Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Contrasto & Kalashnikov - [2014] Come Il Soffitto Di Una Chiesa Bombardata
Contrasto & Kalashnikov - [2014] Come Il Soffitto Di Una Chiesa Bombardata Stampa
Recensioni
Scritto da Punx666   
Mercoledì 28 Gennaio 2015 09:00
Contrasto & Kalashnikov - [2014] Come Il Soffitto Di Una Chiesa Bombardata
01 - Contrasto - Nullo Mazzesi, Partigiano
02 - Contrasto - Come Il Soffitto Di Una Chiesa Bombardata
03 - Contrasto - Cento Fiori Son Sbocciati
04 - Contrasto - Politica E Rivoluzione
05 - Kalashnikov - Un Futuro Radioso
06 - Kalashnikov - Chi Sta In Alto Dice: Questa E' Pace, Questa E' Guerra
07 - Kalashnikov - Hitler Con Gli Occhiali A Specchio

Le due band in questione penso non abbiano bisogno di presentazioni: sono ormai conosciute ovunque nel panorama d.i.y.
Uno split pero' un po' asciutto questo nuovo Contrasto / Kalashnikov e ne scoprirete il motivo. La scaletta e' composta da 4 pezzi Contrasto e 3 Kalashnikov.
Partono i Contrasto con una intro dedicata a Mazzesi. "Oggi mi sento come il soffitto di una chiesa bombardata" penso rappresenti a pieno la maniera di comporre dei Contrasto, ritornello che troviamo nella seconda traccia. Poetici, politicizzati e personali, seppure nel loro hardcore old school poco aperto a contaminazioni. Anche "Cento Fiori Sono Sbocciati" e' un pezzo che rimane subito stampato nella mente. La velocita' diminuisce, ma non l'incisivita'. "Politica E Rivoluzione" e' forse meno diretto negli intenti, ma rimane il linea con il resto.
I Kalashnikov ci regalano invece un po' poco. Dopo una intro strumentale, "Un Futuro Radioso", parte "Chi Sta In Alto Dice: Questa E' Pace, Questa E' Guerra", classico pezzo in stile Kalashnikov, sovietico nei suoni e nel testo. Chitarroni stoppati e tastiere a tutto spiano aprono il ritornello tutto da cantare. Abbiamo anche qualche assolazzo metal di chitarra e un solo di tastiera, il tutto a condire un pezzo di per se' gia' pieno.
Il tutto si esaurisce pero' in tre minuti, dopodiche' arriva "Hitler Con Gli Occhiali Da Sole", uno spoken word che chiude così lo split.
In sostanza buoni (come sempre) i propositi, ma e' logico che si rimane con l'amaro in bocca. Come sempre ben curata la grafica, a ricorrente tema la guerra.
Punx666

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.

.CONDIVIDI.