' passati su queste paginette con il loro primo omonimo album.
Se la precedente fatica vi aveva appassionato state certi che anche questo nuovo episodio non vi deludera', punk rock di chiara e dichiarata matrice anglo-americana riconducibile ad i gloriosi anni '70 con sfumature garage che rendono il dischetto ancor piu' tagliente.
Formatosi nell’estate del 2008 (Strini-voce e chitarra, Uomo Verde-basso e Alessio-batteria), dopo il gia' citato omonimo del 2010 tornano in studio (Outsideinside) per registrare altre 10 canzoni, lo stile e' sempre uguale e l'attitudine dell'autoproduzione immutata.
Punk rock schietto e grezzo con ritmi semplici quanto coinvolgenti e registrazione volutamente lo-fi sono i semplici ingredienti di questo Once Again, un disco genuino quanto orecchiabile.
Gia' dal pezzo di apertura ("I Saw You Dancing (With My Girl)") si comprendono i temi d'amore trattati in prevalenza nel disco, una traccia piu' melanconica e melodica rispetto a quelle seguenti, comunque un assaggio di cosa propongono i The Zeroids. Sonorita' simili anche per la titletrack dove, ancora una volta, si mette in evidenza la voce graffiante di Strini ed il buon lavoro della sezione ritmica, uno dei brani piu' riusciti del lotto!
Gran parte delle canzoni seguenti continuano sulla stessa falsariga avvolgendo l'ascoltatore con suoni morbidi, mentre episodi come "Sharon", "Get Off The Phone" e "Love Me Half" risultano quelli con ritmiche ballabili e piu' coinvolgenti, regalando cosi' una contenuta variazione nei suoni che rende il disco meno monotono. Merita una parentesi a parte "TN Cowboys" la traccia piu' pungente e che chiude egregiamente il dischetto, da ascolti multipli.
Riassumendo un disco che conferma il potenziale dei Zeroids, consigliato agli amanti di sonorita' rockeggianti seppur, visto la buona fattura del prodotto, puo' esser un ascolto diverso anche per chi predilige il lato oscuro del punk!
Joel

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
Facebook: http://www.facebook.com/punk4free?sk=info#!/pages/The-Zeroids/178036058883435
ReverbNation: http://www.reverbnation.com/thezeroids77
E-mail:
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.