Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Lyon Estates - [2008] Tutto O Niente
Lyon Estates - [2008] Tutto O Niente Stampa
Recensioni
Scritto da hyena01   
Mercoledì 22 Ottobre 2008 20:05
Lyon Estates - [2008] Tutto O Niente
Lyon Estates - [2008] Tutto O Niente
01 - Dentro Me
02 - Domani
03 - Ultimo Sole
04 - Ancora Il Ricordo
05 - Tutto O Niente

Quando m'hanno dato sta recensione da fare, sinceramente, non mi sembrava vero.
Premettendo che di roba hc italiana, cantata in lingua madre e forte di liriche-poesie, a me non ne arriva mai molta (bastardi), m'e' apparsa come una mano dal cielo l'opportunita' di recensire una band come i Lyon Estates, band che gia' prima di iniziare a parlarne posso decantare come una delle migliori del genere che io abbia mai sentito negli ultimi anni; una mano del padreterno, o forse di Joel...(asd).
Quindi non posso che iniziare ringraziando il mio amato collega Giorgino per avermeli ceduti e dicendo che, in un certo qual senso, poiche' i miei gruppi preferiti di sempre sono giusto coloro che piu' li hanno ispirati, quali Bellicosi e Sottopressione in particolar modo, un gruppo come questo lo stavo proprio aspettando...
Il loro Ep, di appena 10 minuti scarsi, Tutto O Niente, da l'impressione di essere, nonostante la sua brevita', un lavoro compiuto e completo che non lascia affatto l'amaro in bocca, all'interno del quale tutto quello che doveva e poteva esser detto sia racchiuso: in 5 brani della media di poco piu' di un minuto a testa.
I Lyon si avvalgono di quel principio di essenzialita' insista nell'hardcore, che non scade ne nella banalita' e ne nella scarsezza di contenuti e di chiarezza, che gli permette di esprimersi al massimo della loro capacita' sia musicale che lirica nel giro di pochi minuti.
I pezzi, infatti, sembrano essere stati sottoposti ad una specie di cristallizzazione delle idee che ha permesso la costruzione di istanti pregnanti dove tutto il senso del singolo brano (gia' ben sintetizzato nella scelta dei termini e della forma) viene esposto o riassunto in una frase, oltre alle evidenti scelte strumentali atte ad accompagnare la singola canzone e soprattutto il tema che vi e' in essa, riuscendo a trasmettere sensazioni adatte al contenuto della lirica.
Due esempi per tutti sono "Ultimo Sole" ("l'ultimo sole che ad oggi ricordi teneva lontano quel gelo nel vento, nel vento") e "Ancora Il Ricordo" ("un giorno capirai che il meglio non e' andato perso, quel giorno ci saro' se tutto non e' stato scritto"): la prima delle quali, tiratissima, e' caratterizzata dall'ottima prova vocale del cantante e dei cori stentorei, oltre alle buone parentesi di chitarra e di batteria; mentre la seconda, che anch'essa presenta cori spessi ed una interpretazione vocale originale, particolare e sentita, si caratterizza nel gioco di complicita' fra basso e batteria, e nell'alternanza, nella parte conclusiva, di ritmi spediti e sfuggenti a ritmi piu' lenti e ragionati che esplodono nella potenza del coro.
Particolare attenzione bisogna prestarla, a parer mio, al timbro vocale del cantante Claudio"Tutto O Niente" e nel periodo terminante, quasi recitato ("tutto oppure niente solo parole al vento il dubbio e' stato sciolto e quello che hai ottenuto e' niente"); seguita a ruota dalla track fantasma "Get Away" dei DS-13 che, suonata nella maniera piu' fedele possibile all'originale, anche se non vi e' apportata alcuna modifica rilevante, risulta personale e gradevole.
"Tutto O Niente" mette in gioco una certa contiguita' tematica nelle sonorita' e soprattutto nelle liriche, quali possono essere i sentimenti nel senso piu' largo e viscerale possibile; mentre dal punto di vista delle soluzioni musicali sono messe in relazione costante attimi di grande dinamicita' ad altri piu' statici e stagnanti, quasi a voler rappresentare momenti di furia contrapposti ad altri di apparente calma e pesantezza, come se tutta la rabbia sia sacrificata in un momento di lucidita', per colpire meglio, piu' a fondo, con piu' precisione e potenza; cercando di esprimere il tormento che si legge tra le righe dei testi.
Nell'insieme, nonostante le apparenze, questo mi pare un lavoro innovativo e ragionato che, avvicinandosi fortemente ai gruppi citati da loro stessi tra le influenze, se ne distacca del tutto presentando una componente apprezzabile e propria; quel qualcosa in piu' che si sente giusto in un gruppo nuovo su 10..
A me sono piaciuti sinceramente, perche' sono in grado di trasmettere realmente qualcosa a chi e' all'ascolto, cosa non da tutti: spero sara' lo stesso per voi.
[Ringrazio tutti coloro che aspettavano questa recensione per aver pazientato, tutti tranne Yunior lol]
hyena01.

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
MySpace: http://www.myspace.com/lyonestateshc
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.