Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni DCP - [2013] Voiceless
DCP - [2013] Voiceless Stampa
Recensioni
Scritto da krizia   
Venerdì 17 Gennaio 2014 09:00
DCP - [2013] Voiceless
DCP - [2013] Voiceless
01 - Intro
02 - Progetto Ludovico
03 - L'Unica Risposta
04 - Le Grida Del Mio Tempo (The Claw Cover)
05 - Left To Your Order
06 - The Future Is Unwritten
07 - African Fragments
08 - Built To Last (Sick Of It All Cover)
09 - Voiceless
10 - Storia Di Nessuno
11 - Solo Sul Mio Ring
12 - Hatelist

Riemergere da un periodo in cui si e' sopraffatti dalla realta' concreta, quella che ti incatena a doveri, obblighi e impegni quotidiani...beh, e' dura.
Ma se questa riesumazione ha come colonna sonora Voiceless dei DCP, allora la situazione diventa addirittura cazzuta!
Premi play e ti senti subito penetrare nelle orecchie (e forse non solo) la voce di un Joker disilluso, che avvolge il suo avversario con parole taglienti e dissacratorie. D'altronde, non e' la prima volta che i DCP affidano al personaggio di un film il loro album. Gia' nel 2009, infatti, un Vinz colmo di odio (sentimento tra l'altro che da' il nome al film di cui e' protagonista) faceva capolino nella copertina di Fino A Qui Tutto Bene.
Anche la traccia che da' il nome all'album e' composta inaspettatamente da una voce. Una voce da cui trasuda la profondita' della band bresciana, la rabbia insita nella loro musica che trova sfogo nella soluzione che ci propone lo stesso nome della band.
A proposito, solito appunto: una voce grezza, graffiante, che ti fa pogare le tonsille, e' sempre l'ideale per l'hc, ma cio' non puo' e non deve andare a discapito dei testi. Anche se, infatti, molti non se li cagano, i testi sono l'anima delle canzoni, hanno un'importanza vitale!
Fortunatamente, almeno da quel poco che sono riuscita a capire, i DCP fanno sperare in un punk hc finalmente diverso dai soliti “scendiamo per le strade blablabla...lotta di classe...blablabla” che, con tutto il rispetto per gli ideali ovviamente nobili e da me condivisi, hanno ridotto a meri slogan da liceali dei concetti abbastanza importanti.
Musicalmente, ogni corda, ogni giro di basso e ogni botta di grancassa, contribuisce a tradurre in melodia la sovversione e la ribellione di questi quattro ragazzi. Personalmente pero', preferisco i brani che non toccano punte metalcore (ahime', pochi!) in cui, sebbene il ritmo sia sincopato, si rimane in sonorita' a me piu' gradite. Ma e' solo una nota personale, com'e' personale il motivo del ritardo con cui arriva questa recensione, a cui ho accennato nel suo prologo.
Quindi chiedo terribilmente venia ai DCP esortandoli a continuare a dar voce a chi, purtroppo, voce non ne ha.
krizia

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
MySpace: https://myspace.com/dilloconlepietre
Facebook: http://www.facebook.com/dilloconlepietre
ReverbNation: http://www.reverbnation.com/dilloconlepietre
YouTube: http://www.youtube.com/user/DcpHardcore
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.