Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Varie Come E' Morto Giuseppe Uva? Sei Uomini In Divisa Sott'Accusa (di Il Manifesto)
Come E' Morto Giuseppe Uva? Sei Uomini In Divisa Sott'Accusa (di Il Manifesto) Stampa
Varie
Scritto da Joel   
Martedì 18 Marzo 2014 09:00
Giuseppe Uva
Come E' Morto Giuseppe Uva? Sei Uomini In Divisa Sott'Accusa (di Il Manifesto)

http://ilmanifesto.it/come-e-morto-giuseppe-uva-sei-uomini-in-divisa-sottaccusa/

Il Manifesto

L'inchiesta. Il ruolo di poliziotti e carabineri dopo l'arresto

Sedici pagine per ria­prire il caso Uva. La seconda richie­sta di archi­via­zione pre­sen­tata dalla pro­cura di Varese per i due cara­bi­nieri e sei poli­ziotti coin­volti nel caso Uva (Paolo Righetto, Ste­fano Del Bosco, Gioac­chino Rubino, Luigi Empi­rio, Pier­fran­ce­sco Colucci, Fran­ce­sco Foca­relli Barone, Bruno Beli­sa­rio e Vito Capuano) e' stata respinta: le tesi dei pm sono uscite distrutte, i reati ipo­tiz­zati sono pesan­tis­simi: omi­ci­dio pre­te­rin­ten­zio­nale, arre­sto ille­gale, abban­dono di inca­pace, per­cosse e lesioni per­so­nali nei con­fronti di Giu­seppe Uva, arre­stato il 14 Giu­gno 2008 e morto il mat­tino dopo in ospe­dale. Non solo, gli uomini in divisa adesso sono anche inda­gati per quello che avreb­bero fatto ad Alberto Big­gio­gero, l'altro uomo arre­stato quella notte, che da un'altra stanza sen­tiva il suo amico urlare e lamen­tarsi: vio­lenza pri­vata e per­cosse.
L'ordinanza scritta dal gip Giu­seppe Bat­ta­rino e' anche un duris­simo atto d'accusa nei con­fronti delle inda­gini con­dotte dai pm Ago­stino Abate e Sara Arduino. Una vit­to­ria su tutti i fronti per le parti civili, che vedono, dopo sei anni, riconosciute tutte le loro ragioni.

Ecco come il gip rico­strui­sce quello che e' acca­duto: "Il cit­ta­dino Giu­seppe Uva e' stato pri­vato della liberta', ille­ci­ta­mente, dopo aver com­messo, intorno alle 3 del 14 Giu­gno 2008" il reato di disturbo della quiete pub­blica. Poi "sus­si­stendo la mani­fe­sta sua volonta' di riot­te­nere la liberta' per­so­nale e di movi­mento, e' stato trat­te­nuto per circa due ore, di cui oltre un'ora e trenta in un pre­si­dio di poli­zia, senza neces­sita' ope­ra­tive, in man­canza di pre­sup­po­sti di legge". Que­sto da parte dei cara­bi­nieri Righetto e Del Bosco. I poli­ziotti, dal canto loro, "pur avendo il dovere giu­ri­dico di inter­rom­pere la con­dotta di arre­sto ille­gale, hanno deli­be­ra­ta­mente omesso di farlo, pur a fronte di evi­denti neces­sita' di tutela della inte­grita' fisica di Giu­seppe Uva". Inol­tre, tutti gli agenti "hanno col­la­bo­rato a un'ulteriore ini­zia­tiva di ritardo nei soc­corsi", quando - "fra le 3:53 e le 4:00" - hanno tolto dalle mani di Alberto Big­gio­gero, arre­stato con Uva, il cel­lu­lare con il quale stava chia­mando il padre, il 118 e un avvo­cato. Gli uomini in divisa "hanno poi rite­nuto di dover 'annul­lare' la chia­mata di soc­corso al 118, ritar­dando ulte­rior­mente la pre­sta­zione qua­li­fi­cata di soc­corso", da que­sto "si puo' dedurre che il rico­vero ospe­da­liero sia stato per­ce­pito dagli inda­gati come fatto che avrebbe sot­tratto Giu­seppe Uva alla pos­si­bi­lita' di gestire una situa­zione sani­ta­ria che si stava aggra­vando, ma che rite­ne­vano di poter ancora affron­tare senza con­se­guenze. Di qui la scelta di evi­tare che Giu­seppe Uva fosse tra­spor­tato all'ospedale, dove medici esterni avrebbero potuto con­sta­tarne le con­di­zioni e rac­co­glierne le dichia­ra­zioni". Gli agenti hanno infatti chie­sto l'intervento di un medico diret­ta­mente den­tro la caserma di via Saffi. La visita e' avve­nuta alle 4:15, esat­ta­mente un'ora dopo Uva sarebbe arri­vato in ospe­dale, ormai in fin di vita.

Dagli atti emer­gono anche diverse con­si­de­ra­zioni sull'interrogatorio soste­nuto da Alberto Big­gio­gero il 26 Novem­bre scorso. Dall'altra parte c'erano i pm Abate e Arduini. Il testimone e' stato mal­trat­tato, le domande gli sono state poste "con osti­lita' e fram­men­ta­rieta', cosi' da ren­der­gli obiet­ti­va­mente dif­fi­col­tosa la com­pren­sione". E ancora: "Quando Big­gio­gero cerca di fare affer­ma­zioni su quanto a sua cono­scenza viene smen­tito apo­dit­ti­ca­mente, spesso senza indi­ca­zione di con­te­sta­zioni spe­ci­fi­che, aumen­tando il suo diso­rien­ta­mento, evi­dente in un cit­ta­dino posto di fronte all'autorita', e ancor piu' in una per­sona sem­plice, priva di titoli di stu­dio, che si esprime in maniera chiara ma elementare". C'e' spa­zio anche per le mani­po­la­zioni durante l'interrogatorio: Big­gio­gero "viene pro­gres­si­va­mente con­vinto a ridurre a pochi minuti la sua per­ma­nenza in caserma, con domande sem­pre scan­dite da affer­ma­zioni di men­da­cio e inat­ten­di­bi­lita'". Da con­si­de­rare, tra le altre cose, che Abate e' finito al cen­tro del mirino della pro­cura gene­rale della Cas­sa­zione per essere "venuto meno agli obbli­ghi gene­rali di impar­zia­lita', di cor­ret­tezza e di dili­genza" durante le inda­gini su que­sta vicenda.

.LINKS.
Fonte: Come E' Morto Giuseppe Uva? Sei Uomini In Divisa Sott'Accusa (di Il Manifesto)
Home Page Il Manifesto: http://ilmanifesto.it/
Facebook Il Manifesto: https://www.facebook.com/ilmanifesto
Twitter Il Manifesto: https://twitter.com/ilmanifesto
E-mail Il Manifesto: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.