Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Rushdown - [2005] Demo
Rushdown - [2005] Demo Stampa
Recensioni
Scritto da Joel   
Mercoledì 05 Dicembre 2007 16:48
Rushdown - [2005] Demo
Rushdown - [2005] Demo
01 - Rushdown
02 - Turn It Down
03 - My Self Control
04 - Save Your Skin

Altro disco di un caro amichetto di p4f, il calabrese mad` che ha dovuto attendere ben due anni per vedere recensita la demo d'esordio del suo gruppo su questo sito.
E poi non si dica che qui facciamo favoritismi, siamo lenti c'e' poco da fare.
I Rushdown provengono da Davoli Marina, che cristo dio chissa' dove sta nella provincia di Catanzaro, e sono quattro fanciulli dediti ad un sano ed esuberante punkrock, genere che solitamentte non prediligo.

Il gruppo nasce nel 2005 formato da Evelino (voce) Cristian (chitarra e cori), Attilio (basso) e Giuseppe (Batteria) e subito sfornano questa demo composta da quattro pezzi con liriche prettamente in inglese.
Le sonorita' sono connotate da un onesto e veloce punkrock, con qualche piccola influenza hardcore melodico di matrice californiana, in ogni modo dei Rushdown si puo' dire tutto tranne che non sappiano tenere lo strumento in mano.
Musica composta ed eseguita in maniera accurata, su tutto si eleva il suono della batteria, e l'ottima chitarra che nei riff presenti mostra una capacita' tecnica sopraffina.
Anche la registrazione risulta di buona fattura, forse l'unica pecca e' data dalla voce, sicuramente migliorabile per quanto riguarda la pronuncia .
L'album si apre con il solito intro preso dal film cult Pulp Fiction, inutile dire quale spezzone, per poi lasciare spazio al primo pezzo "Rushdown", pezzo forse un po' troppo melodioso per le mie orecchie, ma dalle buone ritmiche dettate dalla batteria, curiosita' nel finale del pezzo spunta dal nulla anche il suono di una tromba.
Si prosegue con la piu' veloce "Turn it down", qui pregevole appare la chitarra ed azzeccati i cori.
La demo migliora da un pezzo all'altro, trovando in "My self control" sicuramente il miglior pezzo in quanto ad intensita', suono tiratissimo, imprezziosito dagli stupendi riff di chitarra.
"Save your skin" pur non essendo all'altezza del brano precedente, risulta anch'esso accattivante chiudendo piu' che degnamente questa demo.
Nell'insieme questa e' una buona prova per un gruppo esordiente, risultano parecchio dotati tecnicamente (nda. a fronte di un pacco alquanto irrilevante rispetto a quello del sottoscritto) suonando un punkrock non certo originalissimo, ma in qualche modo riescono a trovare sonorita' tutte loro. Dopo i piacevoli Meat For Dogs ed i non eccelsi Duff la Calabria sforna un altro gruppo dedito al punkrock.
Attendiamo con ansia il prossimo lavoro dei Rushdown previsto per i primi mesi del 2008, e stavolta non aspetteranno due anni per recensirlo parola di scout.
Joel

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
Home Page: http://www.rushdown.nemail.it/
MySpace: http://www.myspace.com/rushdownpunkrock
Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Telefono: Cristian 328/4065262

.CONDIVIDI.