Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Monument - [2013] The Earth Is Dead Again
Monument - [2013] The Earth Is Dead Again Stampa
Recensioni
Scritto da fabio HC   
Venerdì 10 Gennaio 2014 09:00
Monument - [2013] The Earth Is Dead Again
Monument - [2013] The Earth Is Dead Again
01 - Tropical
02 - Thorr
03 - Shoegaze

Cattivissimi come pochi i Monument irrompono con fervore nella scena hardcore/metal, con questo demo di sole tre tracce ricche pero' di vera essenza sludge metal e di influenze stoner/hard rock.
La formazione trentina nata dalle ceneri degli Hardway partono subito alla grande con "Tropical" e la sua chitarra in veloce successione di accordi, le corde distortissime aperte accompagnate da una sezione percussiva tirata, cruda e ben fatta.
Questo e' il miglior pezzo del demo, visto il mix dei generi sopracitati che i cinque mescolano con grazia e disinvoltura e dell'effetto stoner creato dalle frequenti corde stoppate. Il tutto regala corposita' ad un suono non registrato ottimamente come dettano i canoni dello sludge. Anche il solo finale velocissimo e' molto stoner, il quale rende vivacissimo il brano rendendo poi l'insieme tutt'altro che monotono.
La voce e' uno scream sporco sporco di buona fattura, costante, di stampo hardcore da far impazzire soprattutto in sede live.
"Thorr" - secondo pezzo della piccola fatica dei trentini - ha un sapore nettamente piu' hard rock vista la sei corde piu' lenta e dai contorni abbastanza ballabili. Anche qui la stoppata la fa da padrone, intensificando l'impronta stoner/sludge del gruppo. Il bellissimo finale e' anticipato da un solo melodico accompagnato da un tappeto di doppia cassa che stacca con il restante brano, conferendo maggiore originalita'.
Ultimo brano ma non meno importante dei precedenti e' "Shoegaze", una raffica di sludge/hardcore piena di vigore alla batteria e dalla chitarra che non va' mai in muting dando cosi' pienezza al sound (assai distorto).
Anche la melodia si fa sentire in qualche frangente, mentre il refrain rimane bene stampato in testa.
Possiamo infine affermare che il combetto ha colpito nel segno grazie a questo disco e a questo suono, il quale a parer mio e' da godersi ancor meglio in sede live. Anche per chi non ama gettarsi nella mischia ai concerti.
D'altronde Trento ha sempre vantato ottime formazioni in campo estremo, e questi Monument ne sono l'esempio palese. Sono sicuro che potranno evolversi e tirare fuori un vero full-length di massimo spessore.
Avanti cosi'!
fabio HC

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
Facebook: https://www.facebook.com/mnmnt33
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.