Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Varie Resistenze Nascoste In Palestina (di Comune-Info)
Resistenze Nascoste In Palestina (di Comune-Info) Stampa
Varie
Scritto da sberla54   
Sabato 27 Settembre 2014 09:00
MilsteinMati
Resistenze Nascoste In Palestina (di Comune-Info)

http://comune-info.net/2014/07/resistenza-nonviolenta-palestina/

Comune-Info

Anche se media e libri di storia fanno di tutto per negarlo e nasconderlo, quella in Palestina resta prima di tutto una straordinaria storia di resistenza pacifica. Dalle ribellioni contro le politiche coloniali britanniche degli anni '20, come il grande sciopero del 1936 durato sei mesi, fino alle forme attuali di resistenza quotidiana, in primis andare a scuola e non smettere di lavorare durante l'occupazione sempre piu' violenta.
Uno dei passaggi di questa non-storia e' la Giornata della Terra, quando il 30 Marzo del 1976 migliaia di palestinesi cittadini d'Israele si riunirono per protestare contro la decisione del governo di espropriare 60.000 dunam (60 chilometri quadri) di terre palestinesi nella Galilea: naturalmente la polizia israeliana reagi' con violenza, causando la morte di sei palestinesi e ferendone centinaia. Non si tratta di spiegare ai palestinesi come dovrebbero resistere di fronte a uno degli eserciti piu' potenti del mondo, ma di riconoscere nella ribellione quotidiana di migliaia di persone comuni storie di speranza e dignita'.
Del resto, cosa sono le proteste di ogni giorno, le dimostrazioni di massa, i rifiuti di pagare tasse, i boicottaggi economici, gli scioperi dei lavoratori, le aperture di scuole comunitarie illegali, le azioni di distruzione di documenti d'identita' emessi dalle autorita' israeliane, gli scioperi della fame nelle prigioni israeliane, le proteste contro il Muro?

Nel corso della storia della resistenza palestinese, prima contro l'Impero Britannico e poi contro Israele, un considerevole settore della societa' palestinese e' stato sempre attivo nell'ambito della resistenza pacifica, la quale negli ultimi anni ha acquisito un crescente apprezzamento nella Palestina. I suoi sforzi sono purtroppo stati prevalentemente ignorati dalla stampa internazionale, la quale ha preferito concentrarsi solo su azioni militari e terroristiche, propagando un'immagine parziale dei palestinesi.

Nel 1917 il Regno Unito emise la Dichiarazione Balfour, nella quale affermava di favorire la creazione di uno stato ebraico in Palestina. I palestinesi, prima sotto l'occupazione dell'Impero Ottomano ed ora del Mandato Britannico, videro cosi' minacciato il loro diritto all'autodeterminazione. I principali membri dell'elite palestinese, attivi attraverso i giornali dalla fine della censura sulla stampa nel 1908, intensificarono le loro attivita' di lobby e di diplomazia verso le autorita' del Mandato Britannico. Negli anni '20, pero', l'elite perse l'iniziativa e movimenti popolari assunsero il ruolo principale tramite proteste e manifestazioni non violente contro le politiche coloniali britanniche e l'implementazione della Dichiarazione Balfour.

Le proteste popolari palestinesi raggiunsero il culmine nel grande sciopero generale del 1936, durato sei mesi e dichiarato dai leader palestinesi. Inoltre, altri metodi di resistenza nonviolenta, come manifestazioni di massa, marce, attivita' di lobby, boicottaggi e rifiuto generale di pagare le tasse rafforzarono lo sciopero generale, il piu' lungo della storia moderna.

Il governo britannico represse severamente questo movimento nonviolento con punizioni collettive come demolizioni di case, multe, incursioni in villaggi arabi ed il bombardamento di oltre 200 edifici a Giaffa il 16 Giugno 1936, sperando cosi' di diminuirne il sostegno da parte della popolazione. La rivolta venne temporaneamente sospesa in Ottobre, ma riprese l'autunno seguente, questa volta come insurrezione violenta a scopi nazionalisti. Quest'insurrezione, che insieme al grande sciopero generale del 1936 viene chiamata la Grande Rivolta Araba, fu infine repressa dai britannici con l'aiuto di milizie sioniste nel 1939.

Anche se la Grande Rivolta Araba contribui' a ritardare la creazione di uno stato e una maggioranza ebrea nella Palestina, non riusci' a liberare i Palestinesi dal giogo britannico ne' a frenare l'immigrazione sionista, che si concretizzo' poi nella creazione d'Israele nel 1948 e nell'esilio forzato di circa 750.000 palestinesi dalla loro terra. Inoltre, durante la rivolta, migliaia di palestinesi vennero uccisi, imprigionati o esiliati, lasciando la societa' palestinese nel caos.

