Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni CGB - [2019] Schegge
CGB - [2019] Schegge Stampa
Recensioni
Scritto da krizia   
Lunedì 25 Maggio 2020 10:00
CGB - [2019] Schegge
CGB - [2019] Schegge
01 - Intro (Schegge)
02 - Iridi Stanche
03 - Stasi
04 - ...
05 - Catastrofi A Rilento
06 - Will Smith (Io Sono Leggenda)
07 - Nonostante O A Causa Di Tutto
08 - Cosi' Distante
09 - Prevalenza Di Nero + Come Posso Sopravvivere

La bio di un gruppo che e' nato due anni prima di me magari la evito, mi sembra superflua. Non come dire, invece, che l'intro unplugged sta a un album dei CGB come i preliminari stanno al sesso. E' un certezza, una carezza.
Lo era in Morte Di Un Microfono, lo e' stato ne L'Un Per Cento e lo e' in Schegge. Ti accudisce, ti insegna, ti prepara. Ti serve per affrontare la cavalcata che parte da li' in poi e da' il via a 20 minuti di hc old school frenetico e intenso.
Gli onori delle prime note sono affidati a "Iridi Stanche", singolo del 2014 che, insieme a "Cosi' Distante" e a "Prevalenza Di Nero" - magistralmente riesumati da Balboa e Stanze - sembra urlare "sappiamo dove andiamo, ma soprattutto da dove veniamo". Quasi come a non voler lasciare indietro niente e nessuno, ma allo stesso tempo evolversi. Un concetto che si percepisce gia' all'inizio: nel 2009, sulle note di "Your Precious Love", Davide diceva che "Il voler osservare e' un concetto retrogrado ed obsoleto", adesso, per Gippy, "Voler osservare sara' anche retrogrado e obsoleto per molti, ma per alcuni continua a rimanere necessario." Che poi, alla fine, e' tutta qui l'essenza di quest'album: i frammenti di vita ci trafiggono come schegge infami e cazzo se fanno male. Ma, se siamo fortunati, sono un'eredita' di emozioni che ci portiamo dietro e condividiamo con qualche compagno di viaggio. Ed e' li' che, forse, diventano meno appuntite.
Le schegge si fanno sentire anche nella prepotenza dei nuovi pezzi, veloci, profondi, taglienti. I testi introversi e introspettivi, il ritmo incalzante e incazzato: ogni contrasto ha l'equilibrio perfetto. Tutti i brani, ghost track compresa, rimangono fedeli allo stile dei CGB nonostante i cambi di formazione alla voce e alla batteria. Fedele com'e', del resto, la scelta di produrre anche quest'album, a partire dalla registrazione dei brani, seguendo interamente la filosofia DIY anima del punk hc.
E quando, dopo l'ultima nota, la cavalcata finisce, ti ritrovi sconvolto e turbato, ma vuoi subito ricominciare. Dall'inizio, dai preliminari, da quell'intro perfetto. Allora capisci che non e' sesso. Questo e' amore.
krizia

.ASCOLTA IL DISCO.

.CONTATTI.
Home Page: http://www.cgbhc.net/
Facebook: https://www.facebook.com/CGB-421855817915787/
Bancamp: https://cgbhc.bandcamp.com/
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.