Immagini

Prossimi Concerti

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Eraser - [2020] Mutual Overkill Deterrence
Eraser - [2020] Mutual Overkill Deterrence Stampa
Recensioni
Scritto da Ms_Antrophy   
Mercoledì 01 Settembre 2021 10:00
Eraser - [2020] Mutual Overkill Deterrence
Eraser - [2020] Mutual Overkill Deterrence

Della serie "Scegliamo sempre il rumore in cui perdersi", torno a scrivere un po' di grindcore e di quello massiccio, fatto bene, old school senza essere nostalgica.
Con gli Eraser, gruppo deathgrind siciliano che combina la vecchia scuola adottando soluzioni ed assetti moderni, e' come un grande piatto ricco che divori in 30 minuti, giusto il tempo del minutaggio del disco.
Da Palermo, un tempo quartetto, ha attraverso cambi di line up fino ad arrivare alla formazione odierna che li vede evolversi in un combo trio stravolgono l'underground con il loro personale rumore che nel deathgrind trova la propria dimensione diagnostica e senza limitarsi dentro un preciso assetto musicale.
Attivi dal 2013, Dopo uno split con i Rats Of Society nel 2016, ed un ep nel 2015 - Fuck Off And Grind, con Mutual Overkill Deterrence ci troviamo davanti al primo full length della combo siciliana.
Registrato al Tone Deaf Studio da Spadino, attraverso l'artwork di copertina, pensata da Anselmo e Dario (rispettivamente basso, voce e chitarra del gruppo) e plasmata da Giulio Huere (Huere Artworks) mostra uno scenario apocalittico e deterrente che costruisce una sorta di anteprima al disco letale e senza giri di parole. Disco che vede la collaborazione di svariate label underground in fase di co-produzione ben dieci - Zas Autoproduzioni,Bloody Scythe Records, Night Animal Records, Hecatombe Records, Rip Roaring Shit Storm Records, Dead Red Queen Records, Sedation Records, Inmundo Records, Dirty Needle Records, Barbarie Autoproduzioni - a ribadire come sia importante la ricerca verso un'attitudine diy di certe band che va a imprimere anche la ricerca di un way of life che si discosti dal mondo delle major e dei suoi giochetti "oscuri".
Proiettando le liriche spaziando tra la situazione geopolitica della guerra fredda allo stallo messicano globale, ai clown vestiti con abiti telari che si interrogano sulla fine dell'uomo e dell'universo stesso, le mani dell'uomo che distrugge l'uomo da Chernobyl a Fukushima, il maledetto vizio dell'uomo di deturpare foreste e angoli da preservare. In un filo rosso che unisce scenari post-apocalittici che attraverso il deathgrind con zampilli di thrash e hardcore punk - crossover, dove l'ascolto e' imponente senza chiedere permesso, come tracannare una granita con quaranta gradi sull'asfalto.
Mutual Overkill Deterrence si descrive in diciotto brani, cadenzati e cannibaleschi, descritti da sound old school grind con soluzioni nei riff che si collocano di matrice thrash, death metal e punk hardcore tra blasbeat funesto e propulsivo e linee di basso piene e sporche. Tra brani famelici e mefistofelici. I primi brani viaggiano su esempi brevi, barbari e costruiti da doppie voci che si scontrano in un mix allettante e personale, dalla produzione melmosa, ti incolla alla sedia dal primo all 'ultimo minuto, senza accorgersene. Tra "Scorn Path", brano dal gusto sfacciatamente hardcore e "29", una sorta di anthem old school, che in un ottimo lavoro di doppia cassa e riff grugnosi e' totalmente cio' che uno nel grind necessita di ascoltare. Un album cadenzato su una pregnante e medesimo impatto per tutto il disco, quel suono che ti entra nella testa e distrugge ogni sensore interno.
Tra nichilismo e una certa riflessione che porta l'ascoltatore a domandarsi a decidere dove stare e cosa vuole essere, e' un album diverso da molte cose "Grind" che ho ascoltato nell'ultimo periodo. Fermo restando che quelli della mia generazione quel grind lo hanno visto solo da lontano attraverso le foto e i video, questo album e' totalmente quel qualcosa che rinnova quell'attitudine della vecchia scuola, con in dotazione consapevolezza, determinazione e quel tocco di nichilismo giovanile che non disturba, ma che e' alla base di un certo panorama, o almeno lo era.
Maldestro e fangoso, e' l'album che descrive a perfezione i giorni nostri, quasi come fosse una rovente colonna sonora con la stessa rabbia e voglia di esprimersi che dentro di noi deteniamo. Consiglio agli ascoltatori di Machetazo, M.O.D., Terrorizer, Impetigo, Autopsy, Deicide di non perdersi assolutamente questo disco.
Ms_Antrophy

.ASCOLTA IL DISCO.

.TRACKLIST.
01 - Go Primitive
02 - Scorn Path 03 - Stream Of Decay
04 - Natural Born Prevaricators
05 - Ego Feeder
06 - Eraser
07 - Static
08 - Children Of New Reich
09 - Leadershiet
10 - 29
11 - Stomping Your Grave
12 - Blast Beat Voodoo Cult
13 - Bad Boy
14 - Genocindustry
15 - Insistence Is Futile
16 - Mutual Overkill Deterrence
17 - Grind Yourself
18 - Dicsostu'

.CONTATTI.
Facebook: https://www.facebook.com/EraserGrindcore/
Bandcamp: https://erasergrind.bandcamp.com/
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.