Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Eternal Noire Doom - [2014] Portrait Of Decadence
Eternal Noire Doom - [2014] Portrait Of Decadence Stampa
Recensioni
Scritto da Joel   
Lunedì 02 Giugno 2014 09:00
Eternal Noire Doom - [2014] Portrait Of Decadence
Eternal Noire Doom - [2014] Portrait Of Decadence
01 - You Are The Virus
02 - Victims Of Ourself
03 - I Hate You
04 - Kill Me
05 - Condemned To Live
06 - Fuck And Die!

Esordio per i marchigiani Eternal Noire Doom, trio nato a fine 2013 che nelle intenzioni propone un crust con marcate influenze metal che van dal doom allo sludge. E fin qui tutto bene!
Come facilmente intuibile dalle precedenti parole, ahime' il risultato non si avvicina piu' di tanto a quanto ci si poteva attendere dalla band, indubbiamente non per carenze tecniche dei tre (Alessio - voce e chitarra, Paolo - basso e Batteria - batteria) con alle spalle una certa gavetta nel circuito metal (Bleeding Hammer, Crypt Of Truth e Chrome) ma, piu' che altro, per una produzione che non rende per niente giustizia alle fatiche degli Eternal Noire Doom.
Portrait Of Decadence presenta cinque tracce piu' un lungo intro ("You Are The Virus") carico di suoni cupi e ambientazioni oscure, quel che pero' non convince e' il risultato della registrazione che, a parte la voce, risulta caotica con gli strumenti confusi tra loro ed una batteria in brevi tratti lontana.
E' anche vero che come registrazione si e' sentito di peggio ma in un genere che mescola alla rudezza del crust sonorita' dove la pulizia del suono, almeno della chitarra, dovrebbe essere un must tali difetti vengono accresciuti. Senza voler tediare nessuno questo e' il problema principale del disco ma, trattandosi pur sempre di una demo, a questo giro soprassediamo sperando in un qualcosa di piu' curato in futuro e magari con una chitarra di supporto in aggiunta.
Quel che invece convince e' l'urlato sofferente di Alessio che a differenza della tradizione crust e' abbastanza comprensibile; anche tracce come "Kill Me", "Condemned To Live" e soprattutto "I Hate You" hanno una buona presa grazie ad una carica di aggressivita' e violenza, peccato per certi finali che sembrano a dir poco tagliati come nel terzo pezzo.
Insomma l'esordio degli Eternal Noire Doom non convince del tutto, il potenziale c'e' va soltanto espresso con una maggiore cura nella produzione.
Rimandati al prossimo disco!
Joel

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
Facebook: https://www.facebook.com/EternalNoireDoom
Bandcamp: http://eternalnoiredoom.bandcamp.com/

.CONDIVIDI.