Diventa piu' difficile rilevare atti di resistenza nonviolenta durante il periodo tra la guerra arabo-israeliana del 1948 e la prima Intifada iniziata nel 1987. Atti di resistenza, anche se nonviolenta, vennero aggressivamente repressi da Israele, cosi' come era avvenuto durante il Mandato Britannico. Per i palestinesi il continuare la loro vita quotidiana, andare a scuola, lavorare, senza cadere nella disperazione o emigrare, rappresento' un modo nonviolento di resistere all'occupazione, concetto racchiuso nell'espressione araba sumud (persistenza, risolutezza).

Fu durante questo periodo che avvenne la grande protesta dei palestinesi cittadini d'Israele contro l'esproprio delle terre, di grande importanza per il movimento nonviolento palestinese, e conosciuta adesso come Giorno della Terra. Il 30 Marzo del 1976 migliaia di palestinesi cittadini d'Israele si riunirono per protestare contro la decisione del governo israeliano di espropriare 60.000 dunam (60 chilometri quadri) di terre palestinesi nella Galilea, ultimo di una serie di atti simili. La polizia israeliana reagi' con violenza, causando la morte di 6 palestinesi e ferendone 96.

Gli anni '70 e '80 crearono le basi per la prima Intifada, tramite lo sviluppo della societa' civile e gli sforzi di intellettuali attivisti. Venne creato un gran numero di ONG e di partiti politici, permettendo la costituzione di un sistema organizzativo autonomo, indipendente da quello israeliano. Tutto questo contribui' a sviluppare un senso di autonomia e nazionalismo nei palestinesi, e quindi la loro fiducia e capacita' di organizzazione.

Contemporaneamente, un gruppo di intellettuali attivisti, ispirati dalle idee di Gramsci, comincio' a fare pressione in favore dell'uso della nonviolenza, ambendo a persuadere la leadership politica ed il pubblico generale palestinese della sua superiorita' rispetto ai metodi violenti come strumento per la creazione di uno stato palestinese indipendente. Questo gruppo di intellettuali fece il possibile per sostenere ed aumentare lo sviluppo allora in corso della societa' civile palestinese. Tra questi, alcuni dei piu' noti furono Faisal Hussein, Mubarak Awad, e Sari Nusseibeh.

La prima Intifada, durata dal 1987 al 1993, inizio' sotto forma di piccole manifestazioni locali che crebbero fino a diventare un vero e proprio movimento nazionale di protesta contro l'occupazione militare israeliana della Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est, prendendo alla sprovvista persino l'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP). Anche se le telecamere internazionali si concentrarono sul lancio di sassi (atto certamente violento ma comunque di bassa intensita'), la prima Intifada fu un movimento prevalentemente pacifico, nel quale venne impiegata un'enorme varieta' di tattiche nonviolente quali proteste, dimostrazioni di massa, rifiuto di pagare tasse, boicottaggi economici, sciopero dei lavoratori, apertura di scuole comunitarie illegali, e distruzione di documenti d'identita' emessi dalle autorita' israeliane. Israele reagi' ancora una volta con aggressivita', facendo ricorso alla violenza per sopprimere l'Intifada, il che radicalizzo' i palestinesi. La prima Intifada risulto' in 1.160 morti palestinesi e 90 morti israeliani (B'Tselem).

Durante l'Intifada la repressione israeliana indeboli' le istituzioni ufficiali palestinesi, che vennero presto rimpiazzate dai comitati popolari stabiliti in precedenza che, insieme alle reti di organizzazioni locali, assunsero la responsabilita' di provvedere ai bisogni basici della societa', permettendo in questo modo ai palestinesi di continuare la loro protesta e non-cooperazione. La prima Intifada fu cosi' il meglio organizzato e piu' coeso movimento per la creazione di uno stato palestinese.

Purtroppo, ne' il governo israeliano, ne' l'OLP e i leader palestinesi in esilio, ne' la comunita' internazionale furono in grado di trarre vantaggio dall'opportunita' offerta da questo enorme movimento nonviolento per stabilire un accordo di pace definitivo. La stessa ignoranza venne manifestata dalla stampa internazionale, che, sebbene avesse dato grande attenzione all'Intifada, non riusci' a riconoscere la natura nonviolenta del movimento che stava coinvolgendo l'intera societa' palestinese.

In ogni caso, la prima Intifada ebbe dei modesti successi, portando alla Conferenza di Madrid del 1991-1993 e alle negoziazioni segrete che produssero gli Accordi di Oslo. Questi accordi si concretizzarono nel ritiro d'Israele da certe parti dei territori palestinesi occupati e nella creazione di un'Autorita' Palestinese con poteri limitati per governare queste aree, ma la loro implementazione ebbe un limitato successo.

Negli ultimi anni, il concetto della nonviolenza, come metodo piu' efficace per raggiungere la costituzione di uno stato palestinese, ha acquisito una crescente popolarita' tra i palestinesi, e nuove organizzazioni nonviolente si sono unite ad una societa' civile sempre piu' organizzata. Tra queste troviamo International Solidarity Movement, Holy Land Trust, The Palestinian Center for Rapproachement between People, Middle East Nonviolence and Democracy, e tante altre. La primavera araba, ispirata dalle tattiche della prima Intifada, ha fornito a sua volta nuove energie e motivazione agli attivisti palestinesi, i quali dimostrano una crescente creativita' nelle loro attivita'.

