Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Mucopus - [2011] The Return Of Mucopus
Mucopus - [2011] The Return Of Mucopus Stampa
Recensioni
Scritto da Nana   
Venerdì 20 Settembre 2013 09:00
Mucopus - [2011] The Return Of Mucopus
Mucopus - [2011] The Return Of Mucopus
01 - Ostile
02 - Va A Cagare
03 - E' Vietato
04 - Orgasmo Infernale
05 - Banana
06 - Facile

Il ritorno dei Mucopus!
Veramente la band torinese e' tornata in pista gia' dal 2011, ma il loro disco arriva nelle nostre mani solamente ora, a due anni di distanza.
I Mucopus nascono nel 1995 e iniziano a calcare i palchi nel 1996, dopo essersi chiusi nella sala prova di El Paso per un anno, a provare e a definire il proprio sound.
Dopo molti anni tornano con una formazione in parte rinnovata proponendo questo incisivo e fulmineo lavoro contenente sei tracce.
La cosa che ho subito notato de The Retourn Of Mucopus e' il basso minutaggio dei pezzi; il punk non e' fatto per brani piu' lunghi di due minuti, fatevene una ragione e nel nostro caso la durata media delle canzoni corrisponde a 50 secondi. Che piacevole scoperta!
Il suono e' compatto e omogeneo per tutta il disco, parole urlate in maniera naturale sul classico sottofondo vecchia maniera hardcore punk. Semplicemente commovente. Inutile dire che nei pezzi dei Mucopus si sente Torino, con tutti i suoi retaggi culturali underground e soprattutto musicali.
Delle volte mi vengono riportati alla mente i Blue Vomit di "Vaffanculo", la stessa rabbia, la medesima sincerita'. E' proprio questo che intendo quando dico hardcore punk vecchia maniera; l'estrema semplicita' si sposa con il ritorno alle origini: dopotutto questo gruppo non si e' formato ieri, e Torino e' una delle culle piu' importanti del punk in Italia.
Testi rancorosi, come e' giusto che sia, ma allo stesso tempo affatto poetici: i Mucopus sono diretti e non amano i mezzi termini.
I brani che piu' mi hanno colpito sono "E' Vietato" e "Facile" che entra in testa sin dal primo ascolto.
Insomma, se volete tastare un angolo di vecchia scuola torinese, scaricate questo disco. Vi assicuro un viaggio nel tempo che non vi deludera'. Tranquilli, qui non si tratta di anacronismo, si tratta solo di buone e vecchie maniere.
Ci si vede in giro pigroni, o forse no.
Cheers!
Nana

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
Facebook: http://www.facebook.com/mucopushardcoretorino
Bandcamp: http://mucopus.bandcamp.com/
YouTube: http://www.youtube.com/user/mucopustorino
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.