Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni SudDisorder - [2013] ...Citta' Deserte
SudDisorder - [2013] ...Citta' Deserte Stampa
Recensioni
Scritto da Joel   
Venerdì 28 Febbraio 2014 09:00
SudDisorder - [2013] ...Citta' Deserte
SudDisorder - [2013] ...Citta' Deserte
01 - Intro
02 - Alla Deriva
03 - Citta' Deserte
04 - Nel Cuore
05 - U 'Nfame
06 - Territori Occupati
07 - DoItYourSelf
08 - A 'Munnezz
09 - Outro

"Direttamente dai territori a sud del mondo, un'altra cospirazione do it yourself, a ribadire ancora una volta che per noi la musica punk hardcore e' un percorso consapevole di attitudine, lotta e solidarieta', alla deriva verso nessuna direzione".
Basta il breve pezzo manifesto ("Alla Deriva") per comprendere l'essenza dei SudDisorder nuova band esplosiva realta' della costa Ionica.
Nati solo nel 2013 dalle costole dei piu' noti gruppi tarantini Hobophobic, SxFxCx e La Maledizione Del Benessere, il quartetto formato da Luigi (voce), Giggomma (chitarra), Ignis (basso) e Davide (batteria) nel Dicembre dello stesso anno rilascia ...Citta' Deserte che racchiude in appena dodici intensi minuti un concentrato di rabbia punk hardcore.
Le ottimistiche premesse e garanzie, riconducibili al fatto di esser nati all'interno della Masseria Foresta, indubbiamente tra le migliori realta' autogestite, e l'essersi affidati all'HC Lab per la registrazione e mixing del disco, tutte le uscite di questo laboratorio punk hardcore sono di qualita' eccellenti, vengono suffragate dai fatti. ...Citta' Deserte pur essendo solo la prima uscita dei SudDisorder e' un disco maturo, completo ed efficace fin da subito; se ad i primi, distratti, ascolti puo' ricordare parecchio lo stile degli Hobophobic con il passare del tempo il distacco da questi e' netto, certo la matrice e' quella ma i SudDisorder hanno una loro fortissima personalita', non semplicemente riconducibile ad altri gruppi.
Dopo l'intro ed il gia' citato "Alla Deriva" si parte subito in maniera perfetta con "Citta' Deserte", una sfuriata hardcore velocissima ed incazzata dalla sezione ritmica che lascia senza fiato ed una coralita' perfetta, anche le tematiche di critica e disprezzo verso le condraddizioni della societa' e delle citta' in generale (e di Taranto nel particolare) sono scagliate con efficacia e colpiscono nel segno.
Il tempo di riprendere fiato e si passa alla piu' ritmata "Nel Cuore", i tempi saran piu' smorzati ma l'impatto del pezzo non e' inferiore al precedente episodio; "U 'Nfame" e' una breve sfuriata in idioma tarantino (che tra virgolette assomiglia perecchio al napoletano).
Spazio a "Territori Occupati" evidenti le tematiche dell'occupazione per un'altra bellissima canzone seguita da "DoItYourSelf", argomento caldo in ambito punk hardcore affrontato egregiamente dai SudDisorder tant'e' che ogni singola parola del testo risulta pienamente condivisibile.
Prima di chiudere con l'outro dedicato alle parole e speranze degli operai, credo riconducibili agli anni della creazione dell'industria siderurgica a Taranto, spazio a "A 'Munnezz" pezzo che alterna il dialetto tarantino all'italiano e che tratta la drammatica situazione di quelle terre e di quell'aria devastate e contaminata dal corrotto sistema industriale.
Poco da aggiungere un plauso ai SudDisorder, unico consiglio scaricate, condividete e sostenete questa nuova e ottima cospirazione D.I.Y.!
Joel

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
Facebook: https://www.facebook.com/suddisorderhc
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.