Tra queste troviamo il Movimento BDS di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro corporazioni ed istituzioni culturali ed accademiche israeliane che appoggiano o contribuiscono all'occupazione ed alle violazioni dei diritti umani da parte d'Israele. Questa campagna, iniziata nel 2005, fu inspirata dai metodi del movimento pacifico degli anni '80 che aiuto' a porre fine all'apartheid sudafricano.

Un'altra tattica di resistenza sono le proteste contro il Muro di separazione eretto da Israele. Molti dei villaggi sulla traiettoria del Muro, tra i quali Bil'in, Nilin, Nabi Saleh e al-Walaja, inscenano regolarmente, alcuni settimanalmente, dimostrazioni nonviolente contro di esso. Certi villaggi, come Bil'in, sono riusciti a deviare il Muro o a ritardarne la costruzione.

Ci sono anche gli scioperi della fame nelle prigioni israeliane. Il piu' famoso fu senz'altro lo sciopero del 2012, durante il quale quasi 2.000 prigionieri si unirono nel protestare l'uso di detenzioni amministrative, le quali permettono l'imprigionamento a tempo indefinito senza processo. Nel Maggio del 2012 Israele capitolo' e promise visite familiari ed il termine delle detenzioni amministrative, scaduti sei mesi, in cambio dell'impegno da parte dei detenuti di astenersi da attivita' criminali o terroristiche in prigione. Un nuovo sciopero della fame nelle prigioni e' iniziato nell'Aprile 2014.

I villaggi di protesta sono un'altro metodo molto originale di resistenza nonviolenta. In segno di protesta contro la confisca di terreni, gli insediamenti e la violenza dei coloni israeliani, oltre 200 attivisti palestinesi costruirono nel Gennaio 2013 il villaggio Bab al-Shams, "Porta del Sole", nella zona E1 della Cisgiordania, destinata alla costruzione di ulteriori insediamenti. Sebbene smontato dai soldati israeliani dopo due giorni, Bab al-Shams riusci' ad attirare l'attenzione internazionale ed ispiro' la costruzione di altri villaggi di protesta nella Cisgiordania.

Infine, i palestinesi continuano ad organizzare dimostrazioni, proteste e marce nonviolente contro le varie forme in cui l'ingiustizia dell'occupazione israeliana si manifesta. A Gerusalemme Est, annessa nel 1967, vengono inscenate proteste contro sfratti e demolizioni di case in quartieri palestinesi come Sheikh Jarrah e Silwan. Nei campi profughi nei territori palestinesi ed all'estero, le marce rivendicano il diritto al ritorno alle terre perse dalla Nakba del 1948. Dal 2009 proteste annuali vengono organizzate contro le "zone cuscinetto", tra Israele e la Striscia di Gaza, che riducono la terra agricola disponibile dei palestinesi, esacerbando la situazione gia' critica della sicurezza alimentare di Gaza.

Come abbiamo visto, la storia della resistenza nonviolenta della Palestina e' caratterizzata da un ciclo che si ripete da piu' di un secolo, nel quale il popolo palestinese si unisce in proteste e altre attivita' nonviolente. Queste vengono aggressivamente represse, o dai britannici o dagli israeliani, radicalizzando i palestinesi che ricorrono cosi' alla violenza, per venire poi schiacciati definitivamente. E cosi' passano anni prima che la societa' civile sia ricostruita e la lotta nonviolenta sia ripresa da un'altra generazione.

La resistenza nonviolenta e' il miglior mezzo per combattere l'occupazione israeliana ed assicurare che i diritti dei palestinesi vengano rispettati. Questo in quanto attacca Israele non militarmente, in un ambito in cui e' superiore, ma moralmente, minando ogni giustificazione per le sue azioni e con esse il sostegno della comunita' internazionale. Per far si' che questo accada, pero', e' necessario che anche la comunita' internazionale faccia la sua parte; la continua crescita del movimento nonviolento palestinese non puo' essere mantenuta se percepita dai suoi membri come inutile. E' necessario che la resistenza nonviolenta palestinese venga riconosciuta come tale ed apprezzata dal mondo, che le venga data piu' attenzione dalla stampa internazionale ed infine che la societa' civile internazionale le offra il suo sostegno e cooperazione.
Giulia Valentini

.LINKS.
Fonte: Resistenze Nascoste In Palestina (di Comune-Info)
Home Page Comune-Info: http://comune-info.net/
Facebook Comune-Info: https://www.facebook.com/Comuneinfo
Twitter Comune-Info: https://twitter.com/comuneinfo
YouTube Comune-Info: https://www.youtube.com/channel/UCf2gN8Lmp_hmf3ZFyEniKPQ
E-mail Comune-Info: